Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

Il primo ministro Renzi aveva promesso che avrebbe risolto al più presto il grave problema occupazionale di Almaviva, azienda di servizi call-center con 9mila dipendenti che a marzo ha annunciato 3mila esuberi.

Detto fatto, all’inizio di maggio Almaviva e governo hanno partorito un’ipotesi d’accordo. Accordo sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519  (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Un voto contro un accordo che dice che Almaviva farà finta di non cacciare i lavoratori in esubero per altri sei mesi applicando i contratti di solidarietà. Ovvero condannando la stragrande maggioranza dei lavoratori, che hanno contratti part-time di quattro ore, a morire di fame.

Le mobilitazione che hanno espresso rabbia e determinazione nei mesi scorsi dicono che i lavoratori non sono più disposti a farsi prendere in giro e vogliono vincere questa battaglia.

Le cause degli esuberi sono tutte da addebitare al governo che grazie a una vergognosa legge sugli appalti permette alle aziende di acquisire commesse a costi inferiori al costo del lavoro. Ai padroni che dopo aver spremuto questi lavoratori per anni, ora li sbattono sulla strada.

I sindacati hanno esultato per la bocciatura dell’accordo, ma ora è arrivato il momento di mettere in campo una mobilitazione adeguata all’ultimatum che hanno mandato i lavoratori. È evidente che gli scioperi messi in campo fin ora non sono stati sufficienti. La lotta deve proseguire rivendicando che questi lavoratori che offrono servizi alla cittadinanza devono essere internalizzati nelle società pubbliche per cui lavorano, i più importanti committenti sono aziende pubbliche come Poste e Enel.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

IMA (Bologna) – L’emergenza non sia a carico dei lavoratori!

Il COVID 19 allontana i clienti stranieri dall’Italia mentre all’estero i lavoratori italiani in trasferta spesso sono visti con diffidenza e rischiano di finire in quarantena. È la situazione tipica delle aziende del packaging bolognese.

Corrispondenze Operaie

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Corrispondenze Operaie

Almaviva – Vincere si può!

Il volantino che distribuiremo oggi in piazza a Roma in occasione dello sciopero dei lavoratori Almaviva.

Corrispondenze Operaie

Bormioli – Una lotta che riguarda tutti i lavoratori

Il volantino che oggi diffonderemo agli operai e agli impiegati della Bormioli di Fidenza.

Corrispondenze Operaie

Carpi (Mo) – La Goldoni va nazionalizzata! La Goldoni è dei lavoratori e della collettività!

Il testo del volantino che stiamo distribuendo ai cancelli della Goldoni, fabbrica metalmeccanica a rischio chiusura con 210 posti di lavoro in pericolo.

Corrispondenze Operaie

A proposito della lotta all’outlet di Serravalle Scrivia

C’è un luogo dove la vertenza contro la liberalizzazione degli orari è salita alla ribalta nazionale e i lavoratori hanno preteso a gran voce dai sindacati che per Pasqua lo sciopero fosse uno sciopero vero. Questo posto è l’outlet di Serravalle Scrivia, un immenso centro commerciale, il più grande d’Europa con 2.500 dipendenti di proprietà di una multinazionale americana.