A 50 anni dalla rivolta di Stonewall – È ancora tempo di Pride!

Stonewall Inn, bar nel quartiere Greenwich Village (New York): la polizia irrompe nel locale, come di norma, perché frequentato da omosessuali e transgender. Ma se l’irruzione in un locale gay non sovverte gli schemi, la ribellione degli avventori rappresenta un momento di rottura di portata mondiale. È il 28 giugno 1969.

Fine luglio, si forma il Gay liberation front (Glf). L’anno seguente si celebrava a New York il primo Gay Pride della storia, convocato dal Glf. La lotta delle persone Lgbt scoppiava nel clima incandescente degli anni ’60: la gioventù americana si ribellava alla guerra del Vietnam e conduceva una battaglia radicale contro la politica statunitense; nello stesso periodo il movimento dei neri urlava per le strade Black Power!

In Italia, nel 1972, sono una quarantina gli attivisti che si ribellano, a Sanremo, al Congresso internazionale sulle devianze sessuali. Fanno parte del Fronte unitario omosessuale rivoluzionario italiano (Fuori). Numeri che potremmo considerare irrisori, ma destinati a gonfiarsi velocemente negli anni. I congressisti di Sanremo consideravano l’omosessualità una patologia, il che non deve sembrarci molto strano, stante le dichiarazioni di eminenti autorità religiose che ancora si esprimono in questi termini.

 

Il dogma della “normalità”

L’omosessualità è stata eliminata dalla lista delle malattie mentali nel 1990, ma la mentalità che vuole malato chi non rientra nel dogma della “normalità” è dura a morire. È quanto sostengono i congressisti riunitisi a Verona appena due mesi fa: in nome della famiglia tradizionale (tradizionalmente patriarcale), si degradava l’omosessualità a patologia e l’aborto ad abominio. Il 30 marzo, in 20mila hanno urlato la propria protesta di fronte il Palazzo della Gran Guardia, dove si tenevano le discussioni a cui hanno preso parte, tra gli altri, vari esponenti della Lega (Salvini tra questi) e Giorgia Meloni.

Nonostante il riconoscimento delle unioni civili nel 2016, la strada verso la piena libertà sessuale è ancora fortemente accidentata. Nessun passo in avanti sulle adozioni, mentre la legge che dovrebbe introdurre il reato di istigazione all’odio e violenza omofobica è ferma in senato da quasi cinque anni. Ciò che è lecito o meno è soggetto a continua ritrattazione che rappresenta niente più che un riflesso delle idee dominanti nella società.

Analogamente al ruolo assegnato alle donne nel corso dei secoli, che si è modificato e si modifica in virtù della lotta straordinaria delle stesse, anche la degradazione dell’omosessualità è funzionale al mantenimento dello status quo. In questa società ciò si traduce nella cristallizzazione del modello familiare patriarcale, che si cerca di conservare a tutti i costi malgrado le spinte contrarie di una grossa fascia della popolazione, in particolare dei giovani.

Non si tratta di decidere la giustezza o meno del modello monogamico, si tratta di poterlo scegliere in piena libertà o rigettarlo altrettanto liberamente. Si ha paura della libertà sessuale quanto della libertà di scegliere e dissentire, che in questa società è relegata a spazi sempre più ristretti.

Si cerca di controllare l’orientamento sessuale del singolo così come si controlla tutto il resto: cosa offre la scuola, cosa offre il mondo del lavoro, come vengono sfruttate le risorse del pianeta, come si produce, dove finisce quanto si è prodotto.

La lotta per i diritti civili è quindi parte di una lotta più generale per la piena partecipazione e il pieno controllo della maggioranza della popolazione sulle scelte politiche ed economiche: questa libertà si guadagna con la lotta!

I primi Gay Pride di quest’anno si sono già svolti a Vercelli, Verona, Padova e Bergamo. Gli appuntamenti sono numerosissimi: tra questi, l’8 giugno a Roma, il 15 a Torino, il 22 a Napoli. Prepariamoci a scendere in piazza più combattivi che mai!

Articoli correlati

Repressione

Pavia: dieci sotto processo per essersi opposti a uno sfratto

Lunedì 27 gennaio 2020 a Pavia si terrà la prima udienza del processo contro 10 persone che il 18 aprile 2013 hanno partecipato a un’iniziativa di lotta e solidarietà: un picchetto al Crosione, in via Capri, per difendere una famiglia con bambini piccoli dalla minaccia di uno sfratto per morosità incolpevole. Tra gli imputati c’è anche il nostro compagno Mauro Vanetti.

Repressione

Ddl Zan – Una risposta debole a una rivendicazione forte

Il discorso di Fedez al concerto del Primo maggio, in cui ha attaccato varie dichiarazioni omofobe di esponenti della Lega, ha portato lo scontro sul ddl Zan sulle prime pagine di tutti i giornali. Dibattere su quanto Fedez fosse motivato da convinzione o da marketing familiare ci interessa poco.

Repressione

“Aprire i porti”… con la lotta o con i ricorsi alla Consulta?

Il destino di 49 migranti, salvati al largo delle coste libiche dalle navi Sea Watch e Sea Eye, è il nuovo capro espiatorio di Matteo Salvini e del governo gialloverde.

Repressione

LGBT: liberazione, rivoluzione

Nelle stesse settimane in cui il diritto all’aborto viene attaccato negli Stati Uniti, nel parlamento della Florida è stata varata la cosiddetta legge Don’t say gay che vieterà di parlare di orientamento sessuale e di identità di genere ai bambini delle scuole elementari. Questo dimostra come anche nel “democraticissimo” Occidente sono all’ordine del giorno le occasioni di discriminazione e repressione della comunità Lgbt.

Repressione

No all’estradizione di Julian Assange!

Nell’aprile scorso la corte di Londra ha emesso un ordine di estradizione verso gli Usa per Julian Assange. Mentre scriviamo, da un giorno all’altro il governo britannico potrebbe renderlo esecutivo. Il fondatore di Wikileaks rischia negli Stati uniti fino a 175 anni di carcere, sulla base dell’Espionage act, una legge che punisce i “traditori che passano informazioni al nemico”.

Italia

#RIAPRIAMOLABAS: chi si accontenta gode?

Sabato 9 settembre circa 10.000 persone sono scese in piazza a Bologna contro lo sgombero del centro sociale Làbas, avvenuto l’8 agosto. Una risposta imponente alla repressione e all’arroganza della giunta Merola e della polizia. Già dalle prime ore dopo lo sgombero la solidarietà era dilagata facendo vacillare la giunta. Infatti, prima il sindaco Merola ha preso le distanze dallo sgombero poi ha promesso uno spazio alternativo (tra un anno) e nel frattempo si è scagliato contro Arci, Anpi, Cgil e Fiom per aver promosso un appello in difesa del centro sociale.