27 gennaio 2017

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Ieri sera, 26 gennaio, Aldo Milani, coordinatore nazionale del Si.Cobas è stato arrestato. L’accusa riportata dai giornali, secondo le esclusive informazioni della Questura di Modena è quella estorsione verso un’azienda con la promessa di “calmierare le lotte”.

L’azienda è la Alcar 1 del Gruppo Levoni, attiva nel settore della macellazione, un settore dove da tempo sono state denunciate condizioni di supersfruttamento, intimidazione, ricatto e dove non solo il SiCobas, ma anche la stessa Cgil in passato non ha potuto sottrarsi dall’organizzare scioperi e vertenze.

Fin da subito sono partite le mobilitazioni e gli scioperi contro quello che si manifesta in tutto e per tutto come un abuso delle cosiddette forze dell’ordine e un attacco politico al sindacato che in questi anni, pur con limiti importanti, e al quale non abbiamo mancato di manifestare onestamente tutte le nostre critiche, si è cimentato per la difesa dei settori più brutalmente sfruttati della logistica.

Al momento in cui scriviamo non è ancora stato possibile per l’avvocato incontrare Aldo Milani, pertanto le informazioni relative al suo arresto sono del tutto di parte. E di quale parte! Ancora abbiamo nelle orecchie le dichiarazioni di questi signori quando Abd El Salam è stato ucciso travolto dal tir che voleva forzare il picchetto di fronte alla Gls di Piacenza. Sono riusciti a dichiarare che non c’era alcuna lotta in corso, alcun picchetto e che Abd El Salam si era lanciato, peraltro con un megafono in mano, per errore contro il tir. Questi signori hanno mostrato più volte di non mostrare alcuna vergogna nella falsificazione della realtà, nell’uso della violenza più brutale, pur di difendere gli interessi padronali.

Pertanto da parte nostra non può esserci che la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

 

Articoli correlati

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.

Accordo Saeco – Era l’unica soluzione possibile?

Il 9 febbraio si è chiusa la vertenza contro i 243 licenziamenti alla Saeco annunciati dalla proprietà Philips. Dopo 73 giorni di presidio e di blocco delle merci ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici e i lavoratori protagonisti della lotta hanno approvato l’accordo raggiunto il 5 febbraio.

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.

Vertenza Yamaha/Minarelli Bologna – Una lotta coraggiosa che esige un bilancio onesto e critico

Il 13 dicembre si è conclusa, dopo tre mesi di lotta, la vertenza delle lavoratorici e dei lavoratori della Motori Minarelli di Bologna di proprietà della multinazionale Yamaha.

CCNL Terziario – La Filcams ritiri la firma!

Il 31 marzo è stata firmata improvvisamente l’ipotesi d’accordo tra sindacati e Confcommercio dopo che gli incontri erano stati ufficialmente sospesi. Cosa positiva, direte voi, ma i contenuti di questo

Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario.