22 novembre 2016

26 Novembre tutti a Roma per gridare “Ni una menos!”

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne che fu istituita nel 1999. Questa data fu scelta durante l’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi da alcune donne attiviste nel 1981 a Bogotà, in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal. Le sorelle furono un esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Il 25 novembre 1960, infatti, le sorelle Mirabal, mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, furono bloccate sulla strada da agenti della polizia segreta. Condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze furono torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.

Anche quest’anno il 26 novembre in tutte le grandi città del mondo si manifesterà contro la violenza sulle donne con la parola d’ordine “Non Una In Meno”. Ed è ancora dall’America latina che si alza il grido delle donne di questo movimento che a ottobre ha organizzato manifestazioni con migliaia di persone in Argentina, Messico, Venezuela e Paraguay per esprimere il loro dissenso e vergogna per l’uccisione di una giovane donna, Lucia Perez, rapita, costretta ad assumere droga e morta bruciata dopo una violenza sessuale.

Siamo convinti che certe cose accadono solo lontano dal nostro piccolo paese? Noi crediamo di no soprattutto perché i dati riguardanti l’Italia non sono confortanti,anzi mettono in evidenza che la barbarie delle violenze è generale.

Secondo i dati Istat nel 2015 il 35% delle donne ha subito una violenza, il 31,4% la subisce tra i 16 e i 70 anni. Nel 62,4% dei casi la violenza è per opera dei partners attuali o dagli ex. Nei primi 8 mesi del 2016 sono 78 i omicidi di donne nel nostro “bel paese”.

Questi sono solo alcuni dati che confermano che la violenza di genere è sempre presente nella nostra società e le donne ne subiscono varie forme sia tra le mura domestiche che fuori. Le donne lavoratrici da sempre devono fare i conti con la continua disparità che si vive sui luoghi di lavoro, dove a parità di mansione e livello una donna viene pagata il 10,4% in meno rispetto al collega di sesso opposto. Nel 2015 26 mila donne hanno presentato dimissione volontarie dal lavoro perché non ci sono asili nido pubblici nel nostro paese e non riescono a conciliare maternità e lavoro. Crediamo che sia necessario costruire un movimento di lotta che parta dal combattere la violenza sulle donne e arrivi fino al difendere i diritti che queste ultime hanno conquistato con la lotta negli anni precedenti e conquistarne dei nuovi. La crisi del capitalismo ha aumentato nevrosi e violenze nei confronti delle donne. La liberazione della donna può avvenire solo lottando contro questo sistema capitalista che produce violenza e oppressione. Il 26 novembre saremo in piazza a Roma e vogliamo che da quella piazza parta non solo una marcia che esprima la rabbia delle donne ma sia l’inizio di una mobilitazione generale che prenda esempio dalla radicalità e dalle forme di lotta vittoriose viste nelle strade di Varsavia. Solo così potremo gridare a voce alta finalmente NI UNA MENOS.

Articoli correlati

Di obiezione si muore!

Dopo la tragedia di Catania, ribadiamo il nostro NO all’obiezione di coscienza dentro agli ospedali, dentro ai consultori. Non basta tuttavia l’indignazione di fronte alle tragedie, è arrivato il momento di costruire un movimento di lotta per la difesa e l’ampliamento dei diritti delle donne come hanno fatto le donne polacche che con le loro lotte hanno sconfitto, almeno in parte, i piani reazionari del governo e della chiesa.

Lottiamo contro l’oppressione della donna, lottiamo contro il capitalismo!

La lotta per i diritti delle donne, la lotta per l’uguaglianza, è una lotta per la liberazione di tutta l’umanità, una lotta per la rivoluzione socialista!

Spagna – Sentenza della “Manada ”: manifestazioni di massa contro la giustizia patriarcale e di classe

La sentenza sul caso della “Manada” ha riempito le strade di tutta la Spagna di rabbia e indignazione. Il tribunale ha assolto gli imputati dall’accusa di “aggressione sessuale” condannandoli a 9 anni di prigione per abusi sessuali ma in assenza di violenza e intimidazione.

Contro la violenza sulle donne, per un’alternativa rivoluzionaria!

L’8 marzo 2017 non sarà un 8 marzo come tutti gli altri. Viviamo in un sistema che non è più in grado nemmeno di far finta di garantire condizioni di vita decenti alla maggioranza della popolazione e questo si riflette in modo particolarmente odioso soprattutto sulle donne, ma da qualche mese a questa parte in decine di paesi in tutto il mondo abbiamo visto centinaia di migliaia di donne esprimere tutta la loro rabbia contro il sistema, scendendo in piazza per lottare per la difesa dei propri diritti.

Non una di meno, un bilancio critico dell’Assemblea nazionale del 22-23 aprile

Nel fine settimana del 22-23 aprile si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale della rete Non una di meno, la terza dopo le due precedenti di Roma (27 novembre) e Bologna (4-5 febbraio) e la prima dopo la giornata di lotta internazionale dell’8 marzo che in Italia, come in decine di altri paesi in tutto il mondo, ha visto mobilitarsi migliaia di donne.

C’è stupro e stupro?

Pare che non tutti gli stupri siano uguali, le cronache delle violenze avvenute nelle ultime settimane dell’estate ce lo hanno sbattuto in faccia senza vergogna. La nausea per tutto quello che abbiamo dovuto leggere e ascoltare è davvero tanta, ma tutto questo schifo un merito ce l’ha: il re è nudo, sulla questione della violenza sulle donne non c’è nulla che possiamo aspettarci da lorsignori e signore che non trasudi ipocrisia.