Solidarietà con la lotta dei lavoratori delle Aerolinee pakistane (Pia)!

Lo sciopero dei lavoratori (Pakistan International Airlines) PIA è entrato nel suo settimo giorno. Dopo l’uccisione di tre operai da parte delle forze di sicurezza a Karachi martedì scorso, quando la protesta pacifica dei lavoratori contro la privatizzazione è stata brutalmente attaccata, l’intensità dello sciopero ha raggiunto il culmine.

La notizia di questo avvenimento tragico si è presto diffusa alle altre parti del paese. Il blocco totale di tutte le fsi lavorative è stato messo in campo da parte dei lavoratori, compresa il fatto che tutti i voli siano rimasti a terra. È la prima volta nella storia del movimento operaio pakistano che tutti i lavoratori Pia, operatori di volo, piloti e personale di terra sono sotto attacco tutti assieme.

Il primo ministro, Nawaz Sharif, i ministri e i funzionari governativi, hanno denunciato lo sciopero e si sono rifiutati di trattare con gli scioperanti. Sharif ha anche minacciato i leader sindacali, così come i lavoratori in sciopero, di licenziamento e di un anno di reclusione per la violazione dell’Act (legge) 1952 sui cosiddetti “servizi essenziali”.

pia-strike_02I lavoratori non solo hanno continuato lo sciopero, ma hanno intensificato la protesta. Sono state organizzate raccolte di fondi tra altri settori di lavoratori al fine di soddisfare le spese quotidiane dello sciopero, come il cibo e il tè. A Rawalpindi, Hidayatullah, il presidente della “Unità popolare con il sindacato dei dipendenti Pia”, e il vicepresidente Zameer Chandio gli altri due leader sindacali, Mansoor Dhillo e Saifullah Larak, sono stati rapiti e trasferiti in località segrete. La polizia nega ogni responsabilità.

I compagni del PTUDC (Pakistan Trade Union Defence Campaign, Campagna in difesa dei sindacati pakistani) stanno intervenendo in queste proteste con tutte le loro forze, cercando di collegare questa lotta con i movimenti anti-privatizzazione in altri settori, come WAPDA (l’azienda dell’energia elettrica e dell’acqua) e le ferrovie. Il nostro intervento ha rafforzato e incoraggiato i lavoratori in sciopero, rompendo in una certa misura l’isolamento di questo movimento.

Molti compagni della Ptudc sono intervenuti nelle assemblee dei lavoratori PIA in tutto il paese, esponendo il vero carattere del regime di governo e delle istituzioni imperialiste, come il Fondo monetario internazionale, che stanno attuando le politiche di privatizzazione e l’austerità in tutto il mondo.

I lavoratori hanno accolto con favore il ruolo di PTUDC, e hanno elogiato anche pubblicamente il ruolo della Tendenza marxista internazionale nei loro interventi. I lavoratori in sciopero hanno anche richesto che vengano inviati messaggi di solidarietà che condannano la privatizzazione, l’oppressione dello Stato e il sequestro di dirigenti sindacali.

Facciamo appello a tutti i sindacati, le organizzazioni dei lavoratori e i compagni di altri paesi per inviare messaggi di solidarietà. Tali messaggi saranno letti nei presidi e nelle assemblee e avranno un ruolo fondamentale nel mantenere alto il morale dei lavoratori PIA.

Invia messaggi di solidarietà a: [email protected] e a [email protected]

Articoli correlati

Pakistan

Pakistan – Il compagno Amin da Karachi vittima di un’ondata di rapimenti volta a schiacciare il dissenso

Mentre la crisi economica in Pakistan si dirige verso una catastrofe anche la repressione statale sta raggiungendo livelli senza precedenti. Ogni modalità di espressione di dissenso e rabbia viene strangolata. L’attivista della Progressive Youth Alliance, il compagno Amin, è una delle tante persone rapite da questo stato brutale. Rilasciate Amin!

Pakistan

ULTIM’ORA DAL PAKISTAN – Tutti i nostri compagni sono stati liberati!

Tutti i nostri compagni sono stati liberati! Bilawal Baloch, Raja Umar and Mohammed Gulbaz sono al sicuro con i compagni della sezione pakistana della Tmi.

Senza categoria

Pakistan – Quando il terrorismo diventa una risorsa strategica!

Nella sera di domenica 28 marzo, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco giochi a Lahore. Fino ad ora sono almeno 72 i morti accertati e più di 250 i feriti.

Pakistan

Pakistan: la liberazione di Amin è una vittoria per la TMI – Avanti verso la rivoluzione!

Il compagno Amin è arrivato a casa sua a Karachi la mattina presto del primo agosto, dopo 18 giorni di reclusione, dopo essere stato rapito il 14 luglio dai Ranger (un’organizzazione paramilitare in Pakistan). La sua liberazione è stata possibile solo grazie alla nostra campagna internazionale e alla solidarietà da parte di compagni e simpatizzanti della TMI in tutto il mondo.

Pakistan

Pakistan: Liberati TRE dei compagni sequestrati!

Siamo felici di annunciare che tre dei compagni sequestrati dallo stato pakistano sono stati rilasciati! I tre sono: 1. Shay Razai 2. Yasir Irshad 3. Atta Afridi Tuttavia non abbiamo

Pakistan

Pakistan: le masse travolte da alluvioni e piogge mentre chi è al potere non rinuncia al saccheggio

Il Pakistan è devastato da alluvioni e piogge torrenziali, mentre anche in questo periodo di disastri e sofferenza la classe dominante continua a derubare le masse impoverite. Si calcola che circa un terzo del Paese sia stato travolto dalle alluvioni e dalle piogge degli ultimi tre mesi, colpendo 33 milioni di persone. Circa 1 400 persone sono morte e si parla di 4 000 feriti, secondo dati governativi. Gli ultimi dati parlano di 482 030 sfollati e 372 823 edifici distrutti.