6 Ottobre 2015

Air France – É lotta di classe, bellezza!

Ieri Xavier Broseta, responsabile delle risorse umane di Air France, ha annunciato ai lavoratori della compagnia il nuovo piano di ristrutturazione aziendale, in cui sono previsti 2900 licenziamenti entro il 2018 (300 piloti, 700 hostess e stewards e 1900 operatori a terra). Questa notizia arriva dopo settimane di agitazione da parte dei dipendenti Air France, ma soprattutto dopo tre anni in cui sono stati tagliati già circa novemila posti di lavoro nell’azienda.

Alla notizia dei nuovi tagli, i lavoratori che erano in sciopero davanti ai cancelli hanno fatto irruzione nella sede parigina del gruppo, interrompendo la riunione straordinaria del consiglio di amministrazione al grido di “Dimissioni” e “Noi siamo a casa nostra!” Borseta è scappato mentre gli strappavano i vestiti di dosso, nonostante la protezione della sicurezza. Una scena che rappresenta a pieno quello che intendiamo per odio di classe. La reazione dei lavoratori di Air France è solo l’ultimo di tanti episodi in cui abbiamo visto i vertici manageriali di un’azienda francese pagare, anche fisicamente, lo scotto delle proprie azioni o intenzioni.

La stampa filo padronale è scandalizzata, parla di violenza quando racconta del povero dirigente linciato dalla folla,uscito illeso ma con un bel vestito in meno nel suo guardaroba. Dal nostro punto di vista la violenza è quella dei manager di Air France, pronti a licenziare quasi tremila lavoratori. La violenza è quella del governo Hollande che ha approvato una nuova contro-riforma del mercato del lavoro, la Legge Macron, che tra le tante cose facilita enormemente i datori di lavoro nei licenziamenti collettivi per ragioni economiche.

airfrance2L’azienda ha tentato di legittimare i licenziamenti con la scusa dell’eccesivo costo del lavoro rispetto alla concorrenza, ma è pura ipocrisia, soprattutto se consideriamo gli enormi compensi ottenuti dal gruppo manageriale in questi ultimi anni. Ad esempio Alexander Juniac, presidente e direttore generale di Air France-KLM, nel 2014 ha ricevuto un aumento di stipendio del 72%. I lavoratori più colpiti dai tagli saranno soprattutto i giovani e il personale di terra, cioè quelli con il salario più basso .

Con il Progetto Perform 2020 l’obiettivo è quello di aumentare la produttività e la competitività dell’azienda potenziando la linea low cost, la filiale Transavia. I nuovi contratti low cost costeranno all’azienda il 25% in meno.

La direzione di Air France vuole semplicemente far pagare la crisi aziendale ai lavoratori, storia già vista. Tutta la nostra solidarietà va ai lavoratori di Air France che nello spazio di un pomeriggio sono diventati il punto di riferimento dei loro fratelli di classe in tutto il continente per rabbia e determinazione. Questa rabbia va organizzata sindacalmente e politicamente.

In questo momento Frédéric Gagey, direttore Air France, un po’ spaventato, ha dichiarato che le negoziazioni con i sindacati riprenderanno, a dimostrazione del fatto che per avere i rapporti di forza solo la lotta paga.

Articoli correlati

Attacchi terroristici a Parigi – Come può rispondere il movimento operaio?

Il fondamentalismo islamico reazionario ha colpito di nuovo, in una serie di attacchi coordinati in diverse località di Parigi, uccidendo la scorsa notte 120 persone e lasciandone ferite altre dozzine.

La scossa di terremoto dei Gilet gialli

Il movimento dei Gilets gialli ha aperto una nuova fase nell’ascesa della lotta di classe in Francia. È comprensibile quindi la profonda inquietudine della classe dominante. Nel discorso televisivo del 10 dicembre, un nervoso presidente della repubblica è stato costretto ad alcune concessioni, mescolate a false promesse e a tanto fumo. Una marcia indietro del governo non si vedeva, in Francia, dalle lotte studentesche del 2006.

Il capitalismo è guerra e orrore senza fine

Gli atroci atti terroristici che hanno provocato almeno 129 morti nelle strade e nei locali di Parigi segnano un tragico sviluppo nell’espansione di attentati attribuiti o rivendicati dal cosiddetto Stato islamico (Isis). Con questi attacchi il Medio Oriente è definitivamente arrivato in Europa.

Contro lo stato d’emergenza! No alla sospensione unilaterale della lotta di classe!

Decidendo per il prolungamento dello stato d’emergenza di altri tre mesi e inasprendo ancora di più questo regime d’eccezione, il Parlamento e il Governo pensano di contribuire alla “sicurezza” dei cittadini e del nostro paese. Niente di tutto ciò si sta verificando.

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta

Francia – Respingiamo lo stato d’emergenza!

Dopo gli attentati del 13 novembre, il governo ha decretato lo stato d’emergenza su tutto il territorio nazionale, poi lo ha prolungato, attraverso un decreto legislativo approvato in parlamento il 18 e il 19 novembre, per tre mesi a partire dal 26 novembre.