30 gennaio 2018

4 marzo – Dove sarà presente “Per una sinistra rivoluzionaria”

Grazie allo sforzo di centinaia di compagni che in queste settimane hanno raccolto più di 20mila firme e dopo due lunghi giorni di presentazioni, questo è l’elenco delle circoscrizioni in cui è stata depositata la lista “per una Sinistra Rivoluzionaria”:

CAMERA
Lombardia 1
Lombardia 2
Lombardia 4
Friuli – Venezia Giulia
Liguria
Emilia-Romagna
Toscana
Lazio 1
Lazio 2
Campania 1
Campania 2
Basilicata
Calabria

SENATO
Lombardia
Veneto
Friuli – Venezia Giulia
Liguria
Emilia-Romagna
Toscana
Marche
Lazio
Campania
Basilicata
Calabria

Un ringraziamento speciale ai compagni di Messina che hanno lottato come dei leoni fino a ieri sera in Corte d’Appello, perdendo anche l’ultimo treno e facendo la notte fuori, dopo aver raccolto quasi 500 firme nel loro collegio; purtroppo per questa legge elettorale non è sufficiente, e mancando qualche decina di firme sull’altro collegio, la lista non è stata accettata.

Il 60% degli elettori il 4 marzo avrà sulla propria scheda il nostro simbolo.
Il primo risultato è stato raggiunto, sopra le nostre aspettative.

Ora chiediamo a tutti di discutere il nostro programma, far girare le nostre idee, aiutarci e organizzarsi con noi per costruire l’alternativa rivoluzionaria.

E ovviamente, il 4 marzo vota “per una Sinistra Rivoluzionaria”!

Articoli correlati

PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA – Il nostro programma

Il programma completo della nostra lista “Per una sinistra rivoluzionaria”

Materiali per la campagna elettorale

I volantini della lista “per una Sinistra Rivoluzionaria” verso le elezioni politiche del 4 marzo

La Lega – Da sempre forti con i deboli e deboli con i forti

In queste settimane preelettorali la Lega per raccattare voti si propone come paladina a difesa dei lavoratori e degli interessi del made in Italy nella lotta contro l’austerità imposta dall’Ue. Sotto la veste del severo padre di famiglia (o della patria, padana o italica essa sia) che lotta per il bene degli italiani (prima il bene era riservato solo ai padani…), il programma di Salvini è reazionario ed intriso di razzismo.

Ripetere “popolo” e “unità” è facile – Costruire il partito di classe è difficile

La natura fallimentare delle liste “unitarie” a sinistra del Pd. La nostra sfida per la costruzione di un partito di classe e una prospettiva rivoluzionaria.

Presentata la lista “per una sinistra rivoluzionaria” per le elezioni 2018 – Comunicato stampa

Il 7 dicembre, presso il Centro congressi Cavour di Roma, è stata presentata la lista “Per una sinistra rivoluzionaria”.

L’eterno ritorno dell’“europeismo di sinistra”

Anche in queste elezioni il grosso della sinistra rimane collocato nel campo dell’europeismo di sinistra. Non c’è riforma possibile dell’Unione europea, che è una struttura nata e cresciuta con l’unico esplicito fine di concentrare la forza economica e politica del capitale nel nostro continente. Le sue istituzioni servono a questo e non c’è riforma possibile che possa cambiarne la natura di classe.