14 settembre 2015

A chi piace il reazionario Orban?

Nell’attuale crisi umanitaria dei migranti, è balzata agli onori della cronaca l’Ungheria di Viktor Orban, per il ruolo che si è trovata ad assumere e per il modo disumano e razzista in cui la sta gestendo. La costruzione di un muro al confine con la Serbia (mai finito, in realtà), il blocco dei treni e dei migranti alla stazione di Budapest per giorni interi senza assistenza, la costruzione di centri di accoglienza che assomigliano troppo a campi di concentramento e, infine, una legge che permette di arrestare i migranti irregolari e, come se non bastasse, concede alle forze di polizia la facoltà di irrompere in qualunque luogo senza alcun mandato e di arrestare chiunque esprima con gesti concreti la propria solidarietà, sono solo le “punte di diamante” dell’operato del governo Orban negli ultimi mesi.

orbanNonostante ciò, il blog di Beppe Grillo ha pubblicato il 4 Settembre un articolo in cui si cantano le lodi di Orban e del suo governo, soprattutto per le misure che questo avrebbe preso in campo economico, e lo dipinge come una sorta di eroe nazionale, un ribelle ai diktat economici europei nell’interesse del popolo ungherese. La cosa non ci sorprende. Il M5S per sua natura è portato a oscillare a destra e a sinistra e non è quindi strano che possa, in assenza di un qualsiasi riferimento ideologico, prendere abbagli del genere.

La verità è che il governo Orban è un governo eletto da una minoranza, circa il 25% degli aventi diritto, perchè la maggioranza degli ungheresi non va più a votare, schifati da tutto il sistema politico. E da quando è stato eletto Orban ha fatto un’unica cosa, riempirsi il più possibile le tasche, prendendo il controllo dell’intero apparato statale, assumendo la corruzione, già dilagante, come paradigma politico e portando avanti politiche antioperaie nel solo interesse dei suoi amici padroni, come il taglio al servizio sanitario, la riforma del sistema pensionistico, la tassazione ad aliquota unica e l’aumento dell’IVA.

Questo ha generato un ulteriore allontanamento delle masse ungheresi dal sistema politico, che adesso Orban cerca di aggirare, distraendole dalle sue malefatte, sfruttando l’emergenza immigrazione in chiave identitaria e nazionalista.

É evidente la somiglianza con il nostro paese, anche nel suo difetto principale, cioè l’assenza di una credibile alternativa di sinistra, che, mentre in Ungheria fa strada soprattutto al partito nazista Jobbik, in Italia lascia il campo libero alla confusione ideologica dei pentastellati.

Articoli correlati

Milano, Stazione centrale: la maschera ipocrita del Partito democratico

Dopo la retata delle “forze dell’ordine” davanti alla stazione centrale di Milano con incredibile spiegamento di mezzi e uomini si è scatenato il dibattito. Mentre quello stesso pomeriggio sul piazzale della stazione Matteo Salvini improvvisava un comizio e incitava alla pulizia etnica, il sindaco Sala lamentava di non essere stato avvertito dalla Questura e si gloriava di essere il primo cittadino della “città dell’accoglienza”.

Modena – Il nostro 14 gennaio antifascista

Il 14 gennaio aprirà a Modena la sede dell’associazione “Terra dei Padri”. In realtà, si tratta di un’associazione che farà da copertura all’insieme della piccola e frammentata estrema destra modenese di stampo neofascista.

Ius soli – La cittadinanza spetta a tutti

Il decreto sullo ius soli non supera l’esistenza di persone di serie A e di serie B in base alla loro provenienza e non abbatte quegli steccati tra persone che, nonostante siano nate in luoghi diversi, continuano a subire la stessa oppressione e lo stesso sfruttamento.

La lotta dei rifugiati e la solidarietà della classe operaia alle porte dell’Europa – 3 giorni a Horgos

“Quando vendi il sogno americano, o europeo, al resto del mondo, e nel frattempo rendi la vita di tutti quelli che sono fuori da quei continenti un incubo insopportabile, non puoi davvero sorprenderti se a un certo punto inizia un movimento di massa verso quelle autoproclamate terre promesse.”

Unione Europea – Turchia: l’accordo della vergogna

Il 19 marzo è stato firmato l’accordo sui rifugiati tra Turchia ed Unione Europea che, nelle speranze della borghesia europea, dovrebbe avere l’effetto di ridurre l’afflusso dei migranti, appaltando di fatti la gestione dei rifugiati e richiedenti asilo all’autoritario stato turco.

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.