25 Aprile contro Salvini – Antifascisti oggi e domani!

Nell’ultimo periodo sono fioccate dichiarazioni di ogni tipo sul periodo del fascismo e della lotta di liberazione. Antonio Tajani (Forza Italia e presidente dell’Europarlamento) nel giorno del ricordo delle vittime delle foibe, evento che ha sempre più il ruolo di falsificare la storia della liberazione dal fascismo, ha concluso il suo discorso con un “Viva l’Istria e la Dalmazia italiane!” di mussoliniana memoria. E infatti un mese dopo ha rincarato dichiarando che Mussolini “ha fatto delle cose positive”.

A ridosso del 25 aprile è invece Salvini a prendere la scena: “Io il 25 aprile non sarò a sfilare qua o la, fazzoletti rossi, neri, gialli o bianchi, vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine nel cuore della Sicilia”.

E ancora: “Il 25 aprile ci saranno i cortei partigiani e contro i partigiani. Siamo nel 2019 e mi interessa poco il derby fascisti-comunisti: mi interessa il futuro del nostro Paese e liberare il nostro Paese dalla camorra e dalla ‘ndrangheta”.

E all’“alleato” Di Maio che lo critica per le sue amicizie con l’estrema destra in Europa, risponde che il dibattito “fascisti contro comunisti” lo lascia fare agli storici e che Di Maio pensi a lavorare.

Ormai da anni sta avanzando a livello istituzionale una propaganda martellante che mira a offuscare la memoria della resistenza. Non è passato molto tempo da quando Renzi cercava di trasformare il 25 aprile nella “giornata della libertà”, anziché liberazione, e invitava a festeggiare senza polemiche e divisioni.

Ma il dibattito storico non è mai fine a se stesso. Ogni dichiarazione, interpretazione o anche negazione, riflette un preciso interesse per la politica e la lotta di classe sul presente e sul futuro. Chi prova a trasformare il 25 aprile in una festa di unità nazionale, senza divisioni appunto, cerca di nascondere il ruolo reazionario della borghesia durante il fascismo per chiedere oggi l’unità tra le classi nell’affrontare la crisi del capitalismo: cioè obbedienza e sacrificio da parte degli oppressi.

Salvini, invece, può provare quanto vuole a tirarsi fuori da questo dibattito ma è più che evidente il ruolo reazionario che sta coprendo e coprirà nel prossimo futuro. Il suo “decreto sicurezza” non è solo una dichiarazione di guerra contro gli immigrati, ma anche contro chiunque voglia lottare contro i soprusi di questo sistema. È ben nota la sua amicizia con le formazioni di estrema destra ed è ormai chiaro di come si stia ponendo come loro leader e l’uomo dell’ordine nel palazzo del potere.

Per quanto provino a infangare la resistenza e a nasconderne la portata rivoluzionaria, quello che stiamo vedendo in questi giorni è come le tradizioni di lotta e l’antifascismo non siano mai morti. Se i reazionari a Verona organizzano un convegno che ricordava le posizioni di Mussolini sulla famiglia (“le donne devono tenere in ordine la casa, vegliare sui figli e portare le corna”), la risposta è stata un corteo di massa, spontaneo ed antifascista. Se Forza Nuova organizza un presidio a Prato per commemorare i 100 anni dei fasci di combattimento, l’appello antifascista porta in piazza migliaia di persone sovrastando il presidio fascista.

Il nostro compito oggi non è solo quello di contribuire a respingere le provocazioni fasciste e le leggi reazionarie, ma anche di fare chiarezza nel campo antifascista. Vediamo come il Pd stia cercando di riprendersi dalla sconfitta di un anno fa provando ad inserirsi nell’ondata di indignazione contro Salvini, con gli appelli alla Costituzione e alla legalità. Provano a darsi una verniciata di antifascismo per far dimenticare le politiche di austerità dei loro governi e le leggi reazionarie come il decreto Minniti in materia di immigrazione.

Le provocazioni di Salvini hanno trovato risposte patetiche dall’antifascismo istituzionale dei vertici dell’Anpi, che si appellano al “dovere istituzionale” del ministro di non denigrare la lotta di Liberazione. Di questo antifascismo non sappiamo che farcene, né ci interessa sapere se Salvini andrà o meno all’Altare della Patria con Mattarella.

Il nostro 25 aprile non sarà mai una ricorrenza, ma un momento di lotta e di organizzazione contro questo governo e contro questo sistema economico che produce sempre più razzismo, oscurantismo e repressione.

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

Trieste, il 25 aprile torna antifascista

Quattrocento persone alla cerimonia ufficiale, 2000 alla contromanifestazione: sono questi i numeri del 25 Aprile di Trieste che segnalano una netta cesura col passato. La festa della Liberazione del capoluogo Giuliano infatti era soprattutto una cerimonia funebre, ma quest’anno qualcosa è cambiato.

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – Il nostro 14 gennaio antifascista

Il 14 gennaio aprirà a Modena la sede dell’associazione “Terra dei Padri”. In realtà, si tratta di un’associazione che farà da copertura all’insieme della piccola e frammentata estrema destra modenese di stampo neofascista.

Italia

Adesione alla manifestazione del 16 giugno a Roma, “Basta disuguaglianze”

SCR aderirà alla manifestazione del 16 giugno a Roma e scenderà in piazza a fianco dei compagni dell’Usb e delle altre realtà politiche e sociali che vorranno essere presenti, ma soprattutto scenderemo in piazza a fianco dei nostri fratelli e compagni immigrati, che rappresentano il settore più sfruttato ed oppresso della classe sociale a cui apparteniamo.

Antifascismo e Antirazzismo

Nuovo opuscolo – Combatti il razzismo, abbatti il capitalismo!

il nostro nuovo opuscolo, al prezzo di un euro!

Storia e Memoria

Strage del 2 agosto 1980 – Mano fascista, regia della P2 e dello stato borghese!

Nel quarantesimo anniversario della strage alla stazione di Bologna, quando il 2 agosto 1980 l’esplosione di una bomba posta nella sala d’aspetto di fronte al primo binario fece 85 morti e 200 feriti, nuovi documenti, acquisiti agli atti dell’inchiesta tutt’ora in corso sembrano gettare luce sui possibili mandanti di questa immonda barbarie.

Antifascismo e Antirazzismo

Se si pensa che il problema siano i francesi… Sui reietti di Ventimiglia

400 profughi fermi a Ventimiglia. Vogliono attraversare la frontiera francese e recarsi lì dove hanno un famigliare, una promessa di lavoro, o semplicemente una lingua conosciuta con la quale ricominciare