8 giugno 2017

Le “giornate di luglio”

Il punto critico nel quale le speranze suscitate dalla prima rivoluzione si rivelano illusorie giunge a fine giugno 1917. Il governo provvisorio disattende tutte le promesse, in particolare sulla guerra che non solo non cessa, ma viene rilanciata da Kerenskij, ministro della guerra, con l’offensiva di fine giugno.

Una consistente avanguardia, fra gli operai e la guarnigione di Pietrogrado, è pronta a passare all’azione.

Ma un’avanguardia, per quanto decisa, non rappresenta la massa. Per migliaia di operai e soldati pronti ad agire, ce ne sono milioni, soprattutto al fronte, che ancora vivono delle speranze della fase precedente. La posizione del partito bolscevico è di attendere che si manifestino pienamente le conseguenze nefaste dell’offensiva al fronte, prima di lanciare le masse in una nuova offensiva.

L’impazienza della base inizia quindi a investire lo stesso partito bolscevico, i suoi appelli alla calma non vengono compresi. Dopo giornate di fermento crescente, il 3 luglio il movimento esplode. Sotto la spinta di agitatori improvvisati, fra i quali alcuni anarchici, il 1° reggimento mitraglieri decide di scendere in piazza in armi. Trova facilmente alleati nella guarnigione e nelle fabbriche. Sono a decine di migliaia, ad assediare i dirigenti socialisti conciliatori asserragliati nel Palazzo di Tauride, sede del Comitato esecutivo dei soviet.

A notte fonda, trentamila operai delle officine Putilov convergono sulla piazza antistante al Palazzo, decisi ad ottenere i loro obiettivi.

Il partito bolscevico non ha promosso la manifestazione del 3 luglio, ma di fronte a questa esplosione la sera del 3 il Comitato centrale decide di aderire al movimento, facendo appello a operai e soldati a “far conoscere la loro volontà con una manifestazione pacifica e organizzata ai Comitati esecutivi”. L’obiettivo non è rovesciare il governo, ma impedire che il movimento vada a uno scontro decisivo privo di direzione e organizzazione.

Il 4 luglio è il culmine del movimento. Sono forse 500mila a scendere in piazza, fra i quali diecimila marinai armati e inquadrati giunti dalla fortezza di Kronstadt. Scaramucce e scontri a fuoco con ufficiali e cosacchi leali al governo.

Il movimento esige che i socialisti conciliatori (ancora maggioranza nei soviet, è bene ricordarlo) rompano con i loro alleati borghesi, prendano il potere e finalmente realizzino le promesse del febbraio, innanzitutto quella della pace.

I capi socialisti tergiversano e balbettano ai manifestanti che il loro comportamento è “controrivoluzionario”. Un operaio inveisce contro il ministro socialrivoluzionario Cernov: “Prendi il potere quando te lo danno, figlio di cagna!” I riformisti, rimasti di colpo senza una base, cercano ovunque truppe disposte a difenderli e a reprimere il movimento.

Ma il fronte e le province rimangono per lo più inerti. Il governo poteva essere facilmente rovesciato, ma Pietrogrado sarebbe finita come una nuova Comune di Parigi, o come, 18 mesi dopo, finì la Berlino dell’insurrezione spartachista.

La notte del 4 luglio il governo trova finalmente le “sue” truppe, radunate mostrando loro le “prove inconfutabili” che Lenin e i bolscevichi altro non sono che agenti pagati del governo tedesco. Il movimento rifluisce mentre dilaga la grande calunnia. Il partito bolscevico deve rifugiarsi in una semiclandestinità. Ma ha provato la sua lungimiranza e al tempo stesso la sua lealtà completa alle masse rivoluzionarie, anche quando queste si avventurano in azioni premature. Nella temporanea sconfitta che segue il luglio si compie così un altro passaggio fondamentale nell’educazione rivoluzionaria di quelle masse.

Articoli correlati

Stalin, di Lev Trotskij, è finalmente disponibile!

Finalmente è disponibile l’edizione italiana di Stalin, l’ultima opera di Trotskij. Si tratta della versione più completa dell’opera mai pubblicata prima, resa disponibile per la prima volta in italiano in occasione del centenario della rivoluzione d’ottobre.

Alla vigilia dell’insurrezione

Alla fine dell’estate del 1917 l’alta marea riprende a spingere in avanti il partito bolscevico. Il tentativo di colpo di Stato del generale Kornilov, spazzato via in pochi giorni dalla mobilitazione delle masse, lascia scoperto anche il governo Kerenskij, le cui complicità col generale sono evidenti.

Le “giornate di aprile”

Quando Lenin avvertì che nella rivoluzione le masse erano cento volte più a sinistra dei bolscevichi, a molti dovette sembrare solo una frase ad effetto.

1917: la formula esplosiva del “dualismo di potere”

La seconda puntata della serie di articoli sulla Rivoluzione d’Ottobre, che saranno pubblicati lungo tutto il 2017 su Rivoluzione. Segui anche www.marxismo.net per ulteriori approfondimenti.

Febbraio 1917: l’insurrezione rovescia lo zar

Questo è il primo di una serie di articoli sulla rivoluzione d’Ottobre che saranno pubblicati sul nostro giornale Rivoluzione lungo tutto il 2017. Segui anche il nostro sito teorico marxismo.net per ulteriori approfondimenti.

Lenin, Trotskij e i bolscevichi nel 1917

Luglio 1917: Lev Trotskij aderisce al Partito bolscevico assieme ai mezrajontsi, gli “interdistrettuali”. Un gruppo di circa 4mila membri, forte soprattutto fra il proletariato di Pietrogrado comprendente figure del calibro di Urickij, Joffe, Lunačarskij, Riazanov e Volodarskij, che giocheranno un ruolo centrale nell’Ottobre e, in seguito, nel gruppo dirigente del partito. L’adesione di Trotskij al bolscevismo rappresenta l’espressione, dal punto di vista organizzativo, di un accordo politico sostanziale tra quest’ultimo e la linea di Lenin.