Alcune note sulle elezioni catalane

1- Mas voleva una maggioranza assoluta e non ce l’ha, assieme i due partiti catalani raccolgono 62 seggi contro i 71 che CiU e ERC avevano raccolto presentandosi separatamente nel 2012.

2- All’interno del blocco indipendentista c’è un chiaro spostamento a sinistra, prima da CiU verso ERC ed ora da ERC verso la Cup (Coordinamento di Unità popolare)

3- La Cup ha presentato un chiaro messaggio di rottura (nazionale e sociale) ed è passata da 120 a 335 mila voti sulla base di un programma anticapitalista.

4- Alla Cup manca ancora un forte radicamento operaio ma comincia a crescere nei quartieri operai soprattutto tra i giovani.

5- Ora la Cup sarà sottoposta a un enorme pressione per votare Mas alla presidenza, ma soprattutto, per formare un governo di “concentrazione nazionale” con il CDC, che sembrano aver accettato, ma che dovrebbero respingere.

6- Preoccupante la forte avanzata di Ciutatans nei quartieri operai (tradizionalmente di sinistra), a seguito della polarizzazione nazionale e l’assenza di un chiaro programma da parte della sinistra.

7- Risultato negativo per Catalunya si que es pot (la lista di Podemos, Iu e ICV) che ha avuto molti problemi: una posizione non di rottura sul diritto all’autodeterminazione, una candidatura e una campagna organizzata dall’alto (in contrasto con la campagna di Barcelona en Comù che organizzò migliaia di attivisti dal basso), l’identificazione con Tsipras che ha allontanato gli elettori più radicali, una campagna che stava migliorando nel finale ma era piuttosto generale e ambigua (far fuori Mas e Rajoy, sì, ma, per applicare quale politica?) – anche se ha più voti di ICV nel 2012, ha perso potenziali elettori a sinistra verso la Cup e a destra verso il Psc (un sondaggio del Periodico a inizio campagna venivano dati 30 seggi a Si que es pot).

8- Una forte frattura nel paese su basi nazionali con un voto molto differenziato nelle grandi città e le zone rurali, soprattutto nei quartieri dei lavoratori in relazione all’indipendenza.

9- Mas tenterà di utilizzare il risultato per negoziare con Madrid e la coalizione Junts pel Si (e anche la Cup) sarà sottoposta a un enorme pressione.

10- È abbastanza improbabile che lo stato (PP-PSOE) faccia un’offerta sostanziale prima delle elezioni politiche del 20 dicembre.

11- La lezione più importante a livello nazionale: per vincere è necessario un messaggio chiaro e radicale e un’unità genuina costruita dal basso (seguendo il modello delle candidature di unità popolare che hanno vinto le elezioni comunali di maggio).

Complimenti ai compagni della Cup e di Catalunya si que es pot che sono stati eletti augurandoci che diano vita a un forte blocco anti-capitalista nel Parlamento catalano. (Jorge Martin)

Articoli correlati

Spagna

La vittoria di Pedro Sanchez – la base del Psoe svolta a sinistra e sconfigge l’apparato

Pedro Sanchez ha ottenuto una vittoria incontestabile alle primarie del Psoe per il ruolo di segretario generale del partito, ottenendo più del 50% dei voti dei militanti, e lo ha fatto difendendo una posizione di sinistra, la sua opposizione al Pp (Partito popolare) e reclamando, a parole, la necessità di una maggioranza di sinistra per cacciare via la destra.

Spagna

Podemos – Le differenze tra Errejon e Iglesias, un riflesso della lotta di classe

La Seconda “Asamblea ciudadania” nazionale di Vistalegre (in programma l’11-12 febbraio prossimi) ha una grande importanza per Podemos e per la sinistra spagnola e non è un caso che sia caratterizzata dalla polarizzazione delle posizioni dei compagni Pablo Iglesias e Íñigo Errejón.

Spagna

SPAGNA – Formare comitati di emergenza in ogni luogo di lavoro, fermare tutte le attività non essenzali e garantire il 100% del salario

Il governo spagnolo si è dimostrato impotente nel gestire la diffusione del coronavirus. Esorta la popolazione a “prepararsi a tempi difficili”, un affermazione che i dati del Ministero della Salute confermano. D’altra parte, la destra manca di alternative e si limita semplicemente a un’opera di demagogia. In effetti, l’austerità e le politiche di privatizzazione all’epoca del governo di Rajoy e portate avanti per decenni sono state in gran parte responsabili del pietoso stato della sanità pubblica nella Comunità di Madrid e in altre regioni.

Donne

Spagna – Sentenza della “Manada ”: manifestazioni di massa contro la giustizia patriarcale e di classe

La sentenza sul caso della “Manada” ha riempito le strade di tutta la Spagna di rabbia e indignazione. Il tribunale ha assolto gli imputati dall’accusa di “aggressione sessuale” condannandoli a 9 anni di prigione per abusi sessuali ma in assenza di violenza e intimidazione.

Spagna

La TMI respinge le condanne di reclusione per i prigionieri politici catalani

Nove prigionieri politici catalani, detenuti in custodia cautelare da quasi due anni, sono stati condannati a lunghe pene detentive da 9 a 13 anni dalla Corte suprema spagnola per sedizione e malversazione di fondi pubblici. La Tendenza marxista internazionale rifiuta queste sentenze scandalose e invita le forze del movimento operaio, socialiste e democratiche del mondo a mobilitarsi contro di esse con tutte le loro forze.

Spagna

La marcia di Barcellona contro il terrorismo: uno schiaffo in faccia agli imperialisti e ai guerrafondai

Una settimana fa, due attacchi terroristici hanno scosso le comunità catalana e spagnola a Barcellona e Cambrils. La destra reazionaria ha subito colto l’opportunità di spargere il proprio veleno razzista, seminando la paura e la divisione tra le masse, promuovendo misure repressive e intensificando gli interventi imperialisti all’estero.