27 gennaio 2017

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Ieri sera, 26 gennaio, Aldo Milani, coordinatore nazionale del Si.Cobas è stato arrestato. L’accusa riportata dai giornali, secondo le esclusive informazioni della Questura di Modena è quella estorsione verso un’azienda con la promessa di “calmierare le lotte”.

L’azienda è la Alcar 1 del Gruppo Levoni, attiva nel settore della macellazione, un settore dove da tempo sono state denunciate condizioni di supersfruttamento, intimidazione, ricatto e dove non solo il SiCobas, ma anche la stessa Cgil in passato non ha potuto sottrarsi dall’organizzare scioperi e vertenze.

Fin da subito sono partite le mobilitazioni e gli scioperi contro quello che si manifesta in tutto e per tutto come un abuso delle cosiddette forze dell’ordine e un attacco politico al sindacato che in questi anni, pur con limiti importanti, e al quale non abbiamo mancato di manifestare onestamente tutte le nostre critiche, si è cimentato per la difesa dei settori più brutalmente sfruttati della logistica.

Al momento in cui scriviamo non è ancora stato possibile per l’avvocato incontrare Aldo Milani, pertanto le informazioni relative al suo arresto sono del tutto di parte. E di quale parte! Ancora abbiamo nelle orecchie le dichiarazioni di questi signori quando Abd El Salam è stato ucciso travolto dal tir che voleva forzare il picchetto di fronte alla Gls di Piacenza. Sono riusciti a dichiarare che non c’era alcuna lotta in corso, alcun picchetto e che Abd El Salam si era lanciato, peraltro con un megafono in mano, per errore contro il tir. Questi signori hanno mostrato più volte di non mostrare alcuna vergogna nella falsificazione della realtà, nell’uso della violenza più brutale, pur di difendere gli interessi padronali.

Pertanto da parte nostra non può esserci che la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

 

Articoli correlati

La Saeco non si tocca! La voce dei delegati Fiom

Raffaele e Barbara sono delegati RSU Fiom della Saeco, fabbrica i cui lavoratori dal 26 novembre scorso sono in lotta con un presidio permanente contro il licenziamento di 243 lavoratori annunciato dalla proprietà, la multinazionale Philips. Di questa vertenza si parla molto, non solo a Bologna e provincia. Sono già state coinvolte le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, tanto è vero che si è aperto un confronto tra il governo e la proprietà che dovrebbe riprendere il 18 gennaio 2016.

Viadana: la lotta dei facchini del gruppo Saviola

Il 17 maggio ha avuto inizio una lotta del tutto inedita e importante per Viadana, un piccolo territorio nella provincia mantovana: i facchini impiegati alla Composad sono scesi in sciopero con presidio permanente davanti ai cancelli, la rivendicazione è il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

Almaviva: la determinazione dei lavoratori è l’arma per vincere!

Dopo mesi di assemblee, presidi, scioperi, fiaccolate, e manifestazioni sotto il Ministero dello sviluppo economico (Mise) i lavoratori di Almaviva sono ancora più determinati e consapevoli della loro forza. Lo

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero. Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno

Tutta la FIOM deve fare come a Sulmona!

Dopo anni di ammortizzatori sociali per buona parte dei circa 630 lavoratori, lo stabilimento Sistemi Sospensioni di Sulmona, dopo piani di rilancio ed annunci di investimenti, con la prospettiva di destinare la propria produzione al 60% per Sevel ed al 40% a vetture FCA.