12 febbraio 2017

Brasile: in difesa delle libertà democratiche e sindacali e dei diritti dei lavoratori

Il Sintrasem, sindacato dei lavoratori municipali di Florianópolis, è sotto l’attacco dell’amministrazione comunale e della magistratura. Serve la solidarietà internazionale!

—-

 

Compagni,

Il Sintrasem è sotto l’attacco dell’amministrazione comunale e della magistratura. Lo sciopero dei lavoratori contro un pacchetto di misure approvato dal sindaco Gean Loureiro (PMDB, il Partito del Movimento Democratico Brasiliano, un partito borghese,ndt), che prevede la cancellazione dei diritti acquisiti e tagli ai salari e alle pensioni, è stato dichiarato illegale dalla Corte Regionale del Lavoro, che ha ordinato la fine dello sciopero, una multa di 15000 real al giorno (5000 dollari americani) e ha scandalosamente deciso di tenere segreto il procedimento, come se si trattasse di un procedimento penale contro una banda criminale!

L’8 febbraio 2017, Diogo Pítsica, il procuratore generale del potere esecutivo, ha chiesto l’”incarcerazione dei leader del Sintrasem, le dimissioni del comitato esecutivo del sindacato e l’intervento statale nei confronti del sindacato allo scopo di ristabilire l’ordine costituzionale”.

Lo sciopero dei lavoratori comunali è cominciato il 5 gennaio 2017, mobilitando l’intera forza lavoro nonostante l’intenso caldo estivo. A gennaio anche gli insegnanti in ferie hanno partecipato al movimento. Il 7 febbraio, nella più grande riunione di massa nella storia del sindacato (con oltre 7000 lavoratori presenti) si è deciso:

1. di continuare lo sciopero ad oltranza dei lavoratori comunali (insegnanti, lavoratori della sanità e funzionari). Gli insegnanti hanno deciso di non cominciare l’anno scolastico e si sono uniti allo sciopero.

2. di non aprire trattative con il comune fino a quando il sindaco non revocherà l’intero pacchetto di attacchi contro i lavoratori comunali, pacchetto approvato dal Consiglio comunale per un solo voto.

3. di fronte alla minaccia fatta dal sindaco alla radio CBN in cui richiedeva l’arresto del presidente e del comitato esecutivo del sindacato, la riunione ha ribadito che lo sciopero continua e che nessuno si tirerà indietro.

4. i lavoratori hanno fatto appello a tutti gli altri settori, in particolare al COMCAP (il sindacato dei netturbini), di fornire la propria solidarietà e di unirsi alla lotta.

5. si terranno riunioni di massa nei quartieri con i genitori, gli studenti e tutti i sostenitori dello sciopero per spiegare loro le ragioni della lotta e per chiedere la loro solidarietà.

Questi attacchi sono parte degli attacchi più generali che la classe operaia sta subendo negli ultimi anni e che si sono intensificati con il governo illegittimo di Temer. Il governo federale con tutte le sue controriforme organizza e porta tutti i governi statali e locali a far pagare ai lavoratori la crisi che divora questo sistema e che non sono in grado di risolvere. Per continuare a promuovere la disuguaglianza e i privilegi di una minoranza sfruttatrice e dispotica, questo sistema corrotto e in bancarotta tenta di distruggere tutte le conquiste dei lavoratori.

I lavoratori del comune di Florianópolis resistono. Sono un esempio di lotta e di dignità, di forza e determinazione. Noi stiamo con loro. Siamo una sola classe operaia. Aspiriamo all’unità e alla lotta per porre fine a questo inferno sulla terra diretto dai capitalisti e dai loro governi.

Hanno bisogno della nostra solidarietà e del nostro sostegno politico, economico e morale. Mettetevi in contatto con il sindacato, diffondete la notizia di quanto sta accadendo. Non li lasceremo soli. La nostra classe è la nostra forza. La nostra organizzazione è la nostra arma. Vinceremo!

Chiediamo a tutti di firmare questa lettera e inviarla alle autorità e ai responsabili per la campagna in difesa del sindacato.

——–

Modello di lettera di solidarietà

 

A Gean Marques Loureiro, Sindaco di Florianópolis

A Diogo Pítsica, Procuratore Generale della città di Florianópolis,

A Vera Lucia Ferreira Copetti, Giudice Capo della Corte di Giustizia di Santa Catarina

Siamo solidali con le richieste dei lavoratori del municipio di Florianópolis, in particolare con la richiesta dell’abrogazione del pacchetto di misure adottate dal Consiglio Comunale su richiesta del sindaco Gean Loureiro, pacchetto che distrugge i diritti acquisiti, prevede tagli dei salari e distrugge le pensioni. Ci rivolgiamo ad ognuna delle autorità responsabili di questa situazione chiedendo loro:

1. il ritiro di tutte le misure di criminalizzazione giudiziaria nei confronti di questo movimento legittimo. Trattare i sindacati e i movimenti popolari come “casi di polizia” è l’espressione di un passato spregevole.

2. di ritirare la decisione di dichiarare lo sciopero illegale.

3. di ritirare tutte le misure repressive contro i dipendenti comunali e il loro legittimo movimento.

4. di ritirare e rifiutare qualsiasi richiesta di incarcerare i leader sindacali e di commissariare il sindacato, come se il Brasile fosse ancora nel periodo della dittatura militare.

La nostra è una solidarietà incondizionata con i lavoratori comunali e il loro sindacato e diffonderemo le notizie di questa campagna in Brasile e in tutto il mondo. Daremo a questa lotta sostegno politico e materiale perché sono in gioco i diritti democratici fondamentali e la libertà di espressione e di organizzazione. Le rivoluzioni sono state fatte in nome di questi diritti.

Dichiariamo:

chiediamo che vengano rispettati i diritti dei lavoratori, che vengano revocate tutte le decisioni giudiziarie che violano la libertà di associazione; che venga ritirata la richiesta di commissariamento del sindacato e l’arresto dei suoi leader eletti; che il diritto di sciopero venga rispettato e che vengano soddisfatte tutte le legittime richieste dei dipendenti pubblici di Florianópolis; questo richiede il ritiro del pacchetto di misure che tagliano salari e diritti e distruggono le pensioni.

 

 

Invia la presente risoluzione a:

Amministrazione comunale

procuradoria@pmf.sc.gov.br

smsgabinete@pmf.sc.gov.br – Salute

Secretaryedson@pmf.sc.gov.br – Ufficio pianificazione e gestione

secretariosme@pmf.sc.gov.br – Segreteria dell’Educazione

Corte di Giustizia:

ouvidor@tjsc.jus.br

tj.atendimento@tjsc.jus.br

cgj@tjsc.jus.br

 

Inviane copia anche ai seguenti indirizzi:

una copia al coordinamento della Campagna in Difesa dei Sindacati

Alex Santos (Presidente Sintrasem): alexsbsem@gmail.com

Sintrasem: http://www.sintrasem.org.br/

Alexander Mandl (legale dei movimenti sociali e membro della RENAP, la Rete Nazionale degli Avvocati e Procuratori Popolari):

alexandremandl@gmail.com

Sinistra Marxista: sorg@marxismo.org.br

 

Articoli correlati

Brasile: Unità in difesa dei diritti e delle conquiste dei lavoratori! Indipendenza e lotta di classe!

Il volantino diffuso da Esquerda marxista, la sezione brasiliana della Tmi, nel corteo dello scorso 31 marzo a San Paolo.

Brasile – Esquerda marxista chiede di aderire al PSOL

Nell’aprile scorso Esquerda marxista, la sezione brasiliana della Tendenza marxista internazionale, ha deciso, nella sua Conferenza Nazionale, di rompere con il PT (Partido do Trabalhadores), a fronte del processo irreversibile ed accelerato di liquidazione del partito come partito di classe.

Brasile – L’impeachment di Dilma apre nuove prospettive per la lotta di classe

Avvenimenti drammatici si sono svolti in Brasile la scorsa notte, quando il Congresso [Parlamento] ha votato per l’impeachment del presidente Dilma Rousseff. Tutto il paese stava seguendo il processo, suddiviso in due campi, da un lato quello reazionario borghese e piccolo borghese a favore dell’impeachment e dall’altro i giovani e i lavoratori contrari.

Lula – L’azione della Polizia Federale, del potere giudiziario e della stampa borghese e i loro obiettivi reazionari.

Esquerda Marxista condanna la misura coercitiva effettuata nei confronti di Lula affinchè deponesse in giudizio, verificatasi questo venerdì mattina (4 marzo), organizzata dalla Polizia Federale, insieme ai media borghesi, e la considera un attacco alle libertà democratiche.

Scuole occupate: in Brasile vince la lotta!

Dopo tre mesi di mobilitazioni e diverse settimane di occupazioni scolastiche, gli studenti dello Stato di San Paolo (Brasile) sono riusciti a respingere il piano di “riorganizzazione scolastica” presentato dal governo statale del Psdb, partito della borghesia brasiliana, guidato dal governatore Alckmin.

I dipendenti comunali di Florianopolis, esempio di lotta contro gli attacchi!

Dopo 38 giorni di sciopero, di fronte a una pressione brutale da parte dei media, alle minacce di reclusione dei dirigenti del sindacato Sintrasem, e alte giornaliere fino a 100mila reais, i lavoratori hanno imposto un enorme passo indietro al Sindaco e al consiglio comunale di Florianópolis.