14 novembre 2015

Attacchi terroristici a Parigi – Come può rispondere il movimento operaio?

Il fondamentalismo islamico reazionario ha colpito di nuovo, in una serie di attacchi coordinati in diverse località di Parigi, uccidendo la scorsa notte 120 persone e lasciandone ferite altre dozzine. Questo è un attacco reazionario contro lavoratrici e lavoratori, molti di loro giovani, che stavano trascorrendo il loro venerdì sera in ristoranti, teatri ed allo stadio. Condanniamo con fermezza la banda assassina responsabile dell’attacco ed esprimiamo la nostra solidarietà verso la popolazione di Parigi.

L’estrema destra ed i reazionari in Francia ed altrove stanno già tentando di capitalizzare su questo evento dando la colpa ai rifugiati che sono arrivati recentemente in Europa. Possiamo aspettarci che queste accuse continuino e provengano non solo dall’estrema destra, ma anche da politici borghesi di destra più “mainstream”. Questi orrendi attacchi verrano anche strumentalizzati per incolpare le comunità musulmane.

Inoltre la classe dominante, come già successo in passato, userà questo attacco brutale per ridurre le libertà democratiche, aumentare i poteri delle forze di pubblica sicurezza, legalizzare procedure di sorveglianza sempre più invadenti, e così via. Simili misure, prese dopo l’attacco a Charlie Hebdo in Gennaio, non sono servite a prevenire l’attacco di ieri.

Il movimento operaio deve resistere a tutti i tentativi di colpevolizzare rifugiati, migranti e comunità musulmane, e non dovrebbe cadere nella trappola della cosiddetta “unità nazionale”. Lavoratori e giovani in Francia ed altrove, senza alcun dubbio, saranno mossi da sentimenti autentici di orrore, disgusto e dolore. Già ieri una ondata di solidarietà ha attraversato Parigi, i cui abitanti hanno accolto nelle proprie case le persone che fuggivano dagli attentati e che non potevano raggiungere le proprie abitazioni a causa del blocco dei trasporti.

La classe dominante tenterà di usare questa ondata emotiva per radunare dietro a sé l’intera popolazione. Ma lo slogan “libertà, fraternità, uguaglianza” non vuol dire la stessa cosa per il lavoratore di Air France che è appena stato licenziato e per il dirigente della stessa compagnia, che con nonchalance licenzia migliaia di lavoratori. Fra i due, non può esserci alcuna “unità nazionale”.

Dobbiamo anche rifiutare l’ipocisia della classe dominante e dei suoi rappresentanti, in Francia ed altrove, che non sono le vittime innocenti di questi attacchi, come tentano di dipingersi. Questi attacchi terroristici non sono separati dalla recente crescita del fondamentalismo islamico reazionario in paesi come Siria, Iraq, Libia; conseguenza diretta ed indiretta dell’intervento imperialista in questi paesi. Gli imperialismi statunitense, britannico ed anche francese, assieme ai loro alleati (Turchia, Qatar, Arabia Saudita), hanno armato, addestrato e sostenuto ISIS, Al Nusra, Taliban ed altri simili gruppi reazionari jihadisti per portare avanti i propri interessi ed indebolire i loro avversari in diverse regioni dell’Asia.

Dobbiamo rigettare qualsiasi tentativo di inserire questi attacchi nel contesto di un fantomatico “scontro di civiltà” che oppone “valori islamici a valori europei” tentando di giustificare l’unità nazionale contro il “nemico comune”. Questa è una menzogna. I lavoratori ed i poveri in Libano, Siria, Yemen, Afghanistan, Pakistan, Turchia, Nigeria ed altri paesi del mondo soffrono delle stesse tragedie – attentati come quello di Parigi avvengono su base quotidiana in questi luoghi. Giovedì scorso, terroristi dell’ISIS hanno ucciso dozzine di persone in un attentato suicida. E sempre questa settimana, centinaia di migliaia di persone hanno marciato in Afghanistan contro le atrocità commesse dai Taliban. Ricordiamo che in Afghanistan i primi a finanziare e sostenere le forze della reazione più nera furono gli Stati Uniti, nella loro lotta contro il regime del PDPA (Partito democratico del popolo) e dell’Unione Sovietica negli anni ’80.

Di conseguenza, la lotta contro il terrorismo non può esere separata dalla lotta contro gli interventi e la guerra imperialista, e dalla lotta contro il sistema che crea le condizioni in cui il fanatismo religioso si sviluppa e prospera.

Scarica il volantino di Sinistra classe rivoluzione (in formato pdf)

Articoli correlati

Francia – Benoit Hamon e la farsa dell’ “unità della sinistra” !

La sconfitta di Mauel Valls alle primarie del Partito Socialista è stata celebrata, o quantomeno apprezzata, ben oltre l’elettorato di Benoit Hamon (il quale ha ricevuto 1,2 milioni di voti). L’ex Primo Ministro Valls è uno dei rappresentanti più conseguenti della linea di destra, pro-capitalista, della direzione del PS.

Presidenziali 2017: la Francia sul filo del rasoio

Senza ombra di dubbio, il fattore che sta caratterizzando la fase finale della campagna elettorale è l’ascesa repentina di Jean-Luc Mélenchon, ex leader del Fronte di Sinistra ed ora candidato della Francia Ribelle, movimento politico da lui stesso fondato.

Francia – Il governo “socialista” impone per decreto la Loi Travail

Di fronte all’eventualità di essere messo in minoranza dai ribelli del proprio gruppo parlamentare, il Primo ministro francese Valls ha usato i poteri d’emergenza previsti dall’articolo 49.3 della costituzione francese per far passare l’odiata legge El Khomri.

“Né il banchiere, né la razzista!” – Le proteste dei giovani attraversano la Francia!

Giovedì 27 aprile, studenti e giovani a Parigi, Rennes, Nantes, Tolosa e altre città sono scesi in piazza con presidi e cortei. Le proteste erano rivolte sia contro la reazionaria

Francia: no alla El Khomri, è solo l’inizio!

Lo scorso 9 marzo, giorno in cui era prevista la discussione in parlamento del progetto di legge El Khomri (il ministro del lavoro), mezzo milione di giovani e di lavoratori sono scesi in piazza in tutta la Francia contro la riforma.

Melenchon e “Francia ribelle” dicono no al banchiere!

Dopo non aver superato il primo turno delle elezioni presidenziali francesi, Jean Luc Melenchon, a differenza di altri candidati perdenti, ha deciso di non sostenere direttamente Emmanuel Macron al secondo turno.