15 agosto 2017

Aggressione fascista a Crema!

Lunedì notte, tra l’una e mezza e le due, a Ombriano, quartiere di Crema, c’è stata un’aggressione fascista.

Due individui su una macchina grigia hanno atteso l’orario di chiusura e hanno aspettato che i soci lasciassero il circolo.

A quel punto hanno inseguito il barista imboccando una strada nel senso opposto a quello di marcia e affiancando il volontario che rientrava verso casa. Uno dei due è sceso dall’auto e ha colpito più volte al volto il volontario dell’Arci mentre lo insultava per la sua militanza antifascista. Il tutto si è svolto in pochi istanti.

Poco dopo è salito in macchina e i due si sono dati alla fuga.

L’aggressore è stato riconosciuto come fascista sia per la retorica che per l’abbigliamento. Il compagno sta bene.

Ma il fatto è grave per due motivi:

1) l’aggressione era premeditata, mirata e codarda (in pieno stile fascista). Il compagno dell’arci è stato seguito e aggredito quando i due avevano la certezza di essere soli.

2) l’aggressione non colpisce solo un socio del circolo, ma tenta di colpire e intimidire un punto di riferimento per i giovani, le organizzazioni di sinistra e gli antirazzisti di tutto il cremasco.

L’aggressione è avvenuta il giorno dopo l’attentato nazista di Charlottesville e si inserisce in un clima in cui la Lega nord soffia sul fuoco del razzismo e si allea con organizzazione neonaziste e in cui il partito di governo stringe accordi col governo libico per internare i migranti ed impedirgli di raggiungere l’Europa e vara leggi come il decreto Minniti. Un clima in cui idee e metodi del fascismo vengono tollerati come un opinione, quando in realtà sono uno strumento per reprimere chi si oppone alle politiche della classe dominante.

Come Sinistra Classe Rivoluzione esprimiamo tutta la nostra solidarietà al compagno aggredito e al circolo, che anche per noi è punto di riferimento e luogo di agibilità.

La nostra solidarietà sarà spendersi in prima linea nell’organizzare una mobilitazione antifascista che sia capace di crearsi un consenso di massa tra i giovani e i lavoratori, evidenziando che il fascismo e i suoi metodi non sono una parentesi storica, ma uno strumento pronto all’uso nelle mani della classe dominante. L’unico modo per farla finita col fascismo è, pertanto, farla finita col capitalismo.

 

Articoli correlati

Il 25 APRILE
 nelle lotte di ieri e di domani

È questo il vero contenuto del 25 aprile e, per quanti sforzi facciano, è impossibile cancellare dalla coscienza popolare il significato della festa della Liberazione: il ricordo di chi ieri lottò contro il fascismo, il nazismo e contro la borghesia che li aveva messi al potere è da sempre un incoraggiamento per chi lotta oggi contro questo sistema.

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

1977-2017: nelle lotte dei compagni Walter vive!

Il 30 settembre di 38 anni fa veniva assassinato a Roma Walter Rossi, giovane militante di Lotta continua, per mano dei fascisti. Ad oggi nessuno è stato condannato per quel vile omicidio.
Ricordiamo il compagno Walter riproponendo un articolo scritto, in sua memoria, nel 2007.

Pavia: i fascisti aggrediscono ma i compagni si difendono

A Pavia nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 luglio, il capo provinciale di CasaPound, Lorenzo Cafarchio, ha prima insultato e poi attaccato con un pugno il responsabile di Sinistra Classe Rivoluzione a Pavia, il nostro compagno Mauro Vanetti.

Se si pensa che il problema siano i francesi… Sui reietti di Ventimiglia

400 profughi fermi a Ventimiglia. Vogliono attraversare la frontiera francese e recarsi lì dove hanno un famigliare, una promessa di lavoro, o semplicemente una lingua conosciuta con la quale ricominciare

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.