26 Giugno 2020 Sinistra classe rivoluzione Bologna

Bartolini – Il focolaio provocato dai padroni

Quando il Covid-19 sembrava essere stato debellato, almeno per i mass-media nazionali e locali, ieri è giunta la notizia di un focolaio alla Bartolini, nella sua sede alla periferia di Bologna. I positivi sono 64, tra i magazzinieri, familiari e conoscenti. Ma il numero inevitabilmente crescerà.

L’azienda alza le mani e spiega di essere intervenuta subito. Ma, scavando un poco sotto la superficie, emerge la verità. È stata solo la mobilitazione dei lavoratori, con uno sciopero proclamato dal SiCobas dopo che due lavoratori erano risultati positivi, a far chiudere il magazzino, lo scorso 18 giugno. L’intervento a sorpresa dell’Asl, sempre conseguente alla denuncia del SiCobas, ha rilevato mancanze e violazioni delle prescrizioni anti-covid.

Non tutti portavano la mascherina – riferisce Pandolfi, dirigente Ausl all’agenzia Dire – non era sempre garantito il rispetto delle distanze e c’erano alcune mancanza anche sulla gestione dei locali in termini di pulizia”. Il tutto è riassunto dalle parole: “Il problema è che le regole vanno rispettate”.

Ma chi è che non rispetta le regole? Quali sono le condizioni di lavoro nei magazzini della logistica o per i fattorini? Da anni vengono denunciate dai lavoratori l’estremo sfruttamento e la precarietà in questo settore mentre i profitti sono schizzati alle stelle: nel solo 2019 l’e-commerce ha visto una crescita del fatturato del 17% e nel mese di aprile 2020 c’è stata un’impennata del settore nell’85% rispetto all’anno precedente.

Bartolini si difende nella maniera più classica da manuale dei padroni della logistica, spiegando che i lavoratori contagiati “non erano dipendenti diretti”. Come se la pratica di dividere i lavoratori tra appalti e subappalti di finte cooperative, non fosse stata avviata dai padroni stessi per sfruttare al massimo la manodopera!

Il problema non è solo bolognese, secondo l’Inail nei primi 15 giorni di giugno sono 2mila i nuovi contagi sul lavoro. Ma sicuramente il caso Bartolini è emblematico della strategia adottata dal Presidente della Regione Bonaccini, fra i principali fautori del “riapriamo tutto” a livello nazionale. Per comprendere quanto la priorità della salute pubblica sia stata dimenticata dai governi e dai padroni del vapore, oggi tutti i titoli dei principali quotidiani locali esprimevano preoccupazioni per “il ritardo nelle consegne”, conseguente alla scoperta del focolaio, e solo in caratteri molto piccoli dava conto delle condizioni sanitarie dei lavoratori colpiti.

D’altra parte, la sede di Bartolini non è mai stata chiusa completamente. Ad oggi è clamorosamente chiuso solo il magazzino, ma autisti e impiegati continuano a lavorare, con l’aggiunta di una cooperativa di supporto per garantire le consegne. L’Ausl al momento del controllo a sorpresa non ha applicato alcuna sanzione all’azienda, ma solo qualche bonaria “prescrizione”.

La vicenda insegna due cose: se oggi è venuto alla luce un focolaio in città è solo grazie al protagonismo e alla lotta dei lavoratori, dobbiamo restare vigili a tutela della nostra salute, nessuno lo farà al posto nostro; secondo, ma non per importanza, che da quando la pandemia è scoppiata, il capitalismo ha dimostrato di essere più interessato al profitto che alla salute dei lavoratori, delle loro famiglie e della popolazione intera.

È un sistema che mette a rischio le nostre vite e che deve essere cambiato!

Articoli correlati

emergenza coronavirus

La guerra dei vaccini, tra profitto e propaganda

La vicenda dei vaccini per il Covid dimostra in forma concentrata la criminale assurdità della gestione sanitaria in mano al capitale. Proprio quando sarebbe necessaria la massima collaborazione internazionale, la condivisione di dati e di esperienze, informazioni essenziali vengono coperte dal segreto per spiazzare la concorrenza e i vaccini stessi sono coperti da brevetti.

Trasporti

Gls Piacenza – I padroni forzano il picchetto, operaio muore investito: avanti con la lotta!

La notte scorsa a Montale in provincia di Piacenza un tir, con l’intento di forzare un picchetto, ha travolto e ucciso uno dei lavoratori in lotta, ferendone un altro.

Trasporti

Rinnovo contratto merci e logistica – Fermiamo l’attacco padronale!

Il volantino che i militanti di Sinistra classe rivoluzione diffonderanno il 30 e 31 ottobre nei presidi e nei cortei dei lavoratori del settore Merci e Logistica, in sciopero per il rinnovo del contratto!

Trasporti

Contro gli appalti serve una lotta generale!

Dopo i fatti di Tavazzano, con il ferimento grave di un lavoratore licenziato Fedex durante un picchetto, e dopo l’uccisione di Adil Belakhdim al magazzino Lidl di Biandrate, si è riacceso con forza il dibattito su appalti, subappalti e contratti di fornitura nel settore della logistica.

Trasporti

Trasporto pubblico – Gli scioperi che spaventano padroni e governo

Il 16 giugno i lavoratori si sono mobilitati in difesa dei loro diritti con uno sciopero nazionale promosso da Cub, Sgb, Orsa, Cobas lavoro privato e Usb; l’adesione maggiore è stata a Roma dove da anni le condizioni di lavoro degli addetti ATAC e TPL sono insostenibili.

Lotte e Sindacato

Alitalia: i lavoratori respingono il ricatto padronale

Il 24 aprile si è chiuso il referendum imposto ai lavoratori Alitalia sulla vergognosa pre-intesa firmato il 14 aprile da sindacati, governo e azienda. Il risultato è stato netto, su 11.673 lavoratori aventi diritto hanno votato in 10.184, quasi il 90%. Di questi il 67% ha bocciato la pre-intesa.