23 settembre 2015

Adiosu, compagno Enzo

Pesa dover scrivere qualche riga su un compagno che ancora si immagina vicino. È impossibile far scorrere le dita sulla tastiera senza che le lacrime bagnino le une e l’altra.

Enzo Mele ci ha lasciati, dopo una breve e aggressiva malattia, ma ci ha lasciato in eredità il suo sorriso, la sua tenerezza racchiusa in un corpo roccioso forgiato dalle fatiche operaie e dalla sua passione per la natura, la sua determinazione, la sua fiducia nell’umanità e nella prospettiva comunista.

Militante politico e sindacale della sua classe di appartenenza, Enzo è stato salutato dalle sue belle bandiere, dai pugni chiusi levati al cielo, dalle note dell’Internazionale e dagli interventi dei compagni. Classe 1960, aveva deciso di aderire a Rifondazione comunista nel 2008 dopo il fallimento governativo dell’allora nucleo dirigente, non riuscendo nell’intento di trasformare “questo partito riformista”, come sempre precisava.

Negli ultimi congressi aveva sostenuto le posizioni della tendenza marxista consapevole della necessità di un partito di classe di massa che, non essendoci ancora, purtroppo non vedrà. Ma che vorrà siano i suoi compagni a contribuire a costruirlo.

Adiosu Enzo

Articoli correlati

Stato e rivoluzione, di Lenin

Quando nel 1917 Lenin scrisse Stato e rivoluzione gli avvenimenti politici in Russia stavano attraversando una inarrestabile accelerazione. Un mese dopo la scrittura del testo la rivoluzione trionfò portando al potere

Rivoluzione n° 12

Lavorare senza fine? Diciamo no! Correlati

Il “grande gioco” delle cooperative di distribuzione

Era facilmente prevedibile che la crisi economica e il conseguente calo di vendite, dovuto a disoccupazione e cassa integrazione, avrebbe avuto conseguenze importanti sulla grande distribuzione, privata e cooperativa. Che

Francia – Dopo il secondo turno, preparare la controffensiva al governo Macron !

Lo scorso fine settimana in Francia, durante il secondo turno delle elezioni legislative, il 57,4% degli elettori non si è recato alle urne. La composizione della nuova Assemblea Nazionale è più che mai slegata dalla realtà politica del paese.

Il giorno della donna

In occasione della Giornata internazionale della donna, oggi 8 marzo pubblichiamo questo articolo scritto nel 1913 da Aleksandra Kollontaj, rivoluzionaria russa e dirigente del partito bolscevico.

Ciao compagna Miranda

Dopo una breve malattia, ieri è venuta a mancare la compagna Miranda Belletti.