Almaviva: la determinazione dei lavoratori è l’arma per vincere!

Dopo mesi di assemblee, presidi, scioperi, fiaccolate, e manifestazioni sotto il Ministero dello sviluppo economico (Mise) i lavoratori di Almaviva sono ancora più determinati e consapevoli della loro forza.Almaviva ministero

Lo dimostra lo sciopero e il presidio sotto il Mise di ieri, 24 maggio, a Roma.

Centinaia di lavoratori di Roma e Napoli hanno gridato tutta la loro rabbia e la loro determinazione,

mentre i loro colleghi di Palermo, pur sostenendo lo sciopero, si prendevano gioco della proprietà entrando collettivamente in azienda in modo da farle pagare il costo del lavoro mentre questa aveva già dirottato tutte le chiamate in un altro call center.

La combattività espressa in questa giornata è la base su cui si può costruire un finale positivo per questa vertenza fermando i licenziamenti o eventuali accordi al ribasso.

Il presidio non aveva nulla a che vedere con certi presidi i cui i lavoratori, stanchi dopo mesi di lotta e di incapacità dei vertici sindacali, si avviano verso un finale già scritto.

Gli slogan contro il governo Renzi e contro il padrone dimostrano che si capisce chi è il nemico ma l’aspetto più importante è la chiarezza sul fatto che l’azienda “sta prendendo per il culo” i lavoratori. Una lotta unitaria in cui le voci dei dipendenti della filiale di Roma e di quella Napoli si univano in solo coro “la gente come noi non molla mai” quasi a voler dimostrare che chi li vuole dividere sulla base di proposte di licenziamenti e contratti di solidarietà che privilegiano uno stabilimento rispetto all’altro non riuscirà a rompere la loro unità costruita con mesi di lotta.

Malgrado il sindacato abbia fatto rientrare i pullman venuti da Napoli mentre la trattativa era ancora in corso moltissimi lavoratori sono rimasti sotto il ministero, rientrando con mezzi propri solo in serata. Sono stati i lavoratori di Roma, con un bel gesto di solidarietà, a finanziare il rientro dei lavoratori di Napoli rimasti fino a tardi.

Un segnale alla delegazione trattante che dimostra come i lavoratori li tengano d’occhio e siano disponibili a sostenerli in una trattativa che sarà lunga e difficile.

Un contesto come questo non lascia attenuanti al sindacato. Dopo la bocciatura della proposta di accordo i lavoratori non sono disponibili ad accordi al ribasso. C’è tutta la forza per proseguire e rilanciare la mobilitazione fino al ritiro dei licenziamenti. Ieri l’incontro al ministero non ha dato risultati, la lotta dovrà proseguire e intensificarsi.

Ci vediamo di nuovo a Roma il 27 Maggio per un altro sciopero nazionale, stavolta non basta un presidio ma serve un corteo che blocchi le strade delle capitale.

Articoli correlati

Lotte e Sindacato

Jobs act: controllare per sottomettere

Il 25 giugno sono entrati in vigore terzo e quarto decreto attuativo del Jobs Act. Dopo la tutela contro i licenziamenti illegittimi, si abbatte il diritto a svolgere le mansioni

Corrispondenze Operaie

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

Corrispondenze Operaie

Gran Bretagna – Il conflitto alla GKN Automotive: occupare e lottare per la nazionalizzazione

In Gran Bretagna come in Italia, Gkn chiude e licenzia, senza alcun rispetto per la vita e la dignità dei lavoratori. La lotta per la difesa dell’occupazione non ha confini, come spiega questa corrispondenza pubblicata su socialist.net, il sito della sezione britannica della Tendenza marxista internazionale.

Corrispondenze Operaie

A proposito della lotta all’outlet di Serravalle Scrivia

C’è un luogo dove la vertenza contro la liberalizzazione degli orari è salita alla ribalta nazionale e i lavoratori hanno preteso a gran voce dai sindacati che per Pasqua lo sciopero fosse uno sciopero vero. Questo posto è l’outlet di Serravalle Scrivia, un immenso centro commerciale, il più grande d’Europa con 2.500 dipendenti di proprietà di una multinazionale americana.

Lotte e Sindacato

Basta salari da fame! Un libro da discutere

Basta salari da fame! di Marta e Simone Fana ha il merito di mettere il dito nella piaga di una questione salariale ormai esplosiva. L’obiettivo politico è esplicito: sostenere la battaglia per l’introduzione in Italia di un salario minimo legale, che gli autori propongono sia fissato a 10 euro l’ora.

Corrispondenze Operaie

Saeco: “Resistere un minuto in più della Philips”

Sono migliaia i delegati, funzionari e dirigenti cgil che hanno ascoltato con attenzione l’intervento di Raffaele Falzoni rsu Fiom Saeco.