25 Maggio 2016

Almaviva: la determinazione dei lavoratori è l’arma per vincere!

Dopo mesi di assemblee, presidi, scioperi, fiaccolate, e manifestazioni sotto il Ministero dello sviluppo economico (Mise) i lavoratori di Almaviva sono ancora più determinati e consapevoli della loro forza.Almaviva ministero

Lo dimostra lo sciopero e il presidio sotto il Mise di ieri, 24 maggio, a Roma.

Centinaia di lavoratori di Roma e Napoli hanno gridato tutta la loro rabbia e la loro determinazione,

mentre i loro colleghi di Palermo, pur sostenendo lo sciopero, si prendevano gioco della proprietà entrando collettivamente in azienda in modo da farle pagare il costo del lavoro mentre questa aveva già dirottato tutte le chiamate in un altro call center.

La combattività espressa in questa giornata è la base su cui si può costruire un finale positivo per questa vertenza fermando i licenziamenti o eventuali accordi al ribasso.

Il presidio non aveva nulla a che vedere con certi presidi i cui i lavoratori, stanchi dopo mesi di lotta e di incapacità dei vertici sindacali, si avviano verso un finale già scritto.

Gli slogan contro il governo Renzi e contro il padrone dimostrano che si capisce chi è il nemico ma l’aspetto più importante è la chiarezza sul fatto che l’azienda “sta prendendo per il culo” i lavoratori. Una lotta unitaria in cui le voci dei dipendenti della filiale di Roma e di quella Napoli si univano in solo coro “la gente come noi non molla mai” quasi a voler dimostrare che chi li vuole dividere sulla base di proposte di licenziamenti e contratti di solidarietà che privilegiano uno stabilimento rispetto all’altro non riuscirà a rompere la loro unità costruita con mesi di lotta.

Malgrado il sindacato abbia fatto rientrare i pullman venuti da Napoli mentre la trattativa era ancora in corso moltissimi lavoratori sono rimasti sotto il ministero, rientrando con mezzi propri solo in serata. Sono stati i lavoratori di Roma, con un bel gesto di solidarietà, a finanziare il rientro dei lavoratori di Napoli rimasti fino a tardi.

Un segnale alla delegazione trattante che dimostra come i lavoratori li tengano d’occhio e siano disponibili a sostenerli in una trattativa che sarà lunga e difficile.

Un contesto come questo non lascia attenuanti al sindacato. Dopo la bocciatura della proposta di accordo i lavoratori non sono disponibili ad accordi al ribasso. C’è tutta la forza per proseguire e rilanciare la mobilitazione fino al ritiro dei licenziamenti. Ieri l’incontro al ministero non ha dato risultati, la lotta dovrà proseguire e intensificarsi.

Ci vediamo di nuovo a Roma il 27 Maggio per un altro sciopero nazionale, stavolta non basta un presidio ma serve un corteo che blocchi le strade delle capitale.

Articoli correlati

Funzione pubblica: serve una lotta vera!

  Il 18 dicembre si è riunito il direttivo nazionale della FP-Cgil. La categorie dell’impiego pubblico è nel pieno del rinnovo del contratto nazionale. Contratto fermo dal 2009. Pubblichiamo l’intervento al direttivo

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.

Proges – Come perdere una lotta senza sparare un colpo

Quando una cooperativa perde un appalto in favore di un’altra, quella subentrante è obbligata per legge all’assunzione dei lavoratori che sono impiegati in quel cantiere alle stesse condizioni a cui

Domeniche lavorative in Esselunga, dalla padella alla brace!

Il 22 gennaio del 2016, presso l’hotel NH di Bologna, Esselunga, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, hanno siglato una ipotesi di accordo sulla programmazione del lavoro domenicale.

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.

Sull’accordo Castelfrigo e il giudizio del Si Cobas in merito

Nelle scorse settimane la ditta Castelfrigo di Castelnuovo Rangone è stata protagonista di una lotta molto dura messa in campo dai 130 “facchini” delle cooperative che vi lavorano. Per la prima volta lavoratori di etnie diverse e che non si erano mai nemmeno parlati tra loro, con uno sciopero di oltre 10 giorni ed un picchetto molto duro, hanno vinto assieme una battaglia importante. La vertenza ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli mentre durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si Cobas, sono scesi in sciopero di solidarietà.