17 Agosto 2016

Alan Woods e Esteban Volkov presentano la nuova edizione di Stalin, di Lev Trotskij

Città del Messico, sabato 20 agosto: presso la Casa Museo Lev Trotskij, Alan Woods, direttore di www. marxist.com e Esteban Volkov, nipote di Lev Trotskij, presenteranno l’edizione più completa mai pubblicata di “Stalin», l’ultima opera di Trotskij.

la scelta del giorno e del luogo non è casuale. Proprio il 20 agosto1940, nella residenza di Coyoacan ora diventata Museo, un sicario di Stalin assassinò il grande rivoluzionario russo.

Fra i lavori che Trotskij lasciò non conclusi fu la seconda parte del libro Stalin.

La nuova edizione inglese curata da Alan Woods e pubblicata dalla Tendenza marxista internazionale rende giustizia all’opera di Trotskij, depurando il testo da tutte le aggiunte e le manomissioni arbitrarie apportate da Malamuth, curatore dell’edizione uscita negli anni quaranta. Inoltre vede al suo interno tutto il materiale disponibile negli archivi conservati all’università di Harvard. Sono oltre 100mila parole mai pubblicate finora.

«La nuova edizione di Stalin ha aggiornato e arricchito il vasto arsenale della teoria marxista lasciato da Lev Trotskij»

«Voglio esprimere la mia grande ammirazione per lo sforzo entusiasta e tenace compiuto dai militanti del Socialist Appeal e della Tendenza marxista internazionale.»

Voglio rendere omaggio al marxista britannico Alan Woods (…) Credo non ci sia persona più adatta al compito di tradurre, curare e inserire questo nuovo materiale, di riorganizzare e rifinire il testo per produrre la versione migliore dell’ultima opera che il grande rivoluzionario marxista non fu in grado di completare.»

(dalla prefazione di Esteban Volkov)

Estevan Volkov con Alan Woods in una foto d’archivio

La presentazione mondiale di Stalin di Città del Messico sarà quindi un appuntamento da non perdere. Verrà fatto lo streaming dell’assemblea, il cui inizio è previsto per le 19 locali (corrispondenti alle due del mattino del 21 agosto in Italia) e che potrete seguire a questo link: https://youtu.be/qpsPbEQKWlU?t=2m.

 

13938228_1053677631383324_5473403254247554591_o

 

Per approfondire potete leggere:

Stalin di Trotskij, un capolavoro del marxismo di Alan Woods

La storia della biografia di Stalin mai finita da Trotskij di Rob Sewell

 

 

Articoli correlati

I crimini dell’Esercito italiano in Jugoslavia

A proposito del “giorno del ricordo”, ripubblichiamo questo articolo, scritto nel 2013, che conserva tutta la sua validità.

A 98 anni dalla rivoluzione d’Ottobre

In occasione del 98° anniversario della rivoluzione d’Ottobre, pubblichiamo alcune pagine del libro di Victor Serge, “L’anno primo della rivoluzione russa” pubblicato nel 1930.

Trieste – No al divieto dei simboli partigiani il Primo maggio!

Trieste fu liberata il 1° maggio 1945 dai partigiani sloveni, croati, serbi e italiani inquadrati nell’Esercito Popolare della Jugoslavia. Si vuole cancellare, e non da oggi, questa verità storica.

Ungheria ’56 – Una rivolta operaia contro lo stalinismo

Sono passati sessanta anni dagli eventi della rivoluzione ungherese, un evento che conserva lezioni decisive per il movimento operaio. Riproponiamo l’esempio dei lavoratori ungheresi, la correttezza delle loro rivendicazioni, la loro organizzazione nei consigli operai, la rapidità con cui giunsero a comprendere i compiti storici loro affidati, contrapponendo un autentico programma rivoluzionario e operaio alla degenerazione burocratica dello stalinismo.

Un grande militante è morto… Gramsci

Nell’80° anniversario della morte di Antonio Gramsci, avvenuta il 27 aprile 1937, pubblichiamo questo articolo di Pietro Tresso scritto subito dopo la scomparsa del comunista sardo. Tresso, per diversi anni fra i dirigenti del Pcd’I più vicini a Gramsci, fu membro dell’Ufficio politico del Pcd’I e verrà espulso dal partito nel 1930 per essersi opposto alle politiche staliniane. Aderirà in seguito all’Opposizione di sinistra e poi alla Quarta internazionale.

In memoria di Guido Picelli

Il 5 gennaio 1937 Guido Picelli moriva sul fronte di Guadalajara, mentre era al comando di un battaglione di repubblicani durante la guerra civile spagnola. In suo ricordo ripubblichiamo un articolo scritto due anni fa, in occasione dell’uscita di un documentario a lui dedicato