19 Maggio 2021 la redazione

Assemblea sulla Palestina – Lunedì 24 maggio, ore 18

Mentre scriviamo, i bombardamenti di Gaza da parte delle Forze di difesa israeliane (IDF) si stanno intensificando. Migliaia di bombe vengono sganciate senza batter ciglio dalla più potente forza militare del Medio Oriente, in una delle aree più densamente popolate e povere del mondo.
Nel frattempo, orde di coloni sionisti di estrema destra e teppisti fascisti pronti al linciaggio, che agiscono con la complicità o il sostegno aperto delle forze statali israeliane, stanno attaccando i quartieri palestinesi dentro alla stessa Israele, distruggendo case, proprietà, negozi, picchiando e uccidendo persone innocenti solo perché palestinesi, in un’ondata di terrore razzista che può solo essere descritto come un Pogrom.
Come marxisti e internazionalisti non siamo neutrali o al di sopra delle parti in un tale conflitto. Difendiamo il diritto dei palestinesi a una patria e il loro diritto di resistere all’oppressione e difendere la loro esistenza con ogni mezzo necessario. La violenza degli oppressi non può mai essere equiparata a quella degli oppressori.
Rivendichiamo lo stop ai bombardamenti e la fine all’occupazione. I lavoratori e i giovani di tutto il mondo devono mobilitarsi e lottare per una Palestina libera come parte di una Federazione socialista del Medio Oriente!
Discuteremo di questo, delle ragioni dell’aggressione di Israele e delle prospettive future in un’assemblea pubblica online.
Interverrà George Issam Qumsieh, marxista palestinese.
Per partecipare, iscriviti qui:
https://bit.ly/AssembleaPalestina
IL VIDEO COMPLETO DELL’ASSEMBLEA

Articoli correlati

Israele e Palestina

L’accordo Israele-Emirati: tutto tranne che “pace”

L’avvio delle relazioni diplomatiche tra Israele ed Emirati Arabi sancito il 13 agosto rappresenta una svolta storica. Non si tratta semplicemente del primo paese della Lega araba pronto a normalizzare i rapporti con lo stato israeliano. Quello che l’accordo delinea è molto più di questo: la possibilità che nella regione mediorientale possa inaugurarsi una coalizione di paesi storicamente inedita in funzione anti-Iran.

Israele e Palestina

Palestina di nuovo in fiamme: è ora di una lotta di massa!

Le manifestazioni contro gli sgomberi forzati nel sobborgo di Sheikh Jarrah e nella spianata delle moschee, represse nel sangue dalla polizia israeliana che si è spinta anche all’interno della moschea di Al-Aqsa, hanno rivelato la realtà che si cela dietro la propaganda sionista.

Israele e Palestina

Giornalista palestinese uccisa da Israele: è un crimine di guerra!

Shireen Abu Akleh, 51 anni, giornalista palestinese di Al Jazeera, è stata uccisa dall’esercito israeliano ieri mattina presto, mentre copriva come inviata un raid nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania occupata. Questo omicidio a sangue freddo di una giornalista – un crimine di guerra secondo la Convenzione di Ginevra – mette ulteriormente a nudo la brutalità dello Stato israeliano e l’ipocrisia dei suoi alleati imperialisti.

Israele e Palestina

Rivolta contro l’ambasciata Usa a Gerusalemme – Palestina libera, Palestina rossa!

Decine di morti e migliaia di feriti palestinesi sotto il piombo e le bombe israeliane nelle manifestazioni contro la provocazione dello spostamento a Gerusalemme dell’ambasciata Usa. Siamo a fianco del popolo palestinese, per una federazione socialista nel mondo arabo e in tutto il Medio oriente!

Israele e Palestina

Palestina – Vittoria dello sciopero della fame!

Il 17 aprile più di 1500 prigionieri palestinesi, nelle carceri israeliane, tra cui il membro del Comitato centrale di Al-fatah Marwan Barghouti e Ahamd Saadat, il segretario del fronte popolare palestinese, hanno cominciato lo sciopero della fame per ottenere i loro minimi diritti umani. Dopo 40 giorni, Israele ha dovuto cedere.

Israele e Palestina

Le dichiarazioni di Trump su Gerusalemme svelano la vera faccia del capitalismo

Mercoledì scorso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che avrebbe riconosciuto ufficialmente Gerusalemme come capitale di Israele. Questo rivela la vera natura dei cosiddetti colloqui di pace.