14 gennaio 2016

Saeco: “Resistere un minuto in più della Philips”

Sono migliaia i delegati, funzionari e dirigenti cgil che hanno ascoltato con attenzione l’intervento di Raffaele Falzoni rsu Fiom Saeco. In prima fila nella platea dell’attivo Cgil dell’Emilia Romagna, svoltosi al Paladozza di Bologna, i massimi dirigenti del sindacato, con Susanna Camusso a fianco di Maurizio Landini. Emozionato ma determinato Raffaele ha raccontato gli sviluppi di una lotta esemplare, 50 giorni di presidio che negli ultimi giorni hanno visto un inasprimento del padrone Philips. E la risposta dei lavoratori è stata lo sciopero.

Proprio in questi giorni prima Philips ha dirottato le forniture verso lo stabilimento Saeco in Romania, a cui è seguita una serrata. Riaperti i cancelli, subito i lavoratori hanno incrocio le braccia e svuotato la fabbrica, raccogliendosi successivamente tutti al presidio. Tutti questi passaggi sono stati descritti da Raffaele nell’intervento e sono stati sottolineati da forti applausi alla tenacia dei lavoratori Saeco.

Raffaele, sciarpa al collo LA SAECO NON SI TOCCA, ha chiuso con la parola d’ordine della lotta “Resistere un minuto di più della Philips” che tutto il palazzetto dello sport di Bologna ha salutato con una ovazione. E l’abbraccio della Camusso e di Landini a Raffaele deve essere il segnale di un impegno da parte dei vertici sindacali a non fare alcun passo indietro nella difesa di tutti i posti di lavoro dello stabilimento di Gaggio Montano.

Articoli correlati

Dalla parte dei lavoratori Almaviva in lotta!

Il volantino che abbiamo distribuito oggi al presidio di Napoli e che diffonderemo domani allo sciopero dei lavoratori Almaviva.

Milano, 19 gennaio – Sciopero e manifestazione contro le morti sul lavoro

Non c’è questione più politica di questa: se contino di più fatturato e profitto o la vita e la salute dei lavoratori. E se anche inchieste e processi potranno forse stabilire la dinamica dei fatti, la vera risposta non verrà nelle aule di un tribunale o dai vertici in prefettura, ma da una chiara e cristallina ripresa del conflitto di classe, nei luoghi di lavoro e in tutta la società.

Trieste – No agli esuberi in Wartsila!

L’azienda annuncia 90 esuberi, i lavoratori rispondono con uno sciopero che ha visto il 100% della forza lavoro incrociare le braccia il 26 aprile.

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per l’identificazione e l’avvio di un’indagine.

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.