Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero.

Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno sonoramente bocciato l’ipotesi d’accordo proposta dal governo Renzi azienda, che a loro dire avrebbe dovuto a scongiurare i 3mila licenziamenti annunciati.

Sulle ragioni per cui i lavoratori hanno bocciato l’accordo rimandiamo all’articolo pubblicato negli scorsi giorni.

Anche siti come Milano, molto marginalmente toccato dalla ristrutturazione, hanno in solidarietà coi colleghi del centro sud bocciato nettamente l’accordo, a riprova dell’unità e della determinazione che i lavoratori tutti stanno mostrando in questa lotta.

Il voto dei lavoratori e gli scioperi che sono seguiti a Palermo, Napoli e Roma mostrano che è necessaria più decisione nell’affrontare la vertenza nei prossimi giorni. Per questo motivo i lavoratori Almaviva stanno promuovendo un appello che chiede ai sindacati di far si che la giornata dell’incontro al ministero, il 24 maggio, coincida con lo sciopero nazionale e una manifestazione a Roma.

FIRMALO, E’ TUO!

I lavoratori Almaviva in lotta per il proprio lavoro, i propri diritti e il proprio salario ritengono sempre più stringente la proclamazione di uno sciopero nazionale con unica manifestazione a Roma in contemporanea all’incontro al ministero tra azienda, governo e parti sociali. Continuiamo a pensare che la data individuata ovvero martedì 24 maggio sia troppo lontana visto che il tempo a nostra disposizione sta per scadere, pertanto chiediamo che venga anticipata al più presto possibile.

Qualsiasi proposta o ipotesi d’accordo deve perentoriamente e necessariamente prevedere la consultazione certificata dei lavoratori al fine di rendere praticabile tale intesa.

Qualsiasi eventuale accordo, pertanto, dovrà essere stipulato in tempi brevi per garantire la partecipazione di cui sopra e dovrà tener conto della volontà espressa dai lavoratori nello scorso referendum che ha rigettato le ultime proposte aziendali; a tal fine i lavoratori ritengono fondamentale che l’accordo preveda tali linee guida:

  • ritiro immediato dei licenziamenti;

  • garanzie occupazionali per tutte le lavoratrici e i lavoratori;

  • l’immediata applicazione di norme in contrasto alle delocalizzazioni e alle gare al massimo ribasso;

  • una prospettiva industriale che metta al centro il lavoro e i lavoratori;

  • equilibrio delle percentuali di solidarietà tra i vari siti e le relative commesse;

  • le flessibilità operative non devono toccare il salario e la vita dei lavoratori

Scarica l’appello in formato .pdf

Articoli correlati

MODENA – Gli operai non sono “carne da macello”, e nemmeno criminali!

Anche a Modena, come nel resto d’Italia, nelle fabbriche e nei magazzini cresce la rabbia operaia contro la mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro. In questo contesto, è gravissimo che all’Emiliana Serbatoi di Campogalliano, durante uno sciopero per rivendicare condizioni minime di sicurezza, la polizia sia intervenuta in anti-sommossa, portando in Questura il coordinatore provinciale del Si-Cobas, Enrico Semprini, ed altri sette lavoratori di quell’azienda.

Almaviva: riprendiamo la lotta contro i licenziamenti!

Il 5 ottobre, la direzione aziendale di Almaviva ha comunicato la volontà di riaprire le procedure di licenziamento per 2511 lavoratori (1666 a Roma e 845 a Napoli) con conseguente chiusura delle sedi di Napoli e Roma.

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.

Milano, 19 gennaio – Sciopero e manifestazione contro le morti sul lavoro

Non c’è questione più politica di questa: se contino di più fatturato e profitto o la vita e la salute dei lavoratori. E se anche inchieste e processi potranno forse stabilire la dinamica dei fatti, la vera risposta non verrà nelle aule di un tribunale o dai vertici in prefettura, ma da una chiara e cristallina ripresa del conflitto di classe, nei luoghi di lavoro e in tutta la società.

Castelfrigo: le cariche e le intimidazioni non fermano la lotta

Alla Castelfrigo è ripreso lo sciopero ad oltranza con presidio, dopo che l’azienda ha interrotto in maniera unilaterale le trattative.