16 febbraio 2016

Castelfrigo: le cariche e le intimidazioni non fermano la lotta

Castelnuovo Rangone (Mo) – Alla Castelfrigo è ripreso lo sciopero ad oltranza con presidio, dopo che l’azienda ha interrotto in maniera unilaterale le trattative.

Dopo che a fine gennaio i lavoratori esterni, seguiti dalla maggioranza dei lavoratori diretti, erano scesi in sciopero richiedendo che venisse riconosciuta la loro reale mansione, l’azienda aveva accettato di aprire un tavolo di trattativa. I lavoratori decidevano quindi di sospendere la mobilitazione (vedi Rivoluzione n.14).

A quel punto la Castelfrigo è tornata ad assumere un atteggiamento intransigente, chiudendo ogni possibile discussione.

Ma non ha fatto i conti con la determinazione dei lavoratori, che giovedì sono immediatamente tornati in sciopero ad oltranza, bloccando completamente la produzione.

Una determinazione tale che ha spinto la Cgil a organizzare la mobilitazione, un tendone per ripararsi dalla pioggia battente e come punto ristoro, oltre che a portare lavoratori, delegati sindacali e i direttivi Fiom e Flai al completo davanti all’azienda in supporto ai facchini e ai picchettaggi.

L’azienda si sente forte non solo dell’appoggio dalle altre industrie del settore per le quali il riconoscimento delle leggi e quindi i diritti dei lavoratori, non e’ altro che una perdita di profitti quindi ben vengano le false cooperative che portano manodopera a basso costo, ma anche dalla politica, visto che nei giorni scorsi il deputato del Pd Matteo Ricchetti (ma non dubitiamo che abbia l’appoggio del partito al complete) ha definito lo lotta alla Castelfrigo come “scioperi contro chi vuole lavorare”.

È in questo contesto che i padroni della Castelfrigo, hanno chiamato dei vigilantes e le forze dello stato per contrastare i picchetti. Dopo che venerdi scorso la polizia ha intimidito i lavoratori che volevano parlare con i (pochi) facchini che cercavano di entrare, ieri mattina ha effettuato una carica contro il picchetto. Il carattere intimidatorio è palese, dal momento che, a parte alcuni tempi determinati, i lavoratori, sia diretti che indiretti, sono rimasti fuori dai cancelli.

Il morale al presidio è alto, come pure la determinazione.

oggi ci sarà un ulteriore incontro tra l’azienda, i lavoratori e i rappresentanti di Flai e Filt. Se non ci saranno dei passi indietro da parte dei padroni, va alzato il livello dello scontro, organizzando una cassa di resistenza e uno sciopero provinciale, perché come stanno dimostrando queste giornate, non ci sono istituzioni amiche, ma solo la lotta unita dei lavoratori.

Articoli correlati

Messina – I politici piangono, ma solo gli operai muoiono

Porto di Messina, 29 novembre 2016. Quattro operai stanno svolgendo lavori di manutenzione nella nave “Sansovino”, imbarcazione che fa la spola tra Messina e Lampedusa.

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

Bormioli – Difendiamo la lotta dei facchini, la lotta di tutti i lavoratori

La manifestazione e lo sciopero organizzati da alcuni funzionari Cgil a Fidenza contro la lotta dei facchini sono cose che mai avremmo voluto vedere.

Almaviva – la parola ai lavoratori!

Pochi giorni fa i lavoratori Almaviva si sono espressi in stragrande maggioranza contro l’ipotesi di intesa proposta dall’azienda. Intervistiamo Antonio Esposito che è RSU per l’ Slc-Cgil del sito napoletano dell’azienda leader dei call center in Italia.

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore