17 agosto 2016

Alan Woods e Esteban Volkov presentano la nuova edizione di Stalin, di Lev Trotskij

Città del Messico, sabato 20 agosto: presso la Casa Museo Lev Trotskij, Alan Woods, direttore di www. marxist.com e Esteban Volkov, nipote di Lev Trotskij, presenteranno l’edizione più completa mai pubblicata di “Stalin», l’ultima opera di Trotskij.

la scelta del giorno e del luogo non è casuale. Proprio il 20 agosto1940, nella residenza di Coyoacan ora diventata Museo, un sicario di Stalin assassinò il grande rivoluzionario russo.

Fra i lavori che Trotskij lasciò non conclusi fu la seconda parte del libro Stalin.

La nuova edizione inglese curata da Alan Woods e pubblicata dalla Tendenza marxista internazionale rende giustizia all’opera di Trotskij, depurando il testo da tutte le aggiunte e le manomissioni arbitrarie apportate da Malamuth, curatore dell’edizione uscita negli anni quaranta. Inoltre vede al suo interno tutto il materiale disponibile negli archivi conservati all’università di Harvard. Sono oltre 100mila parole mai pubblicate finora.

«La nuova edizione di Stalin ha aggiornato e arricchito il vasto arsenale della teoria marxista lasciato da Lev Trotskij»

«Voglio esprimere la mia grande ammirazione per lo sforzo entusiasta e tenace compiuto dai militanti del Socialist Appeal e della Tendenza marxista internazionale.»

Voglio rendere omaggio al marxista britannico Alan Woods (…) Credo non ci sia persona più adatta al compito di tradurre, curare e inserire questo nuovo materiale, di riorganizzare e rifinire il testo per produrre la versione migliore dell’ultima opera che il grande rivoluzionario marxista non fu in grado di completare.»

(dalla prefazione di Esteban Volkov)

Estevan Volkov con Alan Woods in una foto d’archivio

La presentazione mondiale di Stalin di Città del Messico sarà quindi un appuntamento da non perdere. Verrà fatto lo streaming dell’assemblea, il cui inizio è previsto per le 19 locali (corrispondenti alle due del mattino del 21 agosto in Italia) e che potrete seguire a questo link: https://youtu.be/qpsPbEQKWlU?t=2m.

 

13938228_1053677631383324_5473403254247554591_o

 

Per approfondire potete leggere:

Stalin di Trotskij, un capolavoro del marxismo di Alan Woods

La storia della biografia di Stalin mai finita da Trotskij di Rob Sewell

 

 

Articoli correlati

40 anni fa il Golpe in Argentina: una dittatura contro l’insorgenza operaia

Il 24 Marzo di quaranta anni fa le forze armate argentine guidate dal generale Jorge Rafael Videla diramavano un comunicato in cui dichiaravano che la Junta Militar assumeva nelle sue mani il governo del paese. Iniziava una delle più sanguinose dittature dell’America latina.

25 APRILE – Le lezioni inascoltate della storia

Per combattere il fascismo oggi bisogna comprenderne il carattere di classe, il suo ruolo nella lotta tra le classi al servizio dei padroni. Nel 73° anniversario della liberazione è necessario imparare dalle lezioni della storia, per non ritrovarsi impotenti e con in mano solo armi spuntate come gli appelli alla Costituzione.

99° anniversario della Rivoluzione d’Ottobre

Ricorre oggi il 99 anniversario della Rivoluzione d’Ottobre. Il 7 Novembre del 1917 (25 Ottobre secondo il calendario giuliano in vigore nella Russia dell’epoca), gli operai e i soldati di Pietrogrado, guidati dal Partito Bolscevico di Lenin e Trotskij, conquistavano il Palazzo d’Inverno, sede del governo provvisorio, portando così a compimento la prima rivoluzione proletaria vittoriosa nella storia dell’umanità.

1916-2016 – L’insurrezione di Pasqua a Dublino

Quest’anno ricorre il centenario dell’insurrezione di Pasqua del 1916. Un episodio poco conosciuto in Italia: la storia la scrivono i vincitori, e le ribellioni degli oppressi sono i primi avvenimenti ad essere occultati o se proprio necessario, vilipesi e calunniati.

50 anni fa nascevano le Pantere Nere

“Non mi fido più di voi, voi che continuate a dire «Andiamo piano!»” così cantava Nina Simone nel 1964, interpretando un sentimento molto diffuso tra la gioventù afroamericana. Anche se la schiavitù era stata abolita dopo la guerra civile (1865) per la comunità nera nel secondo dopoguerra la vita era ancora segnata dalla segregazione, dalla violenza e dalla povertà.

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.