Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, su questo bisogna essere chiari, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Detto questo ci pare più che comprensibile che i lavoratori tirino un sospiro di sollievo e considerino il temporaneo ritiro degli esuberi una loro vittoria. Infatti è solo ed esclusivamente per merito dei lavoratori se alla fine l’azienda ha dovuto accettare lo slittamento della resa dei conti.

Senza la lotta unitaria dei lavoratori di tutte le filiali che in questi due mesi sono scesi in sciopero innumerevoli volte, che hanno fatto presidi, che sono accorsi in massa sotto il ministero, che hanno bocciato un primo accordo proposto da governo e azienda col 90% di No e hanno esercitato continue pressioni anche sui dirigenti sindacali per intensificare lo scontro, senza tutto ciò oggi si parlerebbe ancora di 3mila licenziamenti in arrivo.

Rispetto all’accordo presentato a inizio maggio delle differenze ci sono, dopo sei mesi di solidarietà dal primo gennaio 2017 scatterà la cassa integrazione straordinaria per i lavoratori considerati dall’azienda in esubero. Oltre a questo c’è la promessa di reintegrare entro la fine del 2017 almeno il 20% dei lavoratori che andranno in cassa integrazione. Ma questo, che da una maggiore tranquillità momentanea, nei fatti non risolve nessun problema. Alla scadenza di questi 18 mesi le motivazioni che avevano portato Almaviva ad annunciare i licenziamenti saranno ancora in campo. Infatti su questa questione nell’accordo c’è solo una dichiarazione di intenti dell’azienda che si impegna ad aumentare i volumi produttivi monitorando con il sindacato mensilmente i progressi.

Un ulteriore forte limite dell’accordo è quello di circoscrivere il procedimento solo ai siti coinvolti dagli esuberi ovvero Roma, Napoli e Palermo, senza estendere né spalmare su tutti i dipendenti gli ammortizzatori sociali. A queste forti criticità si aggiunge un aumento della flessibilità operative  che non significa altro che peggioramento delle condizioni di lavoro.

I dirigenti sindacali non hanno mostrato la stessa determinazione dei lavoratori, questo è risaputo e va ribadito. Anche il fatto che l’accordo sia stato sottoscritto pochi giorni prima della partenza delle lettere di licenziamento è un evidente modo per mettere i lavoratori di fronte al ricatto, prendere o lasciare. Si poteva fare di più, la capacità di mobilitazione dei lavoratori sicuramente permetteva di ottenere di più.

Malgrado tutti i limiti di questo accordo i lavoratori ne escono più consapevoli della loro forza e del fatto che si è giocato solo un tempo di una partita che è ancora aperta. Questi due mesi non sono passati invano.
Nei prossimi mesi non bisogna abbassare la guardia, sarà necessario fare sentire la propria pressione monitorando tutti i passaggi dell’applicazione dell’accordo e preparandosi ad una nuova battaglia con la stessa compattezza e la stessa determinazione che ha fermato i licenziamenti nel corso di questa vertenza.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.

Corrispondenze Operaie

Italpizza Modena – Non un passo indietro! La Cgil rilanci la lotta!

Riceviamo e pubblichiamo un appello di delegati e dirigenti sindacali di Modena in appoggio alla vertenza Italpizza. — APPELLO PER LA PROCLAMAZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE DI TUTTA LA CGIL E

Lotta al precariato

Jobs Act – A fare festa sono sempre i soliti

I dati INPS relativi al mercato del lavoro nei primi otto mesi dell’anno, fanno dire a confindustria che le cose vanno bene. Si può sempre migliorare, ma i risultati del jobs act sono incoraggianti. Se le cose vanno bene per i padroni, allora vanno anche per il governo Renzi, loro fedele servitore. Quindi, cosa c’è che non va?

Corrispondenze Operaie

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.

Corrispondenze Operaie

Il lockdown non ha protetto i lavoratori

C’è una crisi che sembra essere passata in secondo piano durante lo scorso anno: i morti sul lavoro, le cosiddette “morti bianche”. Con una media di 3,17 morti al giorno per la decade 2009-2019, di cui si parla troppo poco, vuol dire che c’è un’altra emergenza che non è finita. Questa emergenza è la lotta di classe.

Lotta al precariato

La crisi Covid-19? Scaricata sugli educatori!

L’emergenza sanitaria ha influito in maniera piuttosto pesante sugli educatori di comunità ma va detto che anche prima la situazione non era delle migliori. Bisogna lottare non solo per il diritto dei lavoratori ad avere migliori condizioni di lavoro ma soprattutto per gli utenti, in particolare i bambini, che non devono essere penalizzati da queste logiche.