15 marzo, Global climate strike – 23 marzo, corteo contro le grandi opere: il nostro volantino

Venerdì 15 marzo è la volta anche in Italia del “global climate strike”, lo sciopero generale per il clima.

Già decine di migliaia gli studenti sono scesi in piazza in tutta Europa, dalla Gran Bretagna alla Svezia, dal Belgio alla Svizzera.

Il momento è ora! Il salto di qualità compiuto in queste mobilitazioni è dato dalla consapevolezza che solo con la lotta collettiva potremo salvare il pianeta. Le “buone pratiche” individuali, per quanto virtuose, non potranno mai farlo.

Infatti, per contenere l’aumento delle temperature al di sotto di 1,5°C, diversi scienziati indicano misure drastiche, come la riduzione entro il 2030 del 45% di emissioni di anidride carbonica rispetto ai livelli del 2010. Il problema sono dunque le grandi scelte economiche: 100 aziende multinazionali sono oggi responsabili del 71% delle emissioni globali di gas serra.

Il sistema non si può riformare! L’economia verde all’interno del capitalismo è una grande truffa, un altro modo per fare profitti. Le grandi multinazionali investono anche nelle rinnovabili, intascandosi gli aiuti di Stato. E non dimentichiamoci che l’Italia (come tanti altri paesi) garantisce ancora oggi 16 miliardi di euro di sussidi diretti e indi-retti alle società petrolifere!

Da più parti si chiede un impegno ai governi affinché cambino le loro politiche. Ma questo non avverrà mai. Da decenni si susseguono vertici sul clima (Kyoto, Parigi, COP21), che producono enormi fallimenti e che dimostrano la completa sudditanza di governi ed organismi internazionali agli interessi delle multinazionali responsabili dell’inquinamento, della deforestazione e delle devastazioni ambientali.

Dai governi di destra, di centro o di sinistra non ci possiamo aspettare nulla. Solo l’azione di massa, lo sciopero di studenti e lavoratori uniti possono fermare la distruzione del pianeta. Abbiamo bisogno di un programma alternativo: le principali industrie, le fabbriche inquinanti, vanno espropriate, riconvertite e poste sotto il controllo dei lavoratori.

Dobbiamo decidere noi, non le élite al governo o un pugno di multinazionali!

Sabato 23 marzo a Roma ci sarà una grande Marcia per il clima e contro le grandi opere inutili. È un passaggio importante per fermare progetti come Tav, terzo valico, Tap o le trivellazioni nei mari.

 

Sinistra classe rivoluzione sarà presente con uno spezzone! Vieni a Roma con noi!

 Scrivi a redazione@marxismo.net  o contatta i nostri compagni per sapere dove e quando partono i pullman nella tua città

Scarica il volantino in formato .pdf

Articoli correlati

Ultimo Stadio: Berdini, la Raggi e lo stadio dell’As Roma

Travolta dalle inchieste, alle prese con il quarto cambio nella compagine degli assessori in poco più di sei mesi, senza lo straccio di un’idea, quale che sia, per governare una città allo sbando di tre milioni di abitanti, Virginia Raggi con il M5S a Roma va avanti, soprattutto per la plateale assenza di avversari minimamente all’altezza

Acqua alta e sopravvivenza di Venezia – Il capitale non guarda in faccia a nessuno!

Quelli appena trascorsi sono stati giorni difficili per la città di Venezia e per i suoi abitanti, data la straordinaria violenza con cui le maree del 12 novembre e quelle successive hanno piegato la città. Questo è il segno che i cambiamenti climatici causati dallo sfruttamento incontrollato delle risorse ambientali e dall’inquinamento scellerato da parte delle grandi industrie ha compromesso il già fragile ecosistema della laguna veneta.

NO TAV – Condannata per una tesi di laurea

Negli ultimi mesi abbiamo visto l’inasprirsi della repressione contro il movimento No Tav in Val Susa. Tale repressione colpisce anche studenti universitari che si trovano in valle a fini di ricerca. È il caso di Roberta Chiroli, laureata in antropologia alla Ca’ Foscari di Venezia, che noi abbiamo intervistato:

Il rogo dei rifiuti a Mortara (Pavia)

L’incendio scoppiato all’alba di mercoledì 6 settembre 2017 alla ditta Eredi Bertè di Mortara (Pavia) non si era ancora spento la domenica successiva. Il risultato è stato il superamento della soglia di attenzione per la concentrazione di diossine e furani nell’aria nella zona circostante

No Ombrina: lotta o compromesso al ribasso?

Il progetto “OmbrinaMare” (di cui si è già parlato nei numeri 4 e 7 del nostro giornale) che prevede l’installazione nel mare Adriatico, a ridosso della Costa dei Trabocchi, di trivelle per l’estrazione del petrolio e la lavorazione del prodotto sul luogo, prosegue il suo iter burocratico avendo ottenuto, sia pure in modo rocambolesco, l’approvazione della compatibilità ambientale da parte della Conferenza dei servizi del Ministero per lo Sviluppo Economico.

L’illusione riformista del “Green New Deal”

In questi ultimi mesi si sta imponendo nel dibattito a sinistra la proposta del Green New Deal (Gnd), anche sull’onda delle mobilitazioni ambientaliste internazionali.