12 Maggio 2020 Mario Iavazzi, Paolo Brini, Paolo Grassi

Addio, Carlo

Ieri è venuto a mancare Carlo Carelli, storico compagno della sinistra sindacale in Cgil. Con Carlo abbiamo condiviso 15 anni di militanza e battaglie in Cgil, prima nella Rete 28 aprile e poi ne Il sindacato è un’altra cosa.
Carlo è stato per anni dirigente della sinistra in Cgil ricoprendo anche responsabilità importanti come dirigente, membro del direttivo nazionale, e anche nell’area, coordinando anche la sua categoria la Filctem.
Con Carlo abbiamo condiviso gioie e dolori dell’attività, spesso discutendo animatamente ma più spesso lottando insieme contro lo sfruttamento ai danni dei lavoratori e una maggioranza della Cgil troppo spesso distante e inadeguata. In particolare negli anni più duri della crisi economica tra il 2008 e il 2014.
Le sue qualità principali sono senza dubbio state la pazienza, la disponibilità e la concretezza.
Carlo era un delegato di una grande multinazionale, questo gli ha permesso di avere quella agibilità per svolgere incarichi nazionali, senza mai perdere il contatto coi propri compagni di lavoro, una qualità di non poco conto di questi tempi.
Abbiamo sempre apprezzato un suo approccio contrario ad ogni forma di velleitarismo. Perché Carlo era sempre molto concreto, e per chi sta tra i lavoratori e vuole difendere gli interessi dei lavoratori questa è una qualità decisiva.

Articoli correlati

Sindacato

Direttivo nazionale Cgil: L’intervento di Mario Iavazzi

Ieri, 24 maggio, si è svolto il direttivo nazionale della Cgil. Pubblichiamo l’intervento di Mario Iavazzi, dirigente dell’area Il sindacato è un’altra cosa.  Il direttivo nazionale si è concluso con

Sindacato

I lavoratori non hanno governi amici, è ora di lottare!

La lotta per salari dignitosi, contro le chiusure industriali e licenziamenti, contro la precarietà, per la sicurezza sul lavoro, per i servizi pubblici, richiede il protagonismo della classe lavoratrice e una sua completa indipendenza dall’attuale quadro politico. Altrimenti saremmo di nuovo alla riproposizione del “governo amico” che già ha fatto disastri per 25 anni. La storia ha già in più occasioni dimostrato che i lavoratori e i giovani di amici al potere non ne hanno.

Sindacato

Il nostro intervento all’Assemblea generale della Cgil (Roma 7-8 settembre)

Mercoledì 7 e giovedì 8 settembre si è svolta a Roma l’assemblea generale della Cgil presieduta dalla segretaria Susanna Camusso. L’assemblea doveva decidere le sostituzioni nella segreteria nazionale, discutere delle campagne d’autunno, fare il punto sui rinnovi contrattuali e i rapporti col governo.

Sindacato

Sindacati di base divisi allo sciopero

I sindacati di base convocano ben due scioperi generali di 24 ore in quindici giorni. Il primo sarà il 27 ottobre di Cub, Sgb, Si Cobas, Usi e Slai Cobas, mentre il 10 novembre sarà la volta di Usb, Confederazione Cobas e Uni Cobas. Quali sono le ragioni di questa divisione?

Sindacato

Cgil dopo il congresso – Per una svolta necessaria

Il 25 gennaio, dopo un percorso di otto mesi, si è concluso il 18° Congresso della Cgil con l’elezione di Landini a nuovo segretario col 92,7% dei voti. Dove andrà l’ex segretario dei metalmeccanici?

Sindacato

Sciopero generale? È ora di fare sul serio!

Il fatto che il governo sia profondamente diviso è un elemento che deve favorire la mobilitazione. L’autunno che si prepara può finalmente invertire la rotta per la classe lavoratrice, a questo dobbiamo lavorare incalzando Landini e tutti i dirigenti sindacali a passare finalmente dalle parole ai fatti.