Anche a Bologna si lotta contro la “Buona scuola”!

La riforma della scuola è stata approvata in Senato, con tanto di fiducia al governo. Non c’è da stupirsi: non è la via legislativa la strada giusta per fermare il governo e le sue politiche classiste, ma solo una lotta piazza per piazza e scuola per scuola potrebbe dare questo risultato.
Nei giorni dell’approvazione della riforma una delle piazze più calde è stata quella di Bologna dove tra manifestazioni, proteste, sit-in, persino uno sciopero della fame (durato sette giorni, a cui hanno partecipato insegnanti genitori e studenti) è stato dimostrato il totale dissenso al governo. Una delle tante azioni messa in campo dagli insegnanti, e che ha destato particolare interesse, è stata la protesta dei maestri della scuola elementare “Dino Romagnoli” che hanno consegnato le pagelle di fine anno imbavagliati, con le mani incatenate e con al collo dei cartelli contro il ddl. L’unione dei lavoratori del comparto scuola nel fronteggiare il governo è stata, negli scorsi mesi, qualcosa che nella nostra città non si vedeva da anni, con assemblee pubbliche che si susseguivano, con la partecipazione di molti insegnanti e, in misura minore, anche di studenti e genitori. Sfumata la possibilità di fermare la “Buona scuola” entro la chiusura dell’anno scolastico, ci si prepara ad un autunno caldo dove entrerà in gioco anche la componente studentesca.
Sono emblematiche in questo senso le parole del professore bolognese Giovanni Cocchi: “A settembre renderemo le cose difficili”. Insomma, si profila una dura lotta contro l’applicazione della riforma anche a Bologna. Noi di Sinistra Classe Rivoluzione e Sempre in lotta saremo sempre al fianco degli insegnanti e degli studenti che lotteranno contro questa riforma della scuola che non fa altro che inasprire le differenze di classe e portare al disastro l’istruzione pubblica del nostro paese. Contro la “Buona scuola”, no all’applicazione della riforma!

Articoli correlati

Scuole e centri estivi: Confindustria chiama, Bonaccini prepara i lazzaretti

Il governatore della Regione Emilia-Romagna è capofila tra quelli che vogliono aprire tutto e ora: “Se ripartono le imprese, non possono non ripartire anche i servizi.” Senza giri di parole, Bonaccini spiega che le imprese devono ripartire per fare profitti, e i lavoratori genitori devono essere liberi dall’“incombenza” dei figli a carico.

150 milioni alle scuole private, mentre si tagliano i fondi all’istruzione pubblica

La ministra Azzolina ha stanziato 150 milioni di euro per le scuole paritarie. Mentre le scuole pubbliche vengono abbandonate, il governo si preoccupa delle private. I numeri però parlano chiaro, le scuole paritarie in Italia accolgono circa 866 mila studenti mentre quelle pubbliche ne accolgono 7,6 milioni.

Blocco degli scrutini – Un bilancio critico

Dopo lo sciopero della scuola del 5 maggio, che ha ottenuto un grande successo fra gli insegnanti con una adesione nazionale intorno al 70 per cento, i vertici sindacali di

Coronavirus e educatori: Vogliamo il 100% dello stipendio!

La chiusura delle scuole per due settimane a causa del Covid-19 di certo non è responsabilità di chi lavora a scuola. È necessario costruire l’unità tra lavoratori pubblici e privati, per rivendicare lo stesso giusto trattamento, il riconoscimento per tutti del salario al 100%, uguali diritti e retribuzione.

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

Centri estivi: no alle condizioni di Confindustria, sulla riapertura decidano gli operatori!

Appare drammaticamente evidente che a queste condizioni non sia possibile garantire lo svolgimento dei centri estivi di qualità e in sicurezza. Questo ci porta a concludere che ogni possibile riapertura dei servizi debba passare dal vaglio dei lavoratori, che possono, organizzandosi, vigilare sulla reale fattibilità del servizio: se si può si lavora; sennò no.