28 Aprile 2015

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.
Il caso estremo è quello del personale Atm, dove il problema dei carichi di lavoro eccessivi è già attuale senza attendere l’inizio di Expo. Recentemente è stato pubblicato su Repubblica il caso della tabella di lavoro di un conducente che risulterebbe avere prestato servizio dalle 5 del mattino sino alle 2 del giorno successivo, praticamente per 21 ore consecutive. Il caso sarà “eccezionale”, ma di conducenti costretti a rimanere alla guida anche per quattordici ore al giorno o che hanno difficoltà ad usufruire delle ferie certo non ne mancano!
I “rinforzi” per Expo hanno portato all’assunzione di 90 conducenti di linea che su una platea di circa 4mila autisti sono poco più che una goccia nel mare, non essendo in grado di colmare le carenze già esistenti. Le ulteriori 200 assunzioni previste, che quindi arriveranno a manifestazione già iniziata, riguarderanno tutti i settori aziendali.

Il problema non è soltanto se il lavoro extra richiesto verrà indennizzato o meno, ma è proprio lo stravolgimento della turnazione, con la soppressione di parte dei riposi che ricadono in sabato e domenica. Il lavoro supplementare si sovrapporrà alla enorme mole di straordinari già effettuati. Le modifiche imposte, con l’avallo della maggioranza delle sigle sindacali, vanno infatti tutte nella stessa direzione: ti indennizzo con 25 euro al mese se non ti farò fare le ferie, ti pago di più se effettui prestazioni straordinarie, ti scucio ancora qualcosa se lavori nelle giornate di riposo, ti elargisco 150 euro se in sei mesi garantisci meno di tre assenze, ecc.

Il conducente, il tranviere, il macchinista, l’operaio e tutte le persone che lavoreranno per un evento che non hanno voluto e che ha portato ad uno sperpero di denaro pubblico per ingrassare gli interessi di pochi speculatori sarà dunque schiavizzato per sei mesi. C’è solo un dettaglio che non è stato colto: la dignità non ha prezzo.

Articoli correlati

La Saeco non si tocca! La voce dei delegati Fiom

Raffaele e Barbara sono delegati RSU Fiom della Saeco, fabbrica i cui lavoratori dal 26 novembre scorso sono in lotta con un presidio permanente contro il licenziamento di 243 lavoratori annunciato dalla proprietà, la multinazionale Philips. Di questa vertenza si parla molto, non solo a Bologna e provincia. Sono già state coinvolte le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, tanto è vero che si è aperto un confronto tra il governo e la proprietà che dovrebbe riprendere il 18 gennaio 2016.

Almaviva: la determinazione dei lavoratori è l’arma per vincere!

Dopo mesi di assemblee, presidi, scioperi, fiaccolate, e manifestazioni sotto il Ministero dello sviluppo economico (Mise) i lavoratori di Almaviva sono ancora più determinati e consapevoli della loro forza. Lo

Accordo Saeco – Era l’unica soluzione possibile?

Il 9 febbraio si è chiusa la vertenza contro i 243 licenziamenti alla Saeco annunciati dalla proprietà Philips. Dopo 73 giorni di presidio e di blocco delle merci ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici e i lavoratori protagonisti della lotta hanno approvato l’accordo raggiunto il 5 febbraio.

Pavia – Quattro morti in una vasca di liquami: una tragedia inevitabile?

Lo scorso 11 settembre quattro lavoratori indiani sono morti asfissiati dopo essere cadute in una vasca di liquami in un allevamento di bovini di Arena Po, nella provincia di Pavia. Ora vediamo la disperazione delle famiglie, i titoli dei giornali che parlano di “tragedia” e “morti bianche” nel tentativo di considerarle diverse, quasi senza responsabili… Ma come stanno le cose?

WHIRLPOOL – Lotta dura, accordo al ribasso

Governo, sindacati e azienda si uniscono in un coro entusiasta: l’accordo firmato il 2 luglio salvaguarda, a loro dire, i posti di lavoro, cancella la minaccia dei 2.060 esuberi e

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.