Air Italy liquida in tronco 1450 dipendenti

La mattina dell’11 febbraio gli azionisti di Air Italy si riuniscono e già dal pomeriggio comunicano, senza alcun preavviso, ai lavoratori il loro licenziamento, con una mail, perché da lì a breve l’azienda verrà messa in “liquidazione in bonis” e i dipendenti dovranno così perdere il proprio posto di lavoro.

La ex Alisarda, oggi Air Italy, è controllata, per il 51% dal sig. Aga Khan, detentore della maggioranza delle azioni, e per il restante 49% da Qatar Airways, compagnia di bandiera dello Stato mediorientale.
I due soci sostengono di aver “cercato nelle settimane precedenti una soluzione per tenere a galla la compagnia”, ma nella realtà dei fatti, a suon di speculazioni inutili e di un ambiziosissimo piano di espansione, hanno portato la società alla deriva facendogli perdere oltre il 60% del fatturato.
“È cosi che la dirigenza infame ha spolpato il nostro futuro, a suon di tagli di torte e festini inaugurali delle varie tratte aperte” afferma un dipendente.

Karim Aga Khan chiede, dunque, al Qatar, di cercare nuovi soci da far entrare nel capitale, ricerca che ovviamente non è andata a buon fine. Qatar Airways avrebbe in teoria i mezzi per sostenere la società, ma per le leggi Ue non può salire oltre il 49% di Air Italy, la quale ha 1.450 dipendenti.
È anche grazie alla new entry qatariota, che inizia il declino della compagnia, basta osservare il modo in cui viene gestita la Qatar Airways per capire quanto il futuro sia grigio all’orizzonte, infatti l’emiro del Qatar ha speso per la sua aerolinea di bandiera cifre folli ed inimmaginabili con perdite medie intorno al miliardo di dollari annui.

Il 14 febbraio viene annunciato il licenziamento collettivo dei 1.450 dipendenti che nel frattempo creano slogan per San Valentino: “1.450 licenziamenti. Così l’azienda dichiara amore ai suoi dipendenti”.
A Malpensa i dipendenti proseguono con il loro pacifico presidio e, a detta dell’azienda, i liquidatori si stanno impegnando al fine di adottare tutte le possibili misure di sostegno al reddito, cercando di salvare il maggior numero di lavoratori, esplorando ogni possibilità di cessioni di rami d’azienda.
Tanti tra dipendenti di Air Italy e delle aziende che lavorano con la compagnia risiedono nei comuni dell’area aeroportuale.

La ministra dei trasporti, Paola De Micheli, insieme al governo ha nel frattempo espresso la propria irritazione per le modalità di gestione della vicenda e il mancato coinvolgimento delle istituzioni. Nei fatti resta l’immobilismo di questo governo e la non volontà da parte di nessun partito, né nella maggioranza, né all’opposizione, prima ignari del collasso, oggi catatonici e disorientati, mai in grado di esprimere vicinanza e solidarietà ai lavoratori e soprattutto inutili nella ricerca di soluzioni.

Noi le soluzioni le abbiamo: la nazionalizzazione, il mantenimento di tutti i posti di lavoro, e la garanzia delle tratte interne accessibili a tutti.
La crisi di Air Italy la paghi chi ci ha speculato sopra!

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Modena – Le lotte operaie non si processano!

Sabato 3 ottobre saremo in piazza a Modena alla manifestazione nazionale convocata dal Si-Cobas contro la repressione e la criminalizzazione di importanti lotte operaie scoppiate negli ultimi anni nella nostra provincia. Mentre invitiamo tutti a partecipare, questo è il testo del volantino che diffonderemo.

Corrispondenze Operaie

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.

Corrispondenze Operaie

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Corrispondenze Operaie

Non un passo indietro. I lavoratori di Gela in lotta!

Lunedì 18 gennaio circa 2500 lavoratori, tra indotto e diretto, hanno proclamato lo sciopero ad oltranza bloccando tutti gli accessi alla raffineria e alla città. Una città che di fatto vive grazie al lavoro della raffineria e che ora progressivamente sta morendo. Ai lavoratori in protesta si sono uniti familiari, negozianti e artigiani, fino al corteo di oggi 26 gennaio, in quella che non è più solo una vertenza aziendale ma è una lotta di tutta la città.

Corrispondenze Operaie

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.

Corrispondenze Operaie

Pavia – Quattro morti in una vasca di liquami: una tragedia inevitabile?

Lo scorso 11 settembre quattro lavoratori indiani sono morti asfissiati dopo essere cadute in una vasca di liquami in un allevamento di bovini di Arena Po, nella provincia di Pavia. Ora vediamo la disperazione delle famiglie, i titoli dei giornali che parlano di “tragedia” e “morti bianche” nel tentativo di considerarle diverse, quasi senza responsabili… Ma come stanno le cose?