24 Aprile 2019

25 Aprile contro Salvini – Antifascisti oggi e domani!

Nell’ultimo periodo sono fioccate dichiarazioni di ogni tipo sul periodo del fascismo e della lotta di liberazione. Antonio Tajani (Forza Italia e presidente dell’Europarlamento) nel giorno del ricordo delle vittime delle foibe, evento che ha sempre più il ruolo di falsificare la storia della liberazione dal fascismo, ha concluso il suo discorso con un “Viva l’Istria e la Dalmazia italiane!” di mussoliniana memoria. E infatti un mese dopo ha rincarato dichiarando che Mussolini “ha fatto delle cose positive”.

A ridosso del 25 aprile è invece Salvini a prendere la scena: “Io il 25 aprile non sarò a sfilare qua o la, fazzoletti rossi, neri, gialli o bianchi, vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine nel cuore della Sicilia”.

E ancora: “Il 25 aprile ci saranno i cortei partigiani e contro i partigiani. Siamo nel 2019 e mi interessa poco il derby fascisti-comunisti: mi interessa il futuro del nostro Paese e liberare il nostro Paese dalla camorra e dalla ‘ndrangheta”.

E all’“alleato” Di Maio che lo critica per le sue amicizie con l’estrema destra in Europa, risponde che il dibattito “fascisti contro comunisti” lo lascia fare agli storici e che Di Maio pensi a lavorare.

Ormai da anni sta avanzando a livello istituzionale una propaganda martellante che mira a offuscare la memoria della resistenza. Non è passato molto tempo da quando Renzi cercava di trasformare il 25 aprile nella “giornata della libertà”, anziché liberazione, e invitava a festeggiare senza polemiche e divisioni.

Ma il dibattito storico non è mai fine a se stesso. Ogni dichiarazione, interpretazione o anche negazione, riflette un preciso interesse per la politica e la lotta di classe sul presente e sul futuro. Chi prova a trasformare il 25 aprile in una festa di unità nazionale, senza divisioni appunto, cerca di nascondere il ruolo reazionario della borghesia durante il fascismo per chiedere oggi l’unità tra le classi nell’affrontare la crisi del capitalismo: cioè obbedienza e sacrificio da parte degli oppressi.

Salvini, invece, può provare quanto vuole a tirarsi fuori da questo dibattito ma è più che evidente il ruolo reazionario che sta coprendo e coprirà nel prossimo futuro. Il suo “decreto sicurezza” non è solo una dichiarazione di guerra contro gli immigrati, ma anche contro chiunque voglia lottare contro i soprusi di questo sistema. È ben nota la sua amicizia con le formazioni di estrema destra ed è ormai chiaro di come si stia ponendo come loro leader e l’uomo dell’ordine nel palazzo del potere.

Per quanto provino a infangare la resistenza e a nasconderne la portata rivoluzionaria, quello che stiamo vedendo in questi giorni è come le tradizioni di lotta e l’antifascismo non siano mai morti. Se i reazionari a Verona organizzano un convegno che ricordava le posizioni di Mussolini sulla famiglia (“le donne devono tenere in ordine la casa, vegliare sui figli e portare le corna”), la risposta è stata un corteo di massa, spontaneo ed antifascista. Se Forza Nuova organizza un presidio a Prato per commemorare i 100 anni dei fasci di combattimento, l’appello antifascista porta in piazza migliaia di persone sovrastando il presidio fascista.

Il nostro compito oggi non è solo quello di contribuire a respingere le provocazioni fasciste e le leggi reazionarie, ma anche di fare chiarezza nel campo antifascista. Vediamo come il Pd stia cercando di riprendersi dalla sconfitta di un anno fa provando ad inserirsi nell’ondata di indignazione contro Salvini, con gli appelli alla Costituzione e alla legalità. Provano a darsi una verniciata di antifascismo per far dimenticare le politiche di austerità dei loro governi e le leggi reazionarie come il decreto Minniti in materia di immigrazione.

Le provocazioni di Salvini hanno trovato risposte patetiche dall’antifascismo istituzionale dei vertici dell’Anpi, che si appellano al “dovere istituzionale” del ministro di non denigrare la lotta di Liberazione. Di questo antifascismo non sappiamo che farcene, né ci interessa sapere se Salvini andrà o meno all’Altare della Patria con Mattarella.

Il nostro 25 aprile non sarà mai una ricorrenza, ma un momento di lotta e di organizzazione contro questo governo e contro questo sistema economico che produce sempre più razzismo, oscurantismo e repressione.

Articoli correlati

Trieste, 3 novembre – Per un antifascismo di classe e internazionalista

Pubblichiamo il volantino che distribuiremo oggi 3 novembre alla manifestazione contro Casapound, a Trieste

Modena – “Terra dei Padri” e Diego Fusaro: una love story

Ci risiamo. Il circolo pseudo-culturale “Terra dei Padri”, in realtà covo del neo-fascismo locale, compie un anno e chi invita alla sua festicciola di compleanno? Il direttore di “Eurasia” Claudio Mutti, neo-fascista attivo nelle trame “nere” della strategia della tensione degli anni ’70 in Italia, e Diego Fusaro, clown di sé stesso con la spudoratezza di dichiararsi allievo di Marx.

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.

Pavia: Le intimidazioni fasciste non ci fermeranno!

Tutta Italia ha parlato della intimidazione fascista avvenuta a Pavia due notti prima delle elezioni, quando qualcuno ha attaccato alle porte di casa di una quindicina di persone degli adesivi minacciosi con scritto «Qui ci abita un antifascista» e il simbolo della Rete Antifascista sbarrato.

Milano, Stazione centrale: la maschera ipocrita del Partito democratico

Dopo la retata delle “forze dell’ordine” davanti alla stazione centrale di Milano con incredibile spiegamento di mezzi e uomini si è scatenato il dibattito. Mentre quello stesso pomeriggio sul piazzale della stazione Matteo Salvini improvvisava un comizio e incitava alla pulizia etnica, il sindaco Sala lamentava di non essere stato avvertito dalla Questura e si gloriava di essere il primo cittadino della “città dell’accoglienza”.

Il 25 APRILE
 nelle lotte di ieri e di domani

È questo il vero contenuto del 25 aprile e, per quanti sforzi facciano, è impossibile cancellare dalla coscienza popolare il significato della festa della Liberazione: il ricordo di chi ieri lottò contro il fascismo, il nazismo e contro la borghesia che li aveva messi al potere è da sempre un incoraggiamento per chi lotta oggi contro questo sistema.