29 gennaio 2018

Afrin – Appoggiamo la lotta dei curdi contro l’invasione della Turchia!

La Turchia ha iniziato l’attacco all’enclave di Afrin, controllata dai curdi, nella Siria nord-occidentale. I preparativi per questa operazione sono in corso da mesi. Le forze turche hanno circondato l’area da sud e, tramite i loro alleati – il cosiddetto Esercito libero siriano – da est hanno bombardato l’area e consolidato le loro posizioni nelle ultime settimane.

Per il regime di Erdogan, un’entità curda indipendente ai confini della Turchia è una minaccia perché rafforza il movimento della minoranza curda oppressa all’interno della Turchia.

Non ha mai nascosto il fatto che la sua priorità principale in Siria è sconfiggere il movimento curdo, che è guidato dal PYD, una organizzazione sorella del PKK in Turchia. I mass media in Occidente hanno taciuto su questi eventi. Questi ‘crociati per la libertà e la democrazia’ chiudono gli occhi sul fatto che ci sono 200mila uomini, donne e bambini in balia della brutale macchina da guerra approntata da Ankara. Washington, che ha utilizzato le forze curde per combattere l’ISIS, se ne è lavata le mani, sapendo benissimo ciò che Erdogan stava preparando.

La mappa del conflitto

Il portavoce del Pentagono, il maggiore Adrian Rankine-Galloway, ha detto riguardo ad Afrin il 16 gennaio, “Non consideriamo [i curdi] parte delle nostre operazioni di” Defeat ISIS ” (sconfiggi l’Isis, ndt), che è ciò che stiamo facendo qui. Noi non li appoggiamo e non abbiamo nulla a che fare con loro “.
Ovviamente i leader dell’UE, che hanno stretto un accordo osceno con Erdogan per arginare il flusso di profughi disperati provenienti dal Medio Oriente, non hanno detto nulla sull’attacco ad Afrin.

L’ultimo tassello del puzzle era la Russia, che era stata invitata dal PYD ad Afrin circa un anno fa come argine contro un’aggressione turca.

Ma dopo una serie di trattative durate un’intera settimana, la Russia ha deciso il 18 gennaio di ritirare le sue forze: subito dopo ha avuto il via l’attacco turco.

Il regime di Assad, cercando uno spazio in questa nuova situazione, ha avvertito ieri che avrebbe abbattuto gli aerei turchi, ma come ha detto il ministro della Difesa turco Nurettin Canikli venerdì; “La Turchia è ben consapevole che la capacità del regime di Assad di mettere in pratica le sue minacce contro la Turchia è ‘limitata’ “. Il regime di Assad è semplicemente un ostaggio di Russia e Iran che hanno chiaramente stretto un accordo con la Turchia. In ogni caso, il regime di Assad sembra essere stato “neutralizzato”in un modo o nell’altro. Vedendo il ritiro delle truppe russe, si sono diffuse voci secondo cui i leader curdi hanno contattato il governo siriano per il ritorno delle istituzioni dello stato de della bandiera siriane ad Afrin. È stato riferito che il regime ha rifiutato.

Come sempre, le “piccole” nazioni sono delle pedine negli scontri tra le grandi potenze. Una volta che hanno finito di usarli, non hanno remore a schiacciarli o a consentire che lo facciano altri. A un certo punto, gli Stati Uniti, la Russia, l’Iran e il regime di Assad hanno promesso ai curdi una qualche forma di sostegno. Persino Erdogan si appoggiava al movimento curdo in Turchia fino al 2014, quando il partito HDP con base curda divenne improvvisamente una minaccia per il suo governo. Ma la classe dominante non ha amici né nemici permanenti, ha solo interessi permanenti e nessuno dei governanti del Medio Oriente ha alcun interesse in un Kurdistan indipendente, che minaccerebbe l’unità statale della Turchia, della Siria, dell’Iraq e dell’Iran. Ciò che sta accadendo ora è un’indicazione su quale direzione prenderà il processo anche nel resto delle aree controllate dai curdi in Siria.

Il popolo curdo non può fidarsi di nessuno se non di se stesso e degli altri lavoratori oppressi e poveri della regione. La rivoluzione in Rojava è nata come parte della Rivoluzione siriana, nei suoi stadi iniziali e ha avuto successo solo grazie ai suoi metodi rivoluzionari e democratici che avevano fatto appello a larghi settori di lavoratori e poveri nella regione. Questi sono gli stessi metodi che possono oggi salvare Afrin. Innanzi tutto ciò che serve è un appello e una mobilitazione generale delle masse curde in Turchia, Iraq e Iran: un appello per manifestazioni di massa e scioperi in tutte le aree curde, per la fine della brutale guerra unilaterale contro i curdi. In secondo luogo, un appello dovrebbe essere rivolto a tutti i lavoratori e alle masse oppresse di questi paesi per unirsi alle masse curde nella loro lotta contro i governi reazionari, in particolare in Turchia, ma anche in Siria, Iraq e Iran. Infine, in occidente, è dovere dei leader del movimento operaio quello di opporsi al comportamento criminale dei governi occidentali che sono complici dei crimini del regime di Erdogan.

La lotta del popolo curdo per il diritto di vivere liberamente secondo i propri desideri e di avere la propria patria deve essere la lotta di tutti i lavoratori e i giovani contro la classe capitalista, che trascina l’umanità in un pozzo nero di barbarie.

Abbasso la guerra ai curdi!

Abbasso il regime di Erdogan di assassini e ladri!

Abbasso l’imperialismo!

Appoggiamo il diritto delle masse kurde a decidere del proprio destino!

Viva la solidarietà internazionale!

Articoli correlati

La caduta di Aleppo e le nebbie della guerra

Aleppo è caduta. Dopo quattro anni di una guerra di logoramento sanguinosa la città più grande della Siria e il principale centro commerciale prima della guerra civile è di nuovo sotto controllo del regime di Assad. Per i ribelli e i loro sostenitori stranieri rappresenta un colpo umiliante che avrà conseguenze importanti a livello interno e internazionale.

Aleppo, Mosul e l’ipocrisia imperialista

Spesso si dice che esistono le bugie, le grandi bugie e la statistica. A questa lista dovremmo aggiungere la diplomazia, la cui capacità di mentire si è ormai elevata a vera e propria forma d’arte. È compito dei marxisti quello di aprire uno squarcio nel velo della diplomazia e della propaganda, per metterne in evidenza il cinismo e mostrare i veri interessi che nasconde.

La nauseante ipocrisia dell’attacco di Trump alla Siria

Nella giornata del 6 aprile la marina militare statunitense ha lanciato una serie di attacchi missilistici contro la base aerea di Al Shayrat nel governatorato centrale di Homs, in Siria. La posizione della Tendenza marxista internazionale.

La caduta di Aleppo e la resistenza del popolo curdo

La riconquista di Aleppo, la seconda città della Siria, da parte delle forze governative lo scorso dicembre, rappresenta un punto di svolta non solo nella guerra civile siriana, ma anche per il complesso delle relazioni mondiali. Una guerra civile sanguinosa, che ha distrutto un paese. Una tragedia umanitaria che ha pochi precedenti e che ha un unico responsabile: l’imperialismo.

Siria – L’intervento russo e l’impasse dell’imperialismo Usa

Dopo quattro anni di guerra civile, 300mila morti e milioni di profughi, il conflitto in Siria entra in una nuova fase. La Russia ha deciso di intervenire e dalla fine di settembre sta bombardando sistematicamente il territorio controllato dalle milizie anti-Assad e dall’Isis.

Cessate il fuoco in Siria: che cosa comporterà?

A partire dal tramonto di ieri (12 settembre) un nuovo importante cessate il fuoco è stato concordato in Siria. Ma cosa comporterà per la Siria, il Medio Oriente e le relazioni mondiali?