24 novembre 2015

La provocazione della Turchia: porterà alla guerra?

Questa mattina l’esercito turco ha‭ ‬abbattuto un aereo militare russo al confine con la Siria.‭ ‬Non è chiaro finora se sia stato‭ ‬abbattuto dalla contraerea o da un jet.‭ ‬Ma questo è solo un dettaglio.‭ ‬Ciò che è chiaro è che‭ ‬è stata una provocazione palese dalla cricca dominante turca.‭

Ufficiali dell’esercito‭ ‬turco hanno sostenuto che‭ ‬i loro F-16 hanno abbattuto l’aereo dopo‭ “‬avvertito ripetutamente‭” ‬i suoi piloti che‭ ‬stavano “violando lo spazio aereo turco‭”‬.‭ ‬Il Ministero della Difesa russo ha detto che un Su-24‭ ‬si era schiantato in territorio siriano dopo essere stato colpito dal fuoco di terra,‭ ‬e che i suoi piloti erano riusciti a‭ ‬lanciarsi col paracadute.‭ ‬La Russia insiste che il suo‭ ‬caccia non ha violato lo spazio aereo turco.‭ ‬Il ministero ha sottolineato che‭ “‬per tutta la durata del volo,‭ ‬l’aereo è rimasto esclusivamente sopra‭ ‬il‭ ‬territorio siriano‭”‬,‭ ‬aggiungendo:‭ “‬e i dati forniti dal monitoraggio radar lo dimostrano‭”. ‬Il fatto è che riprese video hanno mostrato l’aereo che si schianta sulle montagne nella provincia di Latakia‭ ‬-‭ ‬cioè,‭ ‬all’interno della Siria.‭ ‬I piloti‭ ‬sono anche atterrati‭ ‬all’interno del territorio siriano.‭ ‬Anche‭ ‬le immagini‭ ‬dei‭ ‬radar turchi sembrano confermare che l’aereo è stato abbattuto nello spazio aereo siriano.

È stato un incidente‭?

radar-imageÉ possibile parlare di un errore da parte del pilota russo‭? ‬Il sistema di navigazione‭ ‬era difettoso‭? ‬Tali spiegazioni sono naturalmente possibili.‭ ‬Ma la prima domanda da porsi è‭ ‬perché i turchi abbiano aperto il fuoco.‭ ‬I cieli sopra la Siria‭ ‬sono piuttosto affollati negli ultimi tempi,‭ ‬con il rischio‭ ‬sempre presente‭ ‬di collisioni o altri incidenti.‭ ‬E questo è esattamente il tipo di incidente che molti hanno temuto da quando la Russia ha lanciato le sue operazioni aeree in Siria.‭

I pericoli‭ ‬provenienti da operazioni vicino al confine turco sono fin troppo evidenti.‭ ‬È‭ ‬ben noto che‭ ‬sono state predisposte tutte le precauzioni per evitare incidenti tra aerei da guerra sulla Siria.‭ ‬Perché‭ ‬sono state inefficaci‭? ‬Abbattere di un aereo russo è un passo molto grave che non‭ ‬può essere‭ ‬intrapreso senza espressa autorizzazione dai livelli più alti‭ – ‬vale a dire,‭ ‬dallo stesso presidente turco.‭ ‬Va detto che gli aerei turchi hanno già abbattuto almeno un‭ ‬aereo delle forze siriane ed probabilmente anche un elicottero‭ ‬in una fase precedente della guerra civile.‭

Le autorità turche‭ ‬pretendono che gli accordi per evitare‭ ‬collisioni aeree non‭ ‬valgono per il loro‭ “‬spazio aereo‭”‬.‭ ‬Ma cosa costituisce esattamente il loro‭ “‬spazio aereo‭”? ‬Il governo turco sostiene che i Turkmeni che abitano un territorio della Siria adiacente al confine turco sono sempre stati sotto la loro‭ “‬protezione‭”‬.‭ ‬Questa affermazione‭ ‬pretende di dare al gioco nuove regole.‭

Le ambizioni regionali di Erdogan sono ben note.‭ ‬Vuole ricostituire qualcosa di simile al vecchio Impero Ottomano,‭ ‬portando gran parte dell’Asia centrale e del Medio Oriente sotto‭ ‬il‭ ‬controllo turco.‭ ‬Al fine di promuovere questa ambizione tenta di utilizzare i popoli di lingua turca,‭ ‬come i turkmeni, per i suoi cinici‭ ‬obiettivi,‭ ‬proprio come lo zarismo russo utilizzava gli slavi del sud in passato come pedine di una politica estera espansionistica.‭

È‭ ‬anche un segreto di Pulcinella che Erdogan ha sostenuto‭ ‬l‭’‬ISIS e‭ ‬le‭ ‬altre bande‭ ‬fondamentaliste,‭ ‬nel tentativo di rovesciare il presidente Assad e‭ ‬accaparrarsi fette di territorio siriano.‭ ‬Ecco perché ha permesso‭ ‬a‭ ‬un gran numero di combattenti islamici‭ ‬di attraversare il confine con la Turchia e‭ ‬di unirsi‭ ‬all‭’‬ISIS in Siria,‭ ‬bloccando la fornitura di armi e volontari per le forze anti-ISIS e  schiacciando brutalmente i curdi che combattono l’ISIS.‭

E per tutto‭ ‬questo tempo l’Occidente‭ ‬ha chiuso un occhio sul fatto che i turchi‭ ‬-‭ ‬insieme con‭ ‬i gangster sauditi e qatari‭ ‬-‭ ‬sono stati di‭ ‬appoggio,‭ ‬armare e finanziare la jihadi in Siria‭ – ‬compreso‭ ‬l‭’‬ISIS.‭ ‬Ma‭ ‬negli ultimi tempi‭ ‬tutto questo è cambiato.‭

La‭ ‬Russia interviene‭

L’intervento russo in Siria ha cambiato tutto.‭ ‬Ha costretto gli americani a intensificare la loro offensiva contro‭ ‬l‭’‬ISIS.‭ ‬Essi hanno forgiato un’alleanza‭ ‬precaria sotto il nome di‭ ‬Forze Democratiche siriane,‭ ‬composta principalmente da combattenti curdi ma al cui interno sono inclusi tutti i tipi di cosiddetti oppositori siriani‭ “‬moderati‭”‬,‭ ‬signori della guerra tribali e altra‭ ‬marmaglia.‭

I curdi hanno compiuto progressi significativi‭ ‬nella guerra‭ ‬contro‭ ‬l‭’‬ISIS nelle ultime settimane.‭ ‬In particolare,‭ ‬sono riusciti‭ ‬a controllare gran parte del confine tra Siria e Turchia,‭ ‬la via‭ ‬principale attraverso il quale ISIS riceve i suoi approvvigionamenti e i volontari.‭ ‬Questo non piace ad‭ ‬Erdogan,‭ ‬il padrino di fatto dell‭’‬ISIS.‭ ‬Ma cosa è successo dopo gli‭ ‬è piaciuto ancora meno.‭

In seguito agli attentati di Parigi,‭ ‬c’è stata un’intensa attività sul fronte diplomatico.‭ ‬Le Nazioni Unite hanno‭ ‬approvato una risoluzione che invita tutto il mondo a combattere non solo contro‭ ‬l‭’‬ISIS,‭ ‬ma anche‭ ‬contro‭ ‬le altre bande islamiste,‭ ‬jihadiste e di al-Qaeda.‭ ‬Parigi e Londra si sono‭ ‬avvicinate a Washington sulla questione siriana,‭ ‬e tutti e tre si sono,‭ ‬con molte lacrime e sospiri,‭ ‬avvicinate‭ ‬a Mosca.‭ ‬Putin,‭ ‬non loro,‭ ‬conduce il gioco in Siria.‭

La Turchia,‭ la ‬Russia e l’Occidente‭

L’accordo che è stato stretto tra Putin e gli americani è in diretta contraddizione con gli interessi dei leader turchi e sauditi.‭ ‬L’Occidente ha dovuto accettare la richiesta russa secondo cui Assad deve rimanere‭ al potere ‬-‭ ‬almeno per ora‭ ‬-‭ ‬in attesa di una‭ “‬soluzione negoziata‭” ‬della questione siriana.‭ ‬Sono anche d’accordo che la lotta contro il terrorismo in Siria non si limiterà alla lotta contro l’ISIS,‭ ‬ma sarà ampliata per includere altre formazioni vicine ad Al-Qaeda.‭

La risoluzione delle Nazioni Unite approvata la scorsa settimana invita i paesi membri delle Nazioni Unite a‭ “‬prendere tutte le misure necessarie,‭ ‬nel rispetto del diritto internazionale‭” ‬contro l’Isis e chiede l’eliminazione delle‭ “‬zone franche‭” ‬in Siria e in Iraq.‭ ‬Oltre all’Isis,‭ ‬include anche Jabhat al-Nusra,‭ ‬affiliato di al-Qaeda in Siria.‭ ‬Questo significa che la Turchia e l’Arabia Saudita sono stati lasciati fuori l’accordo stipulato tra la Russia e l’Occidente.‭ ‬Ciò è stato già chiarito nel mese di ottobre,‭ ‬quando le Forze Democratiche siriane‭ (‬FDS‭) ‬si sono formate,‭ ‬appoggiate dall’Occidente,‭ ‬soprattutto nelle province del Nord e dell’Est. Comprendono le Ypg curde e una serie di milizie tribali vicine agli Stati uniti ma escludono i gruppi appoggiati da Turchia e Arabia saudita.‭

Per tutto un periodo la Turchia ha cercato di costringere la NATO ad iniziare una campagna contro Assad in Siria.‭ ‬Ha fatto appello più volte alla NATO   per aiutarla a rovesciare Assad.‭ ‬Non ha cambiato posizione dall’inizio della guerra civile siriana.‭ ‬Dal momento che i russi hanno iniziato il loro intervento, i sauditi hanno intensificato le spedizioni di armi ai loro tirapiedi islamisti collegati ad al Qaeda.‭ ‬Nell’ultima settimana le milizie sostenute da Turchia e Arabia saudita hanno intensificato gli attacchi contro i gruppi appoggiati dagli USA.‭ ‬Jabhat al-Nusra ha minacciato di attaccare il cantone curdo di Afrin e ieri la Mare’ operation room‭ ‬-‭ ‬vicina agli islamisti‭ ‬-‭ ‬ha minacciato un’offensiva contro Jaish alThuwur, un gruppo appoggiato dagli Usa,‭ ‬che è parte delle Forze Democratiche siriane.‭

Dal momento che turchi,‭ ‬sauditi e qatari hanno sostenuto questi gruppi jihadisti per anni,‭ ‬versando miliardi di dollari nelle loro casse,‭ ‬il riavvicinamento con la Russia‭ (‬e implicitamente con Assad‭) ‬ha rappresentato un colpo mortale.‭ ‬Ciò è particolarmente vero nel caso di Erdogan.‭ ‬Anche se  coltiva assiduamente l’immagine di un potente sovrano ottomano ,‭ ‬è seduto su un trono molto traballante.‭

Nel caso di un omicidio,‭ ‬la prima domanda che un avvocato si chiede è:‭ ‬cui bono‭?‬ (A chi giova‭?)‬.‭ ‬In questo caso la domanda si risponde da sola.‭ ‬Né gli americani né i russi avevano alcun interesse nel perpetuare questa azione,‭ ‬e men che meno in questo momento,‭ ‬quando cercano per un accordo.‭ ‬L’uomo che ha più da guadagnare dal compiere un atto di provocazione volta a scavare un solco tra Russia e la NATO è Erdogan.‭

Abbattendo un aereo russo spera di provocare la Russia ad attuare una rappresaglia contro la Turchia‭ ‬-‭ ‬un membro della NATO.‭ ‬Ciò porterebbe la nato all’adozione di una serie di misure volte a difendere la Turchia,‭ ‬e quindi rompere i rapporti con Mosca.‭ ‬Ciò consentirebbe alla Turchia di continuare la sua politica d’ingerenza in Siria e fornirebbe un attimo di respiro ai suoi tirapiedi jihadisti.‭ ‬Tuttavia,‭ ‬è poco probabile che questa mossa da giocatore d’azzardo abbia successo..‭

La Turchia,‭ ‬che dovrebbe essere un alleato americano,‭ ‬sta portando avanti una propria strategia e i propri interessi, che non corrispondono a quelli dell’imperialismo statunitense in questo momento.‭ ‬In effetti,‭ ‬Erdogan sta cercando di farla da padrone,‭ ‬come a dire:‭ “‬Se pensate di potermi ignorare,‭ ‬state sbagliato, e molto.‭ ‬Devo essere inserito in qualsiasi soluzione negoziata in Siria,‭ ‬e i nostri interessi deve essere tutelati.» La situazione in Siria è ora improvvisamente diventata molto più complicata.‭ ‬E non è una cosa che piace agli americani.‭

Una Terza Guerra Mondiale‭?

Alcuni osservatori superficiali prevedono che questi eventi sfoceranno in una nuova guerra mondiale.‭ ‬Essi sottolineano le analogie con‭ ‬1914,‭ ‬quando le grandi potenze erano tutte invischiate in mille contraddizioni nei Balcani.‭ ‬Ora tutte le grandi potenze sono coinvolte in Siria:‭ ‬Russia,‭ ‬America,‭ ‬Francia,‭ ‬Gran Bretagna,‭ ‬insieme ai loro alleati:‭ ‬Turchia,‭ ‬Arabia Saudita,‭ ‬Qatar,‭ ‬Giordania,‭ ‬Libano e Iran.‭

Sì,‭ ‬ci sono analogie con il mondo del‭ ‬1914.‭ ‬Ma ci sono anche differenze importanti .‭ ‬È un dato di fatto,‭ ‬le contraddizioni tra gli imperialisti sono ormai così acute che in passato avrebbero già hanno portato alla guerra.‭ ‬La domanda da porsi è:‭ ‬perché è il mondo non è di nuovo in guerra‭? ‬La risposta si trova nel mutato equilibrio delle forze su scala mondiale.‭

Per cominciare con il parallelo con‭ ‬1914,‭ ‬quando scoppiò la guerra in Europa:‭ ‬non ci sarebbe nessun motivo per la Germania di invadere ora il Belgio,‭ ‬o di occupare l’Alsazia-Lorena,‭ ‬per la semplice ragione che la Germania già controlla l’intera Europa attraverso la sua potenza economica.‭ ‬Tutte le decisioni importanti sono prese da Merkel e la Bundesbank,‭ ‬senza sparare un solo colpo.‭ ‬Forse la Francia può iniziare una guerra d’indipendenza nazionale dalla Germania‭? E’ ‬sufficiente porre la domanda per vedere immediatamente la sua assurdità.‭

La realtà è che i vecchi Stati pigmei d’Europa hanno da tempo cessato di svolgere un ruolo indipendente nel mondo.‭ ‬È per questo che le borghesie europea sono state costrette a formare l’Unione europea,‭ ‬nel tentativo di competere con gli Stati Uniti,‭ ‬la Russia e ora anche la Cina  su scala mondiale.‭ ‬Ma una guerra tra l’Europa e uno qualsiasi degli stati citati è del tutto esclusa.‭ ‬Tra l’altro,‭ “‬l’Europa‭” ‬manca di un esercito, di una marina e di un’aviazione.‭ ‬Gli eserciti esistono, ma sono tenuti gelosamente sotto il controllo delle diverse classi dominanti,‭ ‬che,‭ ‬dietro la facciata dell’ ‭”‬unità‭” ‬europea,‭ ‬si battono come i gatti in un sacco per difendere i loro‭ “‬interessi nazionali‭”‬.‭

Da un punto di vista militare,‭ ‬nessun paese può competere contro la potenza militare colossale degli Stati Uniti.‭ ‬Ma questo potere ha anche dei limiti.‭ ‬Ci sono contraddizioni evidenti tra Stati Uniti,‭ ‬Cina e Giappone nel Pacifico.‭ ‬In passato avrebbero portato alla guerra.‭ ‬Ma la Cina non è più una‭ ‬nazione debole, arretrata,‭ ‬semi-coloniale che potrebbe facilmente essere invasa e ridotta a uno stato coloniale.‭ ‬Si tratta di una potenza economica e militare in crescita,‭ ‬che mostra i muscoli e fa valere i propri interessi.‭ ‬Come potrebbe l’America prendere solo in considerazione una guerra con un paese come la Cina,‭ ‬quando non può nemmeno rispondere alle continue provocazioni della Corea del Nord‭? ‬La domanda è concreta.‭

Che dire del Medio Oriente‭? ‬La realtà è che è proprio in quella regione in cui i limiti della potenza americana sono rivelati più chiaramente.‭ ‬L’invasione dell’Iraq non ha risolto nulla per l’imperialismo statunitense e ha gettato l’intera regione in un abisso di caos e guerra che ora minaccia gli interessi del più potente stato imperialista mai esistito.‭ ‬Gli Stati Uniti si sono già scottati le dita malamente in Iraq e in Afghanistan.‭ Non sono ‬stati in grado di intervenire in Siria per bombardare Assad perché l’opinione pubblica americana è nauseata e stanca di avventure militari all’estero.‭ ‬E‭’ ‬proprio per questo motivo che l’America ha deciso di fare un accordo con la Russia sulla Siria.‭ ‬Ciò dimostra la sua debolezza,‭ ‬non di forza.‭

Come risponderà la Russia?

Se si ficca il dito nell’occhio di qualcuno, è probabile che quella persona si secchi un poco,‭ ‬ma se si ficcano entrambe le dita,‭ certo ‬si infastidirà terribilmente.‭ ‬Questo è esattamente ciò Erdogan ha fatto a Putin.‭ ‬E Putin non è un uomo che perdona o dimentica.‭ ‬Quando un aereo civile russo è stato abbattuto sul Sinai da un attentato dinamitardo terrorista,‭ ‬i russi hanno condotto  subito una rappresaglia intensificando la loro campagna di bombardamenti contro l’ISIS.‭

Questo è del tutto in linea con ciò che sappiamo circa il carattere e la psicologia di Vladimir Putin.‭ ‬Finora si è piuttosto trattenuto nei suoi commenti.‭ ‬Ci viene chiesto di essere pazienti.‭ ‬Non c’è dubbio che la richiesta di pazienza è una comoda copertura per le conversazioni telefoniche frenetiche che devono essere in atto tra il Cremlino e la Casa Bianca.‭

Alla domanda se la Russia invocherà il suo diritto all’autodifesa,‭ ‬come previsto dalla Carta delle Nazioni Unite per la perdita dei propri aerei militari sul confine siriano-turco,‭ l’‬addetto stampa presidenziale Dmitriy Peskov ha risposto:‭ “‬Fino a quando non ci saranno rapporti che chiariscono la vicenda,‭ ‬è impossibile rispondere a questa domanda» Ha aggiunto: «Finora,‭ ‬il ministero della Difesa non ha ancora confermato i motivi per cui l’aereo è precipitato.‭ ‬Sappiamo per certo che l’aereo era nello spazio aereo siriano,‭ ‬sopra il territorio siriano‭ “‬.‭

Queste parole parlano da sole.‭ ‬Se è vero che i turchi hanno abbattuto un aereo russo‭ nel‬lo spazio aereo siriano, non turco,‭ ‬ciò equivarrebbe a un atto di guerra.‭ ‬Ci sono voci secondo cui il presidente Vladimir Putin avesse in programma di convocare una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza russo dopo l’incidente.‭ ‬Sarebbe sorprendente se non fosse così.‭ ‬E sarebbe ancora più sorprendente se un qualche tipo di ritorsione non sia in fase di preparazione.‭

Pubblicamente,‭ ‬la risposta della NATO è stata prudente:‭ ‬la Turchia è un membro della NATO, ha detto che è pronta a difendere la Turchia nel caso la Russia abbia violato il suo spazio aereo.‭ ‬Ma come può difendere la Turchia,‭ ‬quando l’esercito degli Stati Uniti si trova a migliaia di chilometri di distanza‭? ‬E anche se potesse farlo,‭ ‬non è nel suo interesse essere coinvolta in una guerra con la Russia‭ ‬-‭ ‬e nemmeno di essere trascinata in un conflitto per difendere Erdogan,‭ ‬che è sempre più visto come un elemento di fastidio a Washington.‭

Non molto tempo fa Washington e la NATO soffiavano il fuoco su Ucraina,‭ ‬minacciando di fornire Kiev di armi,‭ ‬per impartire una lezione Russia e così via.‭ ‬Ma in pratica era tutto fumo e niente arrosto.‭ ‬L’aiuto militare americano al regime di Kiev è ammontato a quasi nulla,‭ ‬mentre «l’aiuto economico»‭ ‬del Fondo monetario internazionale controllato dagli Usa,‭ ‬oltre ad essere del tutto insufficiente,‭ ‬è accompagnato da condizioni fra le più feroci e dolorose.‭ ‬L’Unione europea ha dato alla Russia un ultimatum per invertire la rotta in Ucraina o subire più sanzioni.‭ ‬L’ultimatum andava e veniva,‭ ‬proprio come tutti gli altri ultimatum.‭ ‬Putin si è mantenuto spavaldo.‭ ‬Come al solito,‭ ‬gli americani urlano e strepitano ma poi non fanno‭ ‬nulla.‭ ‬Questa volta non sarà diverso.‭

In primo luogo,‭ ‬i rapporti tra la Russia e l’Occidente sono cambiati drasticamente dopo la crisi ucraina.‭ ‬Gli americani hanno bisogno della Russia per contribuire a liquidare la minaccia jihadista in Siria.‭ ‬Questo è l’asse principale della loro politica.‭ ‬In realtà,‭ ‬è praticamente l’unica opzione.‭ ‬Rispetto a questo,‭ ‬l’abbattimento di un aereo rientra nella categoria delle questioni secondarie.‭ ‬E anche se Putin farà fuoco e fiamme,‭ ‬in pratica è lo stesso per la Russia.‭ ‬Che,‭ ‬tuttavia,‭ ‬non significa che i russi non faranno nulla.‭

Nella sua prima dichiarazione pubblica Putin ha detto che la Turchia aveva pugnalato la Russia alla schiena con l’abbattimento del loro aereo e aveva agito come complice dei terroristi.‭ ‬Ha insistito sul fatto che l’aereo è stato colpito mentre stava viaggiando un chilometro di distanza dal confine con la Turchia,‭ ‬e che non stava andando verso di essa.‭ ‬L’aereo quindi non rappresentava alcuna minaccia per la sicurezza nazionale turca.‭ ‬Putin ha detto che l’aereo aveva come obiettivo i terroristi nella provincia di Latakia in Siria,‭ ‬molti dei quali sono provenienti dalla Russia.‭ ‬Putin ha anche detto che,‭ ‬la Russia aveva notato il transito in Turchia di petrolio sotto il controllo dei terroristi  dal territorio siriano.‭

Putin ha detto‭ ‬che è un dato di fatto che l’Isis non solo riceve le entrate provenienti dalla contrabbando di petrolio,‭ ‬ma ha anche la protezione dei militari di una nazione ‭(‬che significa la Turchia‭)‬.‭ ‬Questo potrebbe spiegare il motivo per cui il gruppo terrorista è così audace nell’intraprendere azioni terroriste in tutto il mondo,‭ ‬ha aggiunto,‭ ‬avvertendo che l’incidente avrà gravi conseguenze riguardo alle relazioni della Russia con la Turchia.‭ ‬Il fatto che la Turchia non abbia cercato di contattare la Russia a seguito dell’incidente e si è precipitata a chiedere una convocazione si una riunione della NATO invece dimostra che la Turchia vuole che la Nato sia al servizio degli interessi dell’Isis,‭ ‬ha aggiunto.‭

La reputazione di Putin in Russia dipende dalla sua immagine di uomo duro che non si piega di fronte ai nemici della Russia,‭ ‬in particolare all’America.‭ ‬Egli non può permettere che un insulto come quello lanciato da Erdogan resti impunito.‭ ‬Quale forma avrà la punizione non è chiaro.‭ ‬Ma una cosa è molto chiara:‭ ‬qualunque azione decida di intraprendere sarà comunicata agli americani in tempo utile.‭ A questi ultimi potrà non piacere‬,‭ ‬ma non avranno altra alternativa che ingoiarla.‭

Le continue richieste di pazienza e moderazione finche «i fatti» non siano indagati a fondo indicano che lo stato d’animo a Bruxelles e a Washington non è bellicoso ma estremamente nervoso.‭ ‬Il fatto è che sia gli americani che gli europei vogliono che mosca sia parte della soluzione in Siria.‭ ‬Faranno tutto il possibile per tranquillizzare i russi e mettere un freno ai turchi.‭

Secondo alcuni notiziari i due piloti russi sono stati uccisi dalle forze turkmeni.‭ ‬Se ciò fosse vero, causerà un’ondata di furore in Russia.‭ ‬Ci si può tranquillamente aspettare scintille sul terreno diplomatico a cui molto probabilmente seguiranno altre, reali.‭ ‬Ma la terza guerra mondiale non è in procinto di iniziare a breve.‭

Londra ‬24‭ ‬novembre‭ 2015, ore‭ ‬15.00.‭

Articoli correlati

Aleppo, Mosul e l’ipocrisia imperialista

Spesso si dice che esistono le bugie, le grandi bugie e la statistica. A questa lista dovremmo aggiungere la diplomazia, la cui capacità di mentire si è ormai elevata a vera e propria forma d’arte. È compito dei marxisti quello di aprire uno squarcio nel velo della diplomazia e della propaganda, per metterne in evidenza il cinismo e mostrare i veri interessi che nasconde.

1991-2016 – La guerra infinita degli Stati uniti

“Missione compiuta!” così George Bush figlio celebrò, il Primo maggio 2003, la “liberazione” dell’Iraq e il rovesciamento di Saddam Hussein. Mai parole furono così improvvide, osservando anche solo in maniera superficiale la situazione attuale non solo dell’Iraq, ma di tutto il Medio oriente.

Libia, Siria, Iraq – No alla guerra imperialista!

Tutto è pronto per l’intervento militare italiano in Libia. Il 25 febbraio scorso si è riunito al Quirinale il Consiglio supremo di Difesa che ha deciso di avviare la predisposizione del contingente italiano. Ashton Carter, capo del Pentagono, ha già fornito la benedizione a una coalizione guidata da Roma.

Cessate il fuoco in Siria: che cosa comporterà?

A partire dal tramonto di ieri (12 settembre) un nuovo importante cessate il fuoco è stato concordato in Siria. Ma cosa comporterà per la Siria, il Medio Oriente e le relazioni mondiali?

Autonomia, autodeterminazione, socialismo – Quali prospettive per la lotta del popolo kurdo?

La situazione in Kurdistan evolve a velocità accelerata. Mentre in Siria la conquista di Raqqa da parte delle Forze Democratiche Siriane (Fds), egemonizzate dai kurdo-siriani delle Unità di protezione del popolo (Ypg), è nella fase finale e infliggerà un ulteriore duro colpo all’Isis, nel Kurdistan iracheno il presidente e padre-padrone Massud Barzani ha convocato per il 25 settembre un referendum non vincolante sull’indipendenza.

Siria – L’intervento russo e l’impasse dell’imperialismo Usa

Dopo quattro anni di guerra civile, 300mila morti e milioni di profughi, il conflitto in Siria entra in una nuova fase. La Russia ha deciso di intervenire e dalla fine di settembre sta bombardando sistematicamente il territorio controllato dalle milizie anti-Assad e dall’Isis.