14 Gennaio 2020

2020: un mondo in fiamme

La nascita del nuovo anno è stata celebrata con la solita teatralità. A Londra, la gente in festa ha accolto con favore l’inizio di un nuovo decennio con spettacoli pirotecnici, così come molte altre persone a Edimburgo e in altre grandi città. Senza dubbio, il nuovo Primo Ministro britannico Boris Johnson stava celebrandolo con ancora più entusiasmo rispetto alla maggior parte delle altre persone. Dopo aver vinto le elezioni generali del 2019 con una chiara maggioranza, ora è libero di condurre la nazione a una conclusione positiva dei negoziati sulla Brexit. Questa, almeno, è la teoria.

La realtà, tuttavia, è piuttosto diversa.

Gli strateghi seri del capitale guardano al futuro, non con entusiasmo, ma con terrore. Leggendo le pagine della stampa finanziaria, non si può fare a meno di ricordare la frase di Berthold Brecht: “Colui che ride probabilmente non ha ancora ricevuto la terribile notizia.”. Il 1° gennaio, The Economist ha emesso un cupo verdetto sulle prospettive dell’economia mondiale:

La crescita globale nel 2019 è stata la più lenta dalla crisi finanziaria del 2008-09. Il PIL mondiale è aumentato di circa il 2,2%. Quest’anno andrà un po’ meglio, secondo le ultime stime dell’Economist Intelligence Unit (EIU), una consociata dell’Economist. L’EIU prevede che l’economia globale si espanderà del 2,4% nel 2020.

“Si prevede che le economie ricche cresceranno all’incirca allo stesso debole ritmo del 2019 – l’eurozona, quasi allo stesso modo: 1,3%, rispetto all’1,2% dell’anno scorso. L’EIU vede un brusco rallentamento in America, dal 2,3% all’1,7%, mentre le tensioni commerciali continuano a deprimere il commercio e gli investimenti.

Un prolungamento nel rallentamento globale della produzione trascinerà in basso anche la crescita mondiale. Una Brexit senza accordo potrebbe peggiorare le cose per la Gran Bretagna e i suoi partner commerciali”.

Una Brexit senza accordo non è affatto impossibile. Il successo elettorale di Boris Johnson sembra averlo reso ancora più stupido e irresponsabile di quanto non lo fosse prima. La sua prima mossa dopo il ritorno al Numero 10 di Downing Street (la residenza del Primo Ministro) è stata quella di avanzare un disegno di legge che renderebbe illegale per la Gran Bretagna prolungare i negoziati con l’UE oltre il dicembre 2020.

Poiché tutti (tranne il Tea Party del Cappellaio Matto che ora governa il Regno Unito) sono ben consapevoli che è impossibile concludere un accordo commerciale molto complesso in 12 mesi, ciò equivale a un atto di follia collettiva. La Gran Bretagna ha vacillato sull’orlo di un abisso negli ultimi 12 mesi. Ma ora, sotto l’audace guida dello zar Boris I, stiamo per fare un passo in avanti.

L’euforia che ha colto i banchieri e i capitalisti quando si sono resi conto che Corbyn non sarebbe stato il prossimo Primo Ministro britannico non è durata a lungo. La sterlina prima è salita, poi è precipitata non appena i centri finanziari mondiali si sono resi conto che la Gran Bretagna era passata dalla padella alla brace.

L’allarme delle borse mondiali è fondato. Una Brexit senza accordo sarebbe un disastro per l’Europa, una catastrofe per la Gran Bretagna e avrebbe gravi effetti sull’economia mondiale che, nonostante tutta la propaganda trionfalista, al momento si trova in uno stato estremamente fragile. Qualsiasi grave shock (una Brexit senza accordo, una guerra in Medio Oriente …) potrebbe sprofondarla in una recessione, ancora più profonda e grave della crisi del 2008.

Una volta che la reale situazione diventerà chiara per il popolo britannico, il sostegno ai conservatori (che in realtà è comunque molto superficiale) evaporerà come una goccia d’acqua su una stufa calda. Boris Johnson non sarà in grado di mantenere le sue promesse nel contesto di una crisi economica che scaturirà direttamente dalla politica imbecille che lui e la banda di Brexiters che ora controllano il partito Tory, sono determinati a perseguire.

Ma ehi! Perché preoccupare il nostro cervello per future catastrofi che devono ancora venire? Vivete il momento! Divertitevi! Mangiate, bevete e divertitevi, poi domani … beh, questa è un’altra cosa. Basti pensare che, nella notte del 31 dicembre, lo champagne scorreva e lo skyline di Londra era illuminato dallo spettacolo glorioso di 12.000 fuochi d’artificio che esplodevano.

Fuochi d’artificio a New York … e a Baghdad

Nel frattempo, poche migliaia di chilometri al di là dell’Atlantico, oltre un milione di persone si sono radunate per festeggiare il nuovo anno nella zona di Times Square. Questo evento si svolge ogni anno. Ma quest’anno c’era una differenza.

Per la prima volta, la polizia di New York aveva progettato di utilizzare un drone di sorveglianza per monitorare la festa annuale a Times Square. Oltre al drone, il NYPD (il dipartimento di polizia di New York) ha affermato che avrebbe dislocato migliaia di telecamere, agenti e altre misure per la sicurezza per controllare i festeggiamenti. “Vedrete molti agenti armati e in equipaggiamento da guerra“, ha dichiarato il commissario di polizia James O’Neill.

Queste misure straordinarie sono l’espressione plastica di una nuova sensazione di insicurezza che sta gradualmente prendendo piede nella società americana. Questo umore, a sua volta, riflette l’estrema instabilità su scala mondiale, in cui l’America viene risucchiata da conflitti su molti fronti.

La distruzione delle Torri Gemelle nell’attacco terroristico dell’11 settembre è stato un cupo avvertimento di ciò che potrebbe accadere agli Stati Uniti a causa del suo coinvolgimento nelle contraddizioni globali, specialmente in Medio Oriente. Questa instabilità è stata notevolmente esacerbata dalle azioni imprevedibili dell’attuale inquilino della Casa Bianca.

Si dà il caso che il drone citato non sia stato usato alla vigilia di Capodanno. Il motivo erano le avverse condizioni meteorologiche. Il presidente Trump può essere l’uomo più potente del mondo, ma sembra che nemmeno lui possa controllare il tempo. Il capo della polizia Terence Monahan ha dichiarato che il drone non ha potuto essere dispiegato in modo sicuro a causa della forte pioggia e del vento. Invece, la polizia ha usato gli elicotteri per tenere d’occhio dall’alto i festeggiamenti.

Con o senza drone, i festeggiamenti sono proseguiti senza incidenti gravi. La folla ha goduto dello spettacolo dei fuochi d’artificio. Ma pochi giorni dopo, nella lontana Baghdad, la skyline è stata illuminata da un altro tipo, più mortale, di fuochi d’artificio. Dopo il rischio di scoppio di un conflitto nel 2019, America e Iran hanno festeggiato il nuovo anno al suono dei tamburi di guerra.

L’escalation è iniziata il 27 dicembre, quando decine di missili, presumibilmente sparati da una milizia irachena, chiamata Kataib Hezbollah che è appoggiata dall’Iran, hanno colpito una base militare irachena a Kirkuk, uccidendo un contractor americano e ferendo soldati americani e iracheni. Due giorni dopo, gli Stati Uniti hanno risposto, nonostante la contrarietà del governo iracheno, con attacchi aerei sul suolo iracheno, in cui sono stati uccisi almeno 25 membri della milizia e oltre 50 sono state feriti.

Dopo che migliaia di miliziani e manifestanti hanno attaccato l’ambasciata americana a Baghdad, il presidente Trump ha dichiarato che l’Iran sarebbe stato ritenuto il responsabile. “Pagheranno un PREZZO SALATO!”, Ha twittato Trump. “Questo non è un avvertimento; è una minaccia. Felice anno nuovo!”

Trump ha mantenuto la parola. Il 3 gennaio, ha emesso l’ordine per l’assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani con un attacco con droni a Baghdad. Con questa azione, il presidente americano ha immediatamente fatto precipitare il mondo, e in particolare il Medio Oriente, in una profonda crisi.

Non contento di stracciare l’accordo nucleare con l’Iran, che era stato dolorosamente messo insieme dopo anni di lavoro diplomatico, Trump è intenzionato a provocare all’ennesima potenza il regime di Teheran. In tal modo, ha mostrato il suo completo disprezzo per i cosiddetti alleati dell’America, che non sono stati consultati su questa nuova avventura, sebbene influisca sui loro interessi in modo molto diretto.

La reazione anche dei commentatori più di destra è stata universalmente negativa. Un giornale britannico tradizionalmente conservatore, il Sunday Mail ha immediatamente pubblicato un articolo dal titolo:

L’uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani è stato un omicidio di stato. Come può qualcuno essere così maledettamente stupido?”

Chi può essere così “maledettamente stupido”? Donald Trump, ovviamente: il grande amico di Boris Johnson, che il Sunday Mail ammira così tanto.

Qui non voglio soffermarmi a lungo sugli eventi in Medio Oriente. Li abbiamo trattati ampiamente su questo sito. Basti dire che gli ultimi eventi sono serviti solo a sottolineare l’estrema turbolenza e l’instabilità che ora esiste su scala mondiale e a tutti i livelli: finanziario, economico, sociale, politico, diplomatico e militare.

Questi sono tutti sintomi di un sistema socio-economico malato che ha esaurito alla sua utilità e costituisce una minaccia permanente all’esistenza della civiltà umana, se non al futuro stesso del pianeta.

L’Australia in fiamme

Uno degli spettacoli pirotecnici più spettacolari della vigilia di Capodanno si svolge sempre a Sydney. Quest’anno non ha fatto eccezione, anche se ci sono fuochi d’artificio d’altro tipo in tutto il paese. L’Australia è stata devastata da terribili incendi boschivi intensificati dalle alte temperature e da mesi di siccità.

Da settembre, gli incendi nell’Australia orientale hanno ucciso sei persone, distrutto più di 700 case e ricoperto di fumo piccole e grandi città (compresa Sydney). Le nuvole causate dal fuoco sono così enormi che possono essere viste dallo spazio e sono arrivate fino in Nuova Zelanda.

I critici dello spettacolo pirotecnico di Sydney si sono opposti sulla base del fatto che avrebbe mandato il messaggio sbagliato. Hanno esortato gli organizzatori a cancellarlo e a donare invece i soldi agli agricoltori e ai vigili del fuoco. Ma perché lasciare che un disastro nazionale che è costato la vita e le case di innumerevoli cittadini vada a interferire con un grande festeggiamento? Lo spettacolo pirotecnico a Sydney si è svolto come previsto.

Si diceva che l’Imperatore Nerone avesse suonato la lira e cantato canzoni mentre Roma bruciava. Seguendo le orme del suo venerato predecessore, il Sindaco di Sydney ha difeso la decisione di proseguire con lo spettacolo pirotecnico di Capodanno. Moore ha dichiarato in una conferenza stampa che la notte di San Silvestro è stata un’importante celebrazione che “dovrebbe dare speranza alle persone in un momento terribile”.

Questo è lo spirito! Gli australiani devono continuare a sorridere, anche quando le loro case sono ridotte in cenere, le loro città sono soffocate da dense nuvole di fumi velenosi e un numero sconosciuto di cadaveri carbonizzati giacciono sotto le rovine. La cosa più importante è mantenere lo spirito e soprattutto mantenere i margini di profitto di albergatori, banchieri e capitalisti.

Il problema della redditività del Capodanno era evidentemente nella mente del sindaco, che ci ha ricordato che: “Molte persone sono già arrivate in aereo e hanno pagato hotel e ristoranti, viaggiando da tutto il mondo per essere qui per la notte dell’ultimo dell’anno. Genera 130 milioni di dollari australiani (91 milioni di dollari statunitensi) per l’economia del Nuovo Galles del Sud, alimenta il nostro settore turistico, crea posti di lavoro e un gran numero di piccole imprese”.

La vacanza hawaiana di Scott Morrison

Solo otto mesi fa, Scott Morrison, il leader del Partito liberale australiano, veniva accolto come un genio della politica per aver strappato la vittoria in un’elezione in cui ci si aspettava che perdesse, anche a causa del suo sostegno entusiasta alla potente industria del carbone del paese.

Come sono cambiati i tempi! Con l’aumentare delle temperature e la crisi che infuria, molti australiani hanno accusato il Primo ministro di non aver fornito rassicurazioni o sostegno alle comunità colpite dal fuoco. Morrison e il suo governo hanno anche affrontato un forte contraccolpo riguardo alle loro politiche climatiche.

Ora il Primo Ministro australiano è accusato di minimizzare la gravità della crisi. Questo sembra un po’ ingiusto. Non ha annullato le sue meritate vacanze per visitare le zone colpite dagli incendi? Beh sì, alla fine lo ha fatto, anche se, a dire il vero, questa decisione non è stata presa alla leggera, ma solo dopo un’attenta valutazione e molta cattiva pubblicità sulla stampa.

La decisione di Morrison di andare in vacanza con la sua famiglia è stata accolta in modo prevedibilmente arrabbiato dai media e dai social media, il che gli ha suggerito che non avrebbe dovuto “sparire” nel momento in cui la crisi si stava acutizzando, in particolare dopo che in passato aveva criticato un capo dei vigili del fuoco per avere fatto lo stesso.

L’ufficio di Morrison ha inizialmente negato che fosse alle Hawaii, ma una foto pubblicata sui social media, in cui apparentemente veniva mostrato in posa con altri turisti su una spiaggia a bere una birra, sembrava mettere in dubbio la veridicità della versione del suo ufficio. Frasi come #WhereisScoMo e #FireMorrison sono state ampiamente replicate online.

Alla fine, il Primo Ministro ha confermato di essere effettivamente alle Hawaii ma che sarebbe tornato presto. Questo annuncio tardivo è arrivato poco dopo la morte di due vigili del fuoco – volontari e padri di bambini piccoli. Sono stati i primi pompieri a morire durante la crisi.

“Dati questi tragici eventi recenti, tornerò a Sydney non appena possibile” ha dichiarato in una nota. Si potrebbe anche dire che il Primo Ministro si è mosso solo quando le fiamme si avvicinavano pericolosamente al suo fondoschiena. Ma Albanese, il leader dell'”opposizione” laburista, ha affermato che il Primo Ministro ha “diritto a una vacanza”, ma ha criticato la “mancanza di informazioni e trasparenza”. Ora ci sono parole pesanti anche nei suoi confronti!

Il Primo Ministro offre alle vittime … le sue preghiere

Avendo compiuto l’estremo sacrificio di lasciare con riluttanza il suo rifugio hawaiano, Morrison si è dimostrato molto generoso nel lodare i pompieri volontari, molti dei quali sono formati per rispondere alle emergenze – il che è buono – ma non sono retribuiti – che è ancora meglio.

Questi uomini e donne coraggiose rischiano quotidianamente la vita per combattere questo gigantesco inferno. Alcuni hanno perso la vita tra le fiamme. Ma Morrison è chiaramente dell’opinione che vengano ricompensati con la loro stessa virtù. Ha fermamente respinto le richieste di maggiori finanziamenti per i vigili del fuoco, affermando che le risorse esistenti sono sufficienti e che i volontari “vogliono essere lì”.

Tuttavia, il Primo Ministro è in grado di mostrare la sua generosità e umanità in altri modi. È stato lesto nell’offrire alle vittime di questo inferno … i suoi “pensieri e preghiere”. Ora, pensieri e preghiere, come tutti sappiamo, sono abbastanza economici. Ma quando si tratta di soldi per le persone in difficoltà e garanzie per le assicurazioni, Morrison improvvisamente tace, probabilmente perché il silenzio favorisce molto l’efficacia della preghiera.

Finora, purtroppo, le preghiere del Primo Ministro sembrano non avere avuto risposta. Le temperature sono salite a nuovi picchi e gli incendi hanno continuato a diffondersi in modo allarmante, devastando intere comunità. La marina ha dovuto essere chiamata per salvare le persone dalle spiagge nelle aree bruciate dalle fiamme. Il numero di persone che hanno perso la vita è ancora sconosciuto. Ma un gran numero di persone ha perso la casa e tutti i suoi averi.

Nel frattempo, migliaia di persone sono uscite per le strade di Sydney, dove la qualità dell’aria è arrivata a livelli pericolosi. Una donna, la cui casa era stata distrutta da un incendio boschivo, era in piedi davanti alla sede del parlamento a Canberra con un cartello scritto a mano che diceva semplicemente: “Morrison, la tua crisi climatica ha distrutto la mia casa”.

L’Australia, con la sua economia dipendente dal carbone, ha uno dei più alti tassi di emissione di gas serra pro-capite a livello globale. L’indice del 2020 per valutare il contrasto ai cambiamenti climatici ha classificato l’Australia come ultima su 57 paesi per la sua politica sul clima, affermando che la classifica era peggiorata sotto il governo Morrison.

La vasta riserva di carbone non sfruttata nell’Australia nord-orientale è stata per anni oggetto del desiderio del gigante industriale indiano Adani. A giugno, quando il governo australiano ha concesso all’azienda l’approvazione per l’estrazione del carbone dalla riserva, non stava solo premiando le sue attività di lobby e di campagne politiche, ma stava anche aprendo le porte ad Adani per realizzare il suo grande pianodi una catena di approvvigionamento del carbone che si potesse estendere attraverso tre paesi.

Il carbone proveniente dall’operazione australiana, noto come progetto Carmichael, verrebbe trasportato in India, dove la società sta costruendo una nuova centrale da quasi 2 miliardi di dollari per produrre elettricità. Quell’energia verrebbe venduta nel vicino Bangladesh.

Il successo di Adani in Australia ha contribuito a garantire che il carbone un fattore decisivo nell’economia e nelle vite di quei tre paesi (che insieme hanno un quarto della popolazione mondiale) per anni, se non decenni.

Ma queste preoccupazioni sono respinte dal governo liberale. Il vice primo ministro australiano ha affermato che il paese dovrebbe “assolutamente” continuare a utilizzare e sfruttare il suo carbone. Il viceministro Michael McCormack ha respinto queste affermazioni come preoccupazioni della “delirante gente di sinistra che vive nelle città”, aggiungendo: “Abbiamo avuto incendi in Australia fin dalla notte dei tempi”. Forse sarà così, ma non su una scala così veloce e devastante come l’attuale serie di incendi.

Sotto il capitalismo, gli interessi a lungo termine dell’ambiente e il futuro della stessa razza umana vengono messi in secondo piano dopo l’interesse e il profitto. Il profitto deve venire prima, sempre. La vita, la salute e la sicurezza della gente comune non possono mai interferire con l’avidità dei capitalisti per l’ottenimento del plusvalore.

L’atteggiamento di questi politici borghesi nei confronti del destino di milioni di cittadini australiani è caratteristico del disprezzo mostrato dalle grandi imprese e dai loro rappresentanti politici in tutti i paesi. Tutto ciò che serve è che qualcuno consegni a McCormick e al suo capo una lira di seconda mano e un foglio di versi di Nerone. A quel punto, il quadro sarebbe completo.

7 gennaio 2020

Articoli correlati

Convulsioni di un sistema in crisi

Il caos mondiale nel quale il sistema capitalista sta precipitando non può essere curato con prediche e appelli alla ragionevolezza. Quello capitalista è un sistema malato che si dibatte per sopravvivere a se stesso. Il movimento operaio ha il dovere di sfruttare a proprio vantaggio le convulsioni di questa crisi per porsi come punto di riferimento rivoluzionario per tutti gli sfruttati che ne subiscono le conseguenze.

Le elezioni in Andalusia e Podemos

Il banco di prova per Podemos parte dalle elezioni regionali tenutesi in Andalusia lo scorso marzo. Podemos, seppur terza forza dopo il Psoe e il Pp, esce rafforzato da questo

Elezioni dipartimentali in Francia: un rigetto del sistema

Il 23 marzo scorso i candidati dell’Unione di destra, alleati attorno all’Ump di Sarkozy, hanno ampiamente vinto le elezioni amministrative in Francia. Il Partito socialista al governo crolla, perdendo metà

Rivoluzione mondiale

“Uno spettro si aggira per l’Europa”. Gli autori del Manifesto del Partito Comunista proclamavano con questa frase celebre l’alba di una nuova fase per la storia dell’umanità. Questo avveniva nel 1848, un anno di insurrezioni rivoluzionarie in Europa. Ma ora questo spettro si aggira, non soltanto in Europa, ma in tutto il mondo. È lo spettro della rivoluzione mondiale.

Il declino degli Usa e il ginepraio mediorientale

Dal 30 marzo l’Arabia saudita, a capo di una coalizione di stati arabi, ha lanciato un attacco aereo contro i ribelli Houthi, di religione sciita. La missione che ha come

L’impotenza dell’OMS e le relazioni tra Cina e Stati Uniti

La crisi del COVID-19 sta mettendo in luce i limiti delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l’OMS, intrappolati tra gli interessi dell’imperialismo statunitense e cinese in competizione tra loro. Come un ombrello pieno di buchi, sono inutili proprio quando sarebbero più necessarie.