28 luglio 2015

Movimento 5 stelle, unica opposizione possibile?

Le ultime elezioni regionali hanno registrato il consolidarsi in termini elettorali del Movimento 5 stelle. Un risultato, quello dei grillini, che non si traduce in un exploit in grado di recuperare la perdita dei voti del Pd né l’astensionismo. Anzi, con 900 mila voti in meno rispetto alle europee e 2 milioni in meno rispetto alle politiche, i 5 stelle non avanzano in termini assoluti, ma nel crollo generale nell’aumento dell’astensione, consolidano una propria presenza, entrando nei consigli delle sette regioni dove si andava al voto e da cui erano esclusi, e vincendo in tutti e cinque i comuni dove sono arrivati al ballottaggio (su oltre 500 che sono andati al voto).
Se le europee dell’anno scorso, con il successo di Renzi che quasi doppiava i pentastellati, rappresentavano l’inizio di una fase difficile caratterizzato da scontri interni, espulsioni e ridefinizione della propria organizzazione, il risultato delle ultime amministrative è meno problematico. Non è un caso che subito si è aperto il dibattito sulla possibilità che i grillini possano arrivare al ballottaggio, così come prevede l’Italicum, alle prossime politiche nel 2018. Il dato è fin troppo semplice da leggere: di fronte alla polarizzazione nella società e in mancanza di un’alternativa credibile, il Movimento 5 stelle viene premiato come forza politica alternativa al Pd. Un consenso elettorale che, com’è noto, riguarda settori della piccola borghesia ma anche giovani e operai, che spesso vedono nei grillini l’unica sponda istituzionale possibile per far sentire la propria voce. Proprio rispetto alle mobilitazione dei lavoratori i grillini si sono contraddistinti per il sostegno praticamente a tutte le lotte che si sono sviluppate, da alcune vertenze operaie, come l’Alenia e la Whirlpool, dove il video dei lavoratori che cantavano al corteo “noi votiamo 5 stelle” testimonia questo sodalizio, alla lotta contro la “Buona scuola”. Stesso discorso vale ovviamente per le mobilitazioni legate alla difesa dell’ambiente, che è stata fin dall’origine uno dei punti fermi della loro proposta politica, a partire dal movimento No Tav. Per non parlare degli scandali come Mafia capitale dove i grillini hanno partita facile per la loro propaganda anti-casta. Il rifiuto di forme di compromesso e il mantenimento di una posizione che almeno all’apparenza sembra intransigente rispetto ai poteri forti e al governo a guida Pd, fanno sì che questa forza venga percepita come anti-sistema, più coerente di quanto non siano stati nella scorsa tornata elettorale le forze alla sinistra del Pd, presentatesi in ogni regione con una lista diversa, con accrocchi che avevano il solo obiettivo di riaggregare dove possibili pezzi di apparato e ceto politico.
Diverso è il caso ovviamente delle amministrazioni dove i grillini governano, a partire dal caso di Parma dove l’intero programma è stato disatteso già nei primi mesi su questioni chiave: rifiuti, tagli ai servizi sociali, privatizzazioni, ecc. Alla prova del governo dunque il M5S si rivela per nulla antisistema, ma totalmente inserito in esso. È su queste basi, non limitandosi a una critica perbenista delle sparate razziste di Grillo (che pure sono reali e a cui bisogna opporsi) che occorre discutere di come contrastare i 5 stelle, entrando nel merito delle loro proposte a partire dagli interessi che difendono. Le campagna su cui il movimento è impegnato, da quelle sul reddito di cittadinanza a quelle in difesa della piccola e media impresa e del microcredito per la creazione di nuove imprese, alimentano l’illusione che si possa uscire dalla crisi senza intaccare coloro che in questi anni hanno accumulato profitti e cioè il grande capitale sia esso italiano o straniero. Proprio sul terremo economico il movimento dimostra tutta la sua fumosità a partire dalla proposta del referendum per l’uscita dall’euro. La moneta e non il sistema viene vista come il problema, quando il capitale continuerebbe le sue politiche anche con un ritorno alla lira. Un’opposizione di questo tipo può reggere e magari anche crescere, e avere uno spazio nel panorama politico italiano soprattutto nella misura in cui non si sviluppi una mobilitazione di massa alle politiche del governo Renzi. Solo questo processo può porre le basi per creare una forza politica che rappresenti conseguentemente i lavoratori e i giovani e che abbia nel proprio programma la chiarezza necessaria per spazzare via le illusioni nei grillini o peggio ancora nella demagogia di Salvini. Opponendosi al populismo di entrambi da un punto di vista rivoluzionario.

Articoli correlati

Roma – La crisi della giunta Raggi svela la natura del M5S

La relativa calma che ha attraversato il Comune di Roma negli scorsi due-tre mesi preannunciava solamente una nuova esplosione di contraddizioni tutte all’interno del M5S che, alla prova dell’amministrazione di Roma, sta mostrando sempre di più i suoi limiti politici.

Marino si è finalmente dimesso. E ora ?

Il sindaco di Roma Ignazio Marino si è dimesso. Dopo una lunga crisi politica culminata in uno scandalo relativo all’uso improprio della carta di credito intestata al Comune di Roma la sua esperienza da Sindaco sembra finita.

La democrazia che vogliamo

Il 4 dicembre è stato convocato un referendum sulle riforme costituzionali proposte dal governo Renzi e approvate dalla maggioranza del Parlamento. I cambiamenti apportati alla Costituzione vanno tutti in un’unica direzione: quello di aumentare i poteri dell’esecutivo e diminuire quelli del Parlamento.

Il ricatto di Mattarella nel nome dei “mercati”

Le prossime elezioni sono state trasformate dall’intervento di Mattarella in un referendum sull’Unione europea e l’euro. La sinistra di classe deve entrare in questa contesa con una posizione chiara e inequivocabile: la rottura con l’euro e l’Ue è parte indispensabile di qualsiasi programma che intenda seriamente difendere la condizione di vita della classe lavoratrice, dei pensionati, dei disoccupati e dei giovani.

L’appello di Falcone-Montanari e l’ipocrisia riformista

L’appello lanciato da Anna Falcone e Tommaso Montanari sul Manifesto del 6 giugno: “Un’alleanza popolare per la democrazie e l’uguaglianza” è l’ennesima operazione destinata al fallimento che ci viene riproposta dalla sinistra riformista da almeno 10 anni a questa parte con una dose se possibile anche maggiore di ipocrisia rispetto a quelle che tristemente l’hanno preceduta.

Padroni e governo dichiarano guerra ai lavoratori

Solo qualche mese fa, all’Assemblea generale di Confindustria, il suo presidente, Giorgio Squinzi diceva di “non avere più nulla da chiedere al Governo”. Il padronato italiano si riteneva pienamente soddisfatto dell’operato del governo Renzi e lo invitava a “non demordere e a mantenere la determinazione fin qui dimostrata”.