1 aprile 2016

31 marzo – Lo sciopero generale blocca la Francia!

Secondo i sindacati un milione e duecentomila persone sono scese in piazza ieri, 31 marzo in circa 250 città del paese. 120mila a Marsiglia, 100mila a Tolosa, decine di migliaia nella capitale, solo per citare i cortei più partecipati.

Non sono mancate provocazioni e violenze da parte delle forze dell’ordine; causando 77 fermi, 22 solo a Lione. In molti centri come Parigi e Marsiglia, i cortei si sono prolungati per diverse ore nonostante la repressione da parte della polizia e si sono conclusi con presidi nelle piazze, assemblee, concerti e proiezioni durante tutta la serata. Una giornata importante per il movimento contro il progetto di legge El Khomri e possiamo dire per tutti i giovani e i lavoratori europei che in questo momento osservano con attenzione ciò che sta accadendo in Francia. I protagonisti sono chiaramente i giovani, anzi i giovanissimi, universitari, liceali, precari, disoccupati, circa un terzo dei manifestanti. Questo dato conferma il sondaggio che dopo il 9 marzo ha fatto il giro dei media, secondo cui l’80% dei giovani francesi è contro la nuova riforma del lavoro.

francia_31marzo_2Questa manifestazione arriva dopo settimane di crescita della mobilitazione. Infatti già il 17 e il 24 marzo migliaia di studenti medi e universitari sono scesi in piazza a seguito di blocchi, occupazioni e Assemblee generali (AG) che continuano a svolgersi nelle scuole, nelle facoltà e in alcuni quartieri delle città principali. L’aria che si respirava ieri in questi cortei era emozionante. Vari striscioni improvvisati recitavano “Alzarsi la mattina per 1200 euro è un insulto”, mentre tra gli slogan più intonati c’era “  “Nessuna, nessuna, nessun’esitazione, è la, è la, è la Rivoluzione” oppure “No , no, no alla legge dei padroni, sì, sì, sì alla rivoluzione!”.

È evidente che il movimento contro la “Loi travail” sta andando ben oltre ad un no sacrosanto alla precarietà e sta mettendo in discussione il sistema economico esistente. Non c’è miglior risposta a tutti quei pessimisti che dilagano negli ambienti “progressisti” e di “sinistra” secondo cui la Francia, dopo il successo del Front national alle amministrative di dicembre, si era spostata irrimediabilmente a destra. Dopo solo tre mesi, tutto è cambiato!

francia_31marzo_3Il governo teme molto la mobilitazione giovanile perchè questa ha una natura incontrollabile e può giocare un ruolo importante nel processo di radicalizzazione dell’intera società e in primo luogo, ovviamente, dei lavoratori. Abbiamo diversi esempi della storia del movimento operaio francese dove il movimento studentesco ha fatto da apripista alla lotta operaia: il Maggio 68 e la lotta contro il CPE (Contratto di primo impiego) del 2006 sono solo alcuni di questi. Ciò spiega la violenta repressione da parte della polizia, specialmente nei confronti degli studenti medi, con meno esperienza di movimento, allo scopo di intimidire e allontanare i più giovani dalla lotta.

Nonostante le false dichiarazioni sul numero di partecipanti (390mila secondo le autorità) il governo dopo il 31 marzo ha chiaro che il movimento è destinato a continuare: infatti sono già previste altre giornate d’azione a partire dal 5 aprile. Hollande e Valls contano sul fatto che le giornate d’azione, così organizzate dalle burocrazie sindacali, alla fine stancheranno i lavoratori e provocheranno un riflusso del movimento come è già successo nel 2010 per la mobilitazione contro la riforma delle pensioni. Questo rischio esiste è la responsabilità è tutta delle direzioni sindacali.

francia_31marzo_4La parola d’ordine da avanzare in questo momento è una sola, bisogna proclamare lo sciopero generale ad oltranza per arrivare al blocco totale del paese fino al ritiro del progetto di legge. Per costruire questa mobilitazione è necessaria l’unità d’azione tra studenti e lavoratori, attraverso un coordinamento nazionale delle AG. Nonostante i limiti evidenti da parte delle direzioni sindacali, che sono molto lontane da questa prospettiva, la base dei lavoratori la comprende istintivamente. È per questo che in tutte le manifestazioni giovanili che abbiamo visto in queste settimane, migliaia di lavoratori sono scesi in piazza a livello locale con gli studenti, anche senza un’adesione formale a livello nazionale da parte della CGT e degli altri sindacati.

Sconfiggere la El Khomri non sarà cosa facile, ma oggi è totalmente possibile. Una cosa tuttavia è chiara, le nuove generazioni saranno segnate da quest’esperienza sia in Francia che negli altri paesi del continente. Per il momento la lutte continue!

Articoli correlati

Francia: il movimento al bivio decisivo!

Più di un milione di lavoratori e studenti sono scesi in piazza il 31 marzo in circa 200 cortei svoltisi in ogni angolo del paese contro il “Jobs act” alla francese promosso dal governo socialista. La classe dominante ha di che preoccuparsi.

Il PCF e le elezioni presidenziali francesi del 2017

Le elezioni presidenziali del 2017 sono al centro di una nuova e profonda crisi nel Partito comunista francese (PCF). Il segretario nazionale del partito, Pierre Laurent, ha rivolto un appello da diversi mesi per un “candidato comune” delle “forze vive della sinistra”, dicendosi rammaricato delle “divisioni”. In nome di questo approccio, la dirigenza del PCF si è rifiutata di coinvolgere il partito e i suoi attivisti nella campagna per Jean-Luc Mélenchon, che è stato il candidato del Fronte di sinistra nelle elezioni presidenziali del 2012.

Il movimento delle “Notti in piedi” – un incubo per “l’uno per cento”

Fin dal loro lancio a Parigi il 31 marzo, il movimento delle “Notti in piedi” (#NuitDebout) è stato un enorme successo. Si è diffuso molto rapidamente in altre città francesi.

Francia: no alla El Khomri, è solo l’inizio!

Lo scorso 9 marzo, giorno in cui era prevista la discussione in parlamento del progetto di legge El Khomri (il ministro del lavoro), mezzo milione di giovani e di lavoratori sono scesi in piazza in tutta la Francia contro la riforma.

Air France – É lotta di classe, bellezza!

Ieri Xavier Broseta, responsabile delle risorse umane di Air France, ha annunciato ai lavoratori della compagnia il nuovo piano di ristrutturazione aziendale, in cui sono previsti 2900 licenziamenti entro il 2018.

Presidenziali 2017: la Francia sul filo del rasoio

Senza ombra di dubbio, il fattore che sta caratterizzando la fase finale della campagna elettorale è l’ascesa repentina di Jean-Luc Mélenchon, ex leader del Fronte di Sinistra ed ora candidato della Francia Ribelle, movimento politico da lui stesso fondato.