28 Luglio 2015

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278 lavoratori che non hanno partecipato alla votazione. Un’astensione difficilmente riconducibile alle ferie estive e frutto di un accordo che sul futuro dei lavoratori somministrati tace. Quello proposto ai sindacati da Flextronics è nei fatti un accordo che propone l’assorbimento totale della manodopera stabile (314 dipendenti) e l’assunzione di cento lavoratori interinali, con garanzie che dai tre anni iniziali passano a cinque ed escludono procedimenti di licenziamenti collettivi.
Il problema è che il licenziamento collettivo è già in atto: dall’accordo sono infatti totalmente esclusi circa 300 lavoratori interinali attualmente in produzione. L’estensione delle garanzie a cinque anni ha fatto cantar vittoria ai sindacati che però dimenticano che la sorte per i somministrati “eccedenti” è semplicemente il mancato rinnovo del contratto. Inoltre la diminuzione effettiva di forza lavoro è maggiore rispetto alla diminuzione di produzione prevista dall’accordo e questo può significare una sola cosa: l’aumento dei carichi di lavoro. Il riassorbimento dei lavoratori “tutelati” come quello dei cento interinali avverrà poi, con ogni probabilità, con il contratto a tutele crescenti del Jobs act.
La garanzia di non ricorrere a licenziamenti collettivi (nei primi cinque anni) cozza quindi con uno strumento, quello del nuovo contratto, che non dà garanzia alcuna contro i licenziamenti individuali. Niente impedirà all’azienda di licenziare singoli lavoratori, magari quelli sindacalizzati che hanno condotto la lotta contro la dismissione della fabbrica. Il referendum interno riflette allora uno stato d’animo fortemente contradditorio frutto di un’insicurezza sul futuro dei lavoratori interinali. Se, con grande probabilità, i dipendenti di Alu hanno accettato le proposte dell’azienda questo non significa certo un voltafaccia improvviso da parte di chi ha condotto una mobilitazione esemplare fatta di scioperi ad adesione totale e blocco delle merci durato 15 giorni. Nei fatti, dopo la “distensione” nei rapporti tra azienda e lavoratori (garantita con il ricatto nei confronti dei lavoratori più deboli contrattualmente) i sindacati hanno giocato una partita tutta interna alla logica dell’azienda, sprecando il potenziale di mobilitazione che avrebbe potuto ribaltare i rapporti di forza in gioco.
Davanti ai lavoratori che ieri si sono espressi in assemblea non c’era la controproposta dei sindacati ma solamente la proposta dell’azienda. Una situazione che per molti ha significato “mangiare la minestra per non saltare dalla finestra”. Dal novero delle possibilità i vertici sindacali hanno escluso quello di riprendere la mobilitazione. La nostra impressione è che questo accordo non tuteli nessuno, nemmeno chi ha ritenuto di votarlo perché rientrante in quella quota di stabilizzati.
È innanzitutto una sconfitta sul piano della tutela dei lavoratori interinali che si tramuterà in un duro colpo anche per l’indotto, soprattutto la mensa. E per i dipendenti significa avere oggi la possibilità, grazie al governo Renzi, di essere demansionati e licenziati a piacimento dell’azienda. I più ottimisti accettano il compromesso, rimandando al futuro la necessità di verificare la validità delle promesse fatte. Ma oggi la volontà del padrone ha la forza della legge, grazie a Renzi e ai suoi fedeli portaborse, in primis Debora Serracchiani. Riprendere oggi una mobilitazione efficace lo si può fare solo se il sindacato, e la Fiom soprattutto, sarà in grado di legare la salvaguardia dei livelli occupazionali con il rifiuto del Jobs act. Altrimenti significherà accettare la lenta dismissione dello stabilimento triestino, finalmente fuori dai riflettori della stampa.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/rivoluzione/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

Articoli correlati

Accordo Saeco – Era l’unica soluzione possibile?

Il 9 febbraio si è chiusa la vertenza contro i 243 licenziamenti alla Saeco annunciati dalla proprietà Philips. Dopo 73 giorni di presidio e di blocco delle merci ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici e i lavoratori protagonisti della lotta hanno approvato l’accordo raggiunto il 5 febbraio.

Messina – I politici piangono, ma solo gli operai muoiono

Porto di Messina, 29 novembre 2016. Quattro operai stanno svolgendo lavori di manutenzione nella nave “Sansovino”, imbarcazione che fa la spola tra Messina e Lampedusa.

Fincantieri – No all’accordo!

“Non firmate quell’accordo!”, è questo il messaggio che gli operai Fincantieri, in agitazione in tutta Italia, hanno mandato alle organizzazioni sindacali. È partita dal cantiere del Muggiano (La Spezia) la

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Milano, 19 gennaio – Sciopero e manifestazione contro le morti sul lavoro

Non c’è questione più politica di questa: se contino di più fatturato e profitto o la vita e la salute dei lavoratori. E se anche inchieste e processi potranno forse stabilire la dinamica dei fatti, la vera risposta non verrà nelle aule di un tribunale o dai vertici in prefettura, ma da una chiara e cristallina ripresa del conflitto di classe, nei luoghi di lavoro e in tutta la società.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.