Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero.

Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno sonoramente bocciato l’ipotesi d’accordo proposta dal governo Renzi azienda, che a loro dire avrebbe dovuto a scongiurare i 3mila licenziamenti annunciati.

Sulle ragioni per cui i lavoratori hanno bocciato l’accordo rimandiamo all’articolo pubblicato negli scorsi giorni.

Anche siti come Milano, molto marginalmente toccato dalla ristrutturazione, hanno in solidarietà coi colleghi del centro sud bocciato nettamente l’accordo, a riprova dell’unità e della determinazione che i lavoratori tutti stanno mostrando in questa lotta.

Il voto dei lavoratori e gli scioperi che sono seguiti a Palermo, Napoli e Roma mostrano che è necessaria più decisione nell’affrontare la vertenza nei prossimi giorni. Per questo motivo i lavoratori Almaviva stanno promuovendo un appello che chiede ai sindacati di far si che la giornata dell’incontro al ministero, il 24 maggio, coincida con lo sciopero nazionale e una manifestazione a Roma.

FIRMALO, E’ TUO!

I lavoratori Almaviva in lotta per il proprio lavoro, i propri diritti e il proprio salario ritengono sempre più stringente la proclamazione di uno sciopero nazionale con unica manifestazione a Roma in contemporanea all’incontro al ministero tra azienda, governo e parti sociali. Continuiamo a pensare che la data individuata ovvero martedì 24 maggio sia troppo lontana visto che il tempo a nostra disposizione sta per scadere, pertanto chiediamo che venga anticipata al più presto possibile.

Qualsiasi proposta o ipotesi d’accordo deve perentoriamente e necessariamente prevedere la consultazione certificata dei lavoratori al fine di rendere praticabile tale intesa.

Qualsiasi eventuale accordo, pertanto, dovrà essere stipulato in tempi brevi per garantire la partecipazione di cui sopra e dovrà tener conto della volontà espressa dai lavoratori nello scorso referendum che ha rigettato le ultime proposte aziendali; a tal fine i lavoratori ritengono fondamentale che l’accordo preveda tali linee guida:

  • ritiro immediato dei licenziamenti;

  • garanzie occupazionali per tutte le lavoratrici e i lavoratori;

  • l’immediata applicazione di norme in contrasto alle delocalizzazioni e alle gare al massimo ribasso;

  • una prospettiva industriale che metta al centro il lavoro e i lavoratori;

  • equilibrio delle percentuali di solidarietà tra i vari siti e le relative commesse;

  • le flessibilità operative non devono toccare il salario e la vita dei lavoratori

Scarica l’appello in formato .pdf

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Michelin: senza gerarchie? I miti della rivista “Internazionale”

I miti dell’organizzazione del lavoro delle multinazionali e la cruda realtà. Un nostro lettore ci scrive.

Corrispondenze Operaie

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Corrispondenze Operaie

TAS spa: anche in telelavoro scioperare si può!

Venerdì 3 luglio le RSU di TAS spa hanno proclamato due ore di sciopero per sollecitare la proprietà e la dirigenza a venire incontro, anche in termini economici, alle giuste esigenze dei lavoratori.

Corrispondenze Operaie

Whirlpool Napoli: fermiamo la chiusura con una lotta generalizzata!

Nell’incontro tenuto il 29 gennaio con governo e sindacati la Whirlpool ha stabilito che il 31 ottobre andrà via da Napoli. L’amministratore delegato ha ribadito che il sito napoletano non è economicamente sostenibile.

Corrispondenze Operaie

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

Corrispondenze Operaie

Bologna – I lavoratori IMA dovranno presentare il conto

In questa situazione che è stata la prima veramente critica negli ultimi 20 anni crediamo che la figura di Vacchi si sia mostrata per quello che è sempre stata. La borsa, quindi il profitto, hanno avuto la precedenza sulla sicurezza di chi produce quella ricchezza. Quando l’azienda sarà a pieno regime, dovremo essere all’altezza della situazione e mettere in campo tutta la capacità di mobilitazione dei lavoratori IMA per presentare il conto all’azienda.