23 settembre 2015

Adiosu, compagno Enzo

Pesa dover scrivere qualche riga su un compagno che ancora si immagina vicino. È impossibile far scorrere le dita sulla tastiera senza che le lacrime bagnino le une e l’altra.

Enzo Mele ci ha lasciati, dopo una breve e aggressiva malattia, ma ci ha lasciato in eredità il suo sorriso, la sua tenerezza racchiusa in un corpo roccioso forgiato dalle fatiche operaie e dalla sua passione per la natura, la sua determinazione, la sua fiducia nell’umanità e nella prospettiva comunista.

Militante politico e sindacale della sua classe di appartenenza, Enzo è stato salutato dalle sue belle bandiere, dai pugni chiusi levati al cielo, dalle note dell’Internazionale e dagli interventi dei compagni. Classe 1960, aveva deciso di aderire a Rifondazione comunista nel 2008 dopo il fallimento governativo dell’allora nucleo dirigente, non riuscendo nell’intento di trasformare “questo partito riformista”, come sempre precisava.

Negli ultimi congressi aveva sostenuto le posizioni della tendenza marxista consapevole della necessità di un partito di classe di massa che, non essendoci ancora, purtroppo non vedrà. Ma che vorrà siano i suoi compagni a contribuire a costruirlo.

Adiosu Enzo

Articoli correlati

É l’ora! Sinistra di classe anche alle elezioni!

Il nostro movimento si impegna, assieme ad altre forze della sinistra rivoluzionaria, affinché nell’imminente scontro elettorale sia presente una lista che rappresenti in modo coerente il punto di vista di classe, di chi lavora e subisce lo sfruttamento di questo sistema economico.

Pakistan – Quando il terrorismo diventa una risorsa strategica!

Nella sera di domenica 28 marzo, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco giochi a Lahore. Fino ad ora sono almeno 72 i morti accertati e più di 250 i feriti.

Dichiarazione di voto contraria sull’elezione della Segretaria FP CGIL

L’8 Giugno l’Assemblea Generale della FP CGIL ha eletto la nuova Segretaria Serena Sorrentino su proposta dei Centri Regolatori, dopo 6 anni di Segreteria Dettori.

Stato e rivoluzione, di Lenin

Quando nel 1917 Lenin scrisse Stato e rivoluzione gli avvenimenti politici in Russia stavano attraversando una inarrestabile accelerazione. Un mese dopo la scrittura del testo la rivoluzione trionfò portando al potere

Rivoluzione n° 12

Lavorare senza fine? Diciamo no! Correlati

Il “grande gioco” delle cooperative di distribuzione

Era facilmente prevedibile che la crisi economica e il conseguente calo di vendite, dovuto a disoccupazione e cassa integrazione, avrebbe avuto conseguenze importanti sulla grande distribuzione, privata e cooperativa. Che