20 Febbraio 2020

6 marzo, scuola in sciopero. Contro il precariato, per un contratto degno!

Oltre un milione di lavoratori nelle scuole, tra insegnanti, bidelli e altro personale, si ritrova con il contratto nazionale scaduto da più di un anno. A fine gennaio, un comunicato stampa unitario dei sindacati ha annunciato la rottura del tavolo di trattativa con il Miur. Questa, protrattasi per mesi e mesi e portata avanti senza coinvolgere chi nelle scuole ci lavora quotidianamente (nessuna assemblea è stata fatta dall’avvio dell’anno scolastico), ha alla fine reso evidente anche ai dirigenti sindacali ciò che risultava chiaro fin dall’inizio: l’attuale Governo, come il precedente, è tutt’altro che propenso ad investire nella scuola pubblica. Nonostante il mix di rivendicazioni estremamente generiche (“valorizzare la professionalità del personale de l comparto”, “perequare le retribuzioni del settore alla media di quelle del comparto pubblico” sono alcuni esempi) avanzate dall’Flc-Cgil unitariamente alle altre sigle nella vana illusione di poter giungere ad un accordo purchessia, l’indisponibilità del Ministero a mettere in campo un serio percorso di immissione in ruolo ha posto i sindacati sulla strada della mobilitazione.

100mila posti vacanti

Il precariato nel settore dell’istruzione raggiunge numeri impressionanti. Senza nemmeno contare le supplenze temporanee, i soli posti vacanti nelle scuole risultano essere ogni anno oltre 100mila: sistematicamente, tra settembre e ottobre, un esercito di insegnanti, collaboratori scolastici, amministrativi, tecnici, viene assunto per 8 o 9 mesi salvando il sistema scolastico dall’implosione. Un’assurda dinamica che si ripete da vent’anni: “I problemi del reclutamento, a partire dall’inaccettabile congelamento delle assunzioni a tempo indeterminato, rappresentano insieme a quello del precariato una vera emergenza per il sistema scolastico statale italiano” denunciavano i sindacati… nel settembre 2003! In tutti questi anni la situazione è cambiata in peggio e paradossalmente la possibilità di andare in pensione con quota 100 rende il quadro ancora più drammatico. Una battaglia per l’immissione in ruolo dei precari non può rimanere sulla carta o continuare ad essere rimandata, deve inserirsi in una lotta più ampia che punti a mobilitare l’intera categoria, cercando anche il sostegno di studenti e famiglie.

L’immediata stabilizzazione del personale su tutti i posti vacanti mediante corsi di formazione gratuiti deve essere uno degli elementi centrali presenti nella piattaforma rivendicativa, ma non può essere l’unico. Dopo anni di perdita di potere d’acquisto, è imprescindibile un adeguato aumento salariale per l’intero settore, l’aumento di 20 euro per gli stipendi più bassi attraverso il taglio del cuneo fiscale appare una presa in giro: vanno rivendicate retribuzioni non al di sotto della media europea dei rispettivi colleghi. Va inoltre messo in discussione un sistema fondato sull’autonomia scolastica che vede le scuole in competizione tra loro, a caccia del contributo di famiglie e privati, con sempre meno risorse da parte dello Stato. Nella maggior parte degli istituti la contrattazione integrativa altro non è che la presa d’atto dell’inconsistenza dei fondi: le esigue risorse vengono distribuite cercando di limitare, per quanto possibile, il numero degli incarichi aggiuntivi sottopagati.

Tutto questo va cambiato. Questo sciopero rompe finalmente con un attendismo che aveva portato a revocare lo sciopero già convocato nel maggio 2019. Il 6 marzo deve avviare la svolta, con uno sciopero che sia l’inizio di un efficace percorso di lotta: assemblee nei territori, con precisi punti rivendicativi, parole d’ordine e obiettivi chiari per arrivare al blocco delle scuole e di ogni attività. Nessun miglioramento arriverà come gentile concessione da parte del Governo, l’esempio da seguire è quello messo in campo dai lavoratori francesi: non esiste strada alternativa al protagonismo dei lavoratori e alla loro determinazione nelle piazze.

Articoli correlati

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

Scuole e centri estivi: Confindustria chiama, Bonaccini prepara i lazzaretti

Il governatore della Regione Emilia-Romagna è capofila tra quelli che vogliono aprire tutto e ora: “Se ripartono le imprese, non possono non ripartire anche i servizi.” Senza giri di parole, Bonaccini spiega che le imprese devono ripartire per fare profitti, e i lavoratori genitori devono essere liberi dall’“incombenza” dei figli a carico.

La scuola pubblica tra didattica a distanza e precariato

L’8 Aprile 2020 in piena emergenza da covid-19 il ministro dell’istruzione Azzolina rende pubblico un decreto legge che suona come l’ennesimo attacco alla già moribonda scuola pubblica. Le novità introdotte

Scuola, rilanciamo la lotta!

Sono necessarie assemblee sindacali capillari nei territori, nelle quali i lavoratori possano discutere dei punti rivendicativi e di come rendere il più efficace possibile la mobilitazione. I lavoratori hanno dimostrato di non esitare se sono chiamati a bloccare le scuole con un obiettivo chiaro. Il Governo può e deve essere piegato portando la lotta fino in fondo.

Scuola: la didattica a distanza esaspera la divisione sociale!

Pochi giorni fa la ministra dell’Istruzione Azzolina ha annunciato che per quest’anno scolastico gli istituti resteranno chiusi, riapriranno forse a settembre e che, pur restando i voti ma senza “6 politico”, nessuno verrà bocciato.

Anche a Bologna si lotta contro la “Buona scuola”!

La riforma della scuola è stata approvata in Senato, con tanto di fiducia al governo. Non c’è da stupirsi: non è la via legislativa la strada giusta per fermare il